La copertura a “vela” di Palazzo Italia

Stahlbau Pichler ha realizzato la vela di Palazzo Italia

Il Padiglione Italia ha previsto la realizzazione di Palazzo Italia (circa 13.200 mq su 6 livelli fuori terra, dimensioni 57,5 m x 57,5 m x 25 m) e degli edifici temporanei del Cardo (circa 13.700 mq su 3 livelli fuori terra).

A copertura di Palazzo Italia, una “vela” dal design innovativo interpreta l’immagine della chioma di una foresta, caratterizzata da vetro fotovoltaico e da campiture geometriche per lo più quadrangolari, sia piane che curve, assieme all’involucro ramificato dell’edificio è espressione d’innovazione sia in termini di progettazione che di tecnologia.
 

Foto: Luigi Filetici
 
L’andamento della copertura trova il suo punto di maggior espressione architettonica in corrispondenza del cuore della piazza interna; un grande lucernario vetrato di forma conica si inserisce in “sospensione” sulla piazza e sulla scala centrale irradiandole di luce naturale.
La spettacolare vela di copertura in acciaio e vetro, ampia circa 4.500 mq e caratterizzata da un complesso disegno tridimensionale, è sicuramente una delle sfide tecnologiche più avvincenti nella progettazione e realizzazione di Palazzo Italia.
La struttura spaziale, del peso complessivo di 350 tonnellate, è costituita da un’orditura primaria in travi reticolari in acciaio realizzate con correnti superiori ed inferiori in profili tubolari a sezione circolare di qualità S355J2H e puntoni verticali in piatti sagomati.
La carpenteria metallica è completata da un’orditura secondaria in profili tubolari circolari e da nodi di collegamento realizzati con giunti nascosti.
La definizione della tipologia di vetro impiegato nelle differenti porzioni di superficie è stata particolarmente accurata: circa 2.000 fissaggi puntali sono stati studiati ad hoc per sostenere vetri stratificati, vetrocamera ed elementi fotovoltaici planari o curvi. Palazzo Italia, conclusa l’Esposizione Universale, resterà un’opera permanente e vince così le sfide dell’innovazione e della sostenibilità.
 
Foto: Luigi Filetici
 
The Italian Pavilion envisages the construction of Palazzo Italia (about 13,200 square meters on six floors above ground, size 57.5 meters x 57.5 meters x 25 meters) and some temporary buildings above the Cardo (about 13,700 square meters on three levels above ground).
The roof Palazzo Italia will be an innovative “sail”, which is an interpretation of a forest canopy, with photovoltaic glass and flat and curved geometric shapes (often squares).
Together with the building’s envelope of “branches”, it will be a manifest expression of innovation in design and technology. The roof reaches its architectural height above the inner piazza, where a massive glazed conical skylight “hangs” over the square and the central steps, radiating natural light.
Covering some 4,500 square meters and characterized by a complex three-dimensional design, the spectacular sailing roofing in steel and glass is definitely one of the most exciting technological challenges in the design and construction of Palazzo Italia.
The structure, of the total weight of 350 tons, is constituted by primary beam layout in steel trusses, made with the upper and lower rafters tubular in hollow sections grade S355J2H and vertical struts in shaped plates.
The steel carpentry is completed by a secondary framework in circular hollow sections and connection nodes made with hidden joints. The definition of the kind of glass employed in the different lots of the area is particularly accurate: about 2,000 fastenings tips are designed specifically to support laminated glass, double glazing and planar or curved photovoltaic elements. At the end of EXPO, Palazzo Italia will remain a permanent building and it wins the challenges of innovation and sustainability.
 
VELA COPERTURA PALAZZO ITALIA - EXPO MILANO 2015
Committente: EXPO 2015 spa
Design: Nemesi & Partners srl, Arch. Michele Molè and Arch. Susanna Tradati
Engineering e Cost Management: Proger spa
Strutture e impianti: Bms Progetti srl
Sostenibilità ambientale: Prof. Ing. Livio de Santoli
Edificio: Italiana Costruzioni spa
Involucro ramificato: Italcementi spa e Styl-Comp Group
Vela di copertura: Stahlbau Pichler srl
Immagini: Luigi Filetici