Con questo cambiamento climatico non possiamo continuare a vivere (e lavorare) in case di vetro

INGENIO ha trovato un interessante articolo sul WEB di cui pubblichiamo una sintesi. L'argomento è molto attuale e non può che stimolare una discussione sulle considerazioni esposte.

Il cambiamento climatico vuol dire che non possiamo continuare a vivere (e lavorare) in case di vetro
David Coley, Università di Bath

Come facciamo a progettare edifici oggi per il tempo di domani? Mentre il mondo si riscalda e tempo estremo diventa più comune, l'architettura sostenibile è probabile che significa una maggiore vittima: il vetro.

Per decenni il vetro è stato ovunque, anche nella cosiddetta architettura "moderna" o "sostenibile", come Gherkin di Londra. Tuttavia, in termini di energia, il vetro è estremamente inefficiente - ha perdite di calore nelle fredde notti invernali e trasforma gli edifici in serre nelle giornate estive.

Ad esempio, il valore U (una misura di quanto calore viene disperso attraverso un dato spessore) di triplo vetro è di circa 1.0. Tuttavia, un semplice intercapedine di mattoni con un po 'di isolamento è 0.35 - vale a dire tre volte inferiore - mentre una parete ben isolata avrà un valore U di appena 0,1. Così ogni metro quadrato di vetro, anche se è triplo vetro, perde dieci volte più calore di un muro.

Ma il clima sta cambiando, e se 0.5 ? di aumento della temperatura media mensile può fare la differenza in termini di energia utilizzata da un sistema di condizionamento d'aria, uno sbalzo di temeratura (in alto o in basso)  può generare problemi molto più gravi. Gli edifici sono infatti progettati per gestire estremi, non solo le medie.

Gli architetti e gli ingegneri di tutto il mondo sono ora a dover lottare con questo problema, tanto più che gli edifici durano così a lungo e non è possibile spostare gli edifici di un clima migliore. E in molti paesi "caldi" si è trascorso gli ultimi 30 anni a progettare gli edifici simili a quelli che si trovano nei paesi più temperati, con enormi esigenze poi dal punti di vista degli impianti di condizionamento. I grattacieli di Las Vegas e Dubai, per esempio, sono proprio come gli edifici si potrebbe vedere a Londra o Boston, pur essendo costruita nel bel mezzo di un deserto.

Le costruzioni, e il modo di costruire, dovranno essere riviste. Riscaldamento, illuminazione, l'approvvigionamento energetico, aria condizionata, scale mobili, reti e così via - tutti questi "servizi di costruzione", dovranno essere messi a nudo subito equei servizi che restano dovranno utilizzare pochissima energia - e forse generare l'energia di cui hanno bisogno sul posto.

E, per fre questo, abbiamo bisogno di costruire edifici con finestre, piuttosto che gli edifici che sono una grande finestra.

Forse dovremmo guardare al Mediterraneo. La gente ha soprattutto vissuto in paesi come la Grecia, per esempio, senza aria condizionata - ed è vero che tale pesante, edifici a pareti spesse con piccole aperture sono in grado di moderare condizioni esterne molto bene.

Dobbiamo ancora inventare un'architettura che sia pronta per qualsiasi cosa accada al clima, ma è chiaro che abbiamo bisogno di prendere lezioni dal passato - e da altre culture. Non possiamo semplicemente "aria - condizionare" il nostro mondo.

FONTE: www.architectureanddesign.com.au/features/comment/climate-change-means-we-can-t-keep-living-and-work