Analisi di un dissesto statico in strutture metalliche per sostegno di pannelli fotovoltaici

Di un diffuso dissesto in bancate di un campo fotovoltaico, verificatosi in seguito a eventi nevosi nell’inverno 2013, vengono analizzate le cause in relazione all’adeguatezza delle strutture, in particolare quelle relative al nodo di collegamento tra le strutture del piano inclinato porta-pannelli e i piedritti di sostegno (fig.2), il cui cedimento è palesemente responsabile del dissesto. Su un totale di 160 bancate (ogni tavola, di dimensioni 3,15mx8,40m, porta 15 pannelli) approssimativamente il 30% ha subito il fenomeno con rotazione evidente del piano attorno al nodo di collegamento con i piedritti di sostegno, e pertanto la perdita dell’inclinazione di progetto (angolo di tilt). Le ipotesi possibili si presentano come: a) progetto ed esecuzione adeguata alle norme vigenti e dissesto indotto da scarsa manutenzione sui collegamenti bullonati, b) progetto ed esecuzione, relativamente al nodo di collegamento, inadeguato per le condizioni di carico previste dalla normativa vigente.

Descrizione del dissesto

Come illustrato dalle foto allegate, oltre alla perdita di configurazione originale delle bancate, con rotazione rigida rispetto ai piedritti di sostegno e aumento della pendenza del piano, si è osservato un cedimento del collegamento bullonato del supporto posteriore, con forte deformazione flessionale trasversale delle ali ai lati dell’asola centrale, in qualche caso con espulsione del bullone inferiore, in qualche caso con deformazione flessionale evidente del profilo a U. Nel supporto anteriore, peraltro decisamente molto più rigido, non si evidenziano deformazioni accentuate, ma in alcuni casi uno scorrimento verticale, anche dell’ordine di alcuni cm, della giunzione.

ALL'INTERNO DELL'ARTICOLO ALCUNE CONSIDERAZIONI SULLE COMBINAZIONI DI CARICO E LA DESCRIZIONE DETTAGLIATA DELL'ANALISI DEL COMPORTAMENTO DEL NODO.