Travi in spessore in calcestruzzo fibrorinforzato

L’aggiunta di fibre alla matrice cementizia in misura variabile si è dimostrata efficacie in termini di aumentata duttilità e resistenza in fase fessurata (tenacità), in molteplici applicazioni strutturali e non.

Tuttavia l’uso del calcestruzzo fibrorinforzato in elementi strutturali risulta piuttosto circoscritta causa la limitata sperimentazione e le poche formulazioni progettuali presenti nelle normative internazionali. Il Model Code 2010 ha però riconosciuto il calcestruzzo fibrorinforzato come materiale strutturale, così come l’American Concrete Institute nel 2008. Pertanto, in accordo al Model Code 2010, le future normative europee ed italiane consentiranno l’uso del calcestruzzo fibrorinforzato in applicazioni strutturali.
Una delle applicazioni strutturali del calcestruzzo fibrorinforzato è il rinforzo a taglio di travi in spessore.
Al fine di valutare la possibilità di sostituire l’armatura tradizionale con il rinforzo fibroso, trenta travi in spessore con diversa larghezza (b) e contenuto di fibre sono state realizzate e testate presso l’Università degli Studi di Brescia. I risultati sperimentali (Figura 1) hanno mostrato come l’aggiunta del rinforzo fibroso incrementi significativamente la duttilità e la resistenza a taglio dell’elemento strutturale, modificando la tipologia di collasso (da taglio a flessione). Le fibre possono quindi essere utilizzate nelle travi in spessore sia come armatura minima a taglio che armatura di calcolo (richiesta per equilibrio). Le fibre migliorano inoltre il comportamento delle travi in spessore in esercizio (stati limiti di esercizio) riducendo la freccia (le fibre migliorano il tension stiffening incrementando la rigidezza post-fessurativa) e le aperture di fessura, con conseguente incrementano anche della durabilità dell’elemento strutturale.
 

Figure 1: Campagna sperimentale su travi in spessore: curva carico-freccia in mezzeria (a); collasso a taglio di una trave in spessore senza rinforzo a taglio

CONTINUA A LEGGERE...SCARICA IL PDF