Collegato Ambientale 2016: tutte le novità per ambiente, appalti, edilizia

25/11/2015 4792

Il Collegato Ambientale alla Legge di Stabilità contiene misure specifiche su tracciabilità dei rifiuti, appalti pubblici, sicurezza e valutazioni di impatto ambientale, dissesto idrogeologico, risparmio energetico, fiscalità green e Green Economy

SCARICA IL TESTO DEL MAXIEMENDAMENTO AL DDL STABILITA' (AGGIORNAMENTO 20 NOVEMBRE)

La Legge di Stabilità, tornata alla Camera dopo l'approvazione del maxiemendamento al Senato, è ormai pronta. E con lei anche il Collegato Ambientale 2016, disegno di legge n. 2093-A AC, recante “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali“. Vediamo i punti salienti.

Edilizia
Tante le novità sugli interventi di nuova costruzione: è infatti necessario il permesso di costruire per interventi di installazione di manufatti leggeri, anche prefabbricati, e di strutture di qualsiasi genere quali roulotte, camper, case mobili e imbarcazioni utilizzati come abitazioni, ambienti di lavoro o depositi, magazzini e simili, e non diretti a soddisfare esigenze meramente temporanee.

Rifiuti
Ridefinizione degli obiettivi di raccolta differenziata (RD) dei rifiuti urbani in ogni ambito territoriale ottimale, in modo da premiare i Comuni più virtuosi, mentre chi non raggiunge gli obiettivi paga un’ecotassa alle Regioni. Le somme confluiscono in un fondo per finanziare, tra l’altro, gli incentivi per l’acquisto di prodotti e materiali riciclati.

Proroga Sistri 
Il Collegato Ambientale elimina le sanzioni fino alla fine del 2015 e proroga di altro anno la piena operatività del SISTRI, il sistema per la tracciabilità dei rifiuti. Le PMI, ne continuano a chiedere l’abolizione.

Appalti verdi
Nel Collegato Ambientale vengono introdotti i Criteri Ambientali Minimi (CAM) negli appalti pubblici di forniture e negli affidamenti di servizi (servizi energetici per gli edifici, attrezzature elettriche da ufficio, lampade e sistemi di illuminazione, affidamento della gestione dei rifiuti urbani, forniture di cartucce toner e a getto di inchiostro). Fra i criteri di valutazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa negli appalti pubblici viene inserito il possesso di un marchio Ecolabel, mentre nell’assegnazione di contributi, agevolazioni e finanziamenti in materia ambientale viene ritenuto titolo preferenziale la registrazione EMAS. Si tratta di norme che incentivano l’utilizzo di certificazioni ambientali di stampo europeo.

Green Economy: incentivi fiscali 
Ci sono anche importanti misure per il rilancio della mobilità sostenibile (35 milioni di euro per un programma sperimentale nazionale casa-scuola e casa-lavoro, ad esempio iniziative di car pooling o di bike sharing). Nel Collegato Ambientale 2016 previsti anche incentivi fiscali per i prodotti realizzati con materiali riciclati. Imolre, nuove regole per lo smaltimento degli impianti fotovoltaici, dotati di un sistema di garanzia finanziaria e di geo-localizzazione, che assicura la corretta gestione del loro smaltimento finale.

SCARICA IL TESTO DEL MAXIEMENDAMENTO AL DDL STABILITA' (AGGIORNAMENTO 20 NOVEMBRE)