Come calcolare il compenso del CTU? dal CNI un’utile guida

Il documento fornisce indicazioni generali sulle modalità di compilazione delle note di liquidazione dei compensi per l'attività svolta in ambito giudiziario.
 
Dopo tanto parlare di compensi CTU, il CNI, su iniziativa del Gruppo di lavoro "Ingegneria Forense" coordinato dal Consigliere Andrea Gianasso, al fine di fornire utili indicazioni per il comportamento degli iscritti nella richiesta del compenso per le prestazioni prestate in ambito giudiziario come ausiliari del giudice, ha predisposto il documento "Considerazioni sulla normativa vigente in tema di onorari, indennità e spese dei periti e dei CTU in ambito penale e civile".
 
LA PROCEDURA IN SINTESI. Secondo quanto indicato nel documento, l'iter per la determinazione del compenso del consulente del Giudice, risulta il seguente:
- esame del quesito per verificare se lo stesso si può ritenere riferito ad un unico tema o soggetto o piuttosto ad una pluralità di temi o soggetti (v. premessa punto "c" e punto 3);
- individuazione degli articoli dell'allegato al D.M. 30.05.2002 da applicare;
- determinazione del compenso (onorario) per ogni prestazione eseguita, ossia per ogni articolo dell'allegato al D.M. 30.05.2002 considerato (v. punti 2.1. 2.2 e 2.3);
-  verifica della sussistenza della condizioni per l'applicazione dell'art. 52 del D.P.R. n. 115/02, che prevede che per le prestazioni di eccezionale importanza, complessità e difficoltà gli onorari possano essere aumentati sino al doppio; nel caso, aumento dell'onorario in precedenza calcolato in base alla percentuale ritenuta congrua (v. punto 4);
- elencazione delle spese come indicato al punto 5;
- precisazione che l'importo richiesto deve essere considerato al netto dell'IVA e del contributo previdenziale.
 
OBIETTIVI. Con la realizzazione del documento, l’auspico del Consiglio Nazionale degli Ingegneri è quello sia di aiutare gli iscritti nella formulazione delle richieste di liquidazione, sia di presentarlo e diffonderlo presso i Tribunali territoriali con lo scopo, innanzitutto, di chiarire quali siano le modalità di predisposizione delle istanze di liquidazione secondo il parere del Consiglio Nazionale.
 
È chiaro che La stipulazione di un protocollo di intesa con i Presidenti dei Tribunali risulterebbe utile sia per uniformare il più possibile e rendere trasparente, sotto questo punto di vista, il comportamento degli ingegneri che operano come ausiliari del giudice, sia come supporto agli stessi Giudici nelle liquidazioni dei compensi.
 
Scarica i documenti:
Considerazioni sulla normativa vigente in tema di onorari, indennità e spese dei periti e dei CTU in ambito penale e civile

Note di accompagnamento:  un riepilogo sintetico dell'iter della procedura per la determinazione del . compenso e con suggerimenti in merito alle richieste da formulare ai Tribunali.