Impermeabilizzazione di lastrici solari mediante soluzione in resina

 

 
Nell’articolo si riporta in dettaglio una possibile soluzione di intervento per lastrici solari posizionati in piani elevati ed in contesti abitativi complessi come i centri storici italiani.
 
In questi contesti i tradizionali interventi di demolizione e rifacimento sono difficilmente perseguibili.
 
Si mostra a seguire un intervento avvenuto al nono piano di un centro storico italiano.
 
I progettisti, per l’impermeabilizzazione primaria, si sono orientati su una soluzione in resina a vista, applicata direttamente sulla superficie preesistente, evitando così demolizione e movimentazione di macerie.
 
I progettisti hanno avuto cura di selezionare un sistema resinoso certificato CE secondo le ETAG005, marcatura CE che ha come destinazione d’uso la realizzazione di impermeabilizzazioni primarie rese con impermeabilizzanti liquidi. Questo tipo di certificazione permette al contempo di ottenere le obbligatorie DoP (dichiarazioni di prestazione) per la corretta destinazione d’uso.
Nello specifico è stato selezionato un sistema che offriva la massima durabilità prevista dalle certificazioni CE: 25 anni in classe W3.
 
Come rivestimento calpestabile i tecnici si sono invece orientati su un pavimento galleggiante in legno, in parte seguendo gli orientamenti estetici del committente, in parte per lasciare l’impermeabilizzazione primaria ispezionabile e direttamente manutenibile.
 
La vecchia superficie era stata realizzata negli anni ’90 con un simile sistema.
 
A seguire si mostrano prima le immagini dello stato inziale del lastrico, poi le diverse fasi dell’intervento.
 
Il sistema selezionato prevede una applicazione di circa 3.5 Kg/m2 di resina impermeabilizzante armata con tessuto non tessuto, applicata bagnato su bagnato (quindi senza tempi di attesa tra le due mani di resina).
L’applicazione viene prima realizzata su tutti i perimetri e “dettagli” della copertura, quindi viene applicata sulle parti orizzontali.
 
 A seguire alcune foto precedenti l’inizio lavori: vista d’insieme e dettagli:
 
 
  
 
 Si sono quindi impermeabilizzati tutti i dettagli della copertura: piantoni della ringhiera, perimetri e risvolti dell’edificio e del lucernario.
 
A seguire le foto descrittive:
 
  
Infine si è proseguito a impermeabilizzare l’intera superficie:
 
 
 
Al termine dell’impermeabilizzazione si è quindi proceduto a posare la pavimentazione galleggiante in legno:
 
 
A seguire le foto del lavoro finito:
 
 
Sistema impermeabilizzante utilizzato: Kemperol 2K Pur
Produttore: Kemper System Italia 
Per approfondimenti: www.kemper-system.it 
Approfondimenti su Certificazioni CE ETAG 005 clicca qui