Metodi e strumenti BIM-oriented per il rilevamento digitale

I cantieri del Duomo di Milano e della Metropolitana di Napoli

Abstract
Le esperienze di rilievo condotte in questi ultimi anni hanno dimostrato come le discipline della geomatica possano concorrere attivamente nel processo di documentazione del patrimonio costruito esistente. E’ possibile affermare che le tecniche di rilievo a disposizione oggi permettono di ‘risolvere’ praticamente qualsiasi tipo di richiesta, si riescono ad acquisire dati geometrici di oggetti semplici e complessi anche lavorando simultaneamente con i cantieri di restauro e i cantieri civili.
Si presentano qui sinteticamente due attività di rilievo, modellazione e gestione BIM relative a due contesti differenti. Il primo esempio fa riferimento alle attività in corso dal 2009 presso il Duomo di Milano.
Conservazione e fruizione del Duomo sono garantite dalla costante attività di conservazione alla quale il monumento è sottoposto, a cura della Veneranda Fabbrica. In questi anni sono state svolte attività di rilievo 3D integrato e multi scala, attività di modellazione e di gestione dei dati. I modelli 3D che oggi si utilizzano come supporto alle attività di cantiere sono il risultato di una articolata fase di modellazione proprio perché il modello 3D deve essere rappresentativo dello stato di fatto e deve descrivere ‘concio per concio’ l’intera struttura. Per non limitare l’utilizzo dei dati ai soli esperti e tecnici della Veneranda è stato progettato un sistema informativo BIM che permette di aggregare tutte le informazioni necessarie per la corretta documentazione delle fasi di lavoro. E’ un sistema per la consultazione/inserimento/modifica dei dati geometrici ed informativi flessibile e facilmente utilizzabile in contesti operativi differenti.
Il secondo esempio fa riferimento alle attività in corso presso la stazione Municipio della Metropolitana di Napoli. La costruzione della stazione "Municipio" è stata condotta simultaneamente alle indagini archeologiche che hanno permesso di documentare tutte le fasi storiche, da quelle più antiche a quelle moderne. La costruzione della stazione Municipio insiste su un’area particolarmente complessa sia dal punto di vista urbano che dal punto di vista dell’articolazione e profondità delle indagini. Le attività di rilievo strumentale e la successiva elaborazione e restituzione dei dati si svolgono in stretta collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici di Napoli; le attività svolte in situ vedono l’impiego della più moderna strumentazione fotogrammetrica e laser scanner per la produzione degli elaborati necessari a supportare il complesso iter relativo alla documentazione delle strutture antropiche che progressivamente emergono ed emergeranno a seguito degli scavi.
In entrambi i casi le attività in corso e il positivo bilancio che è possibile fare confermano come le moderne tecniche di rilievo, elaborazione e gestione dei dati possano soddisfare pienamente le esigenze di tutti i soggetti interessati.  

Tratto dal Convegno
Modellazione e gestione delle informazioni per il patrimonio edilizio esistente
Built Heritage Information Modelling/Management – BHIMM
Politecnico di Milano, 21/22 GIUGNO 2016

 

guarda il video dell'intervento


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su