Come creare una struttura a traliccio di tipo parametrico

L'immagine a fianco rappresenta una struttura metallica a traliccio, dalla forma di piramide tronca. Come ottenere questo risultato è quanto sarà di seguito spiegato.

Il percorso che seguiremo sarà il seguente:
1. creazione di una famiglia di massa parametrica
2. modifica delle superfici della famiglia
3. creazione di una famiglia di pannelli di facciata continua basati su motivo
4. Applicazione dei pannelli alle superfici della famiglia
5. inserimento della famiglia all'interno del progetto

Per prima cosa occorre creare una famiglia di massa in quanto per ottenere il solido che ci serviva, una piramidale a sommità tronca con base un triangolo isoscele, poiché questa era la configurazione di base che meglio si adattava al lotto e alle nostre finalità espressive.
Infine la piramide, a base triangolare, avrebbe dovuto avere il lato maggiore, verticale e non inclinato, come fosse il risultato della più diffusa piramide a base quadrata, tagliata lungo la diagonale.

Una famiglia parametrica in quanto questo ci avrebbe poi consentito di gestire al meglio le dimensioni complessive, base, altezza, larghezza, etc., fino a determinare quella più adatta.

Decisa la forma da ottenere, ne abbiamo definito i relativi parametri:

• larghezza del triangolo di base
• altezza del triangolo di base
• larghezza del triangolo di sommità
• altezza del triangolo di sommità (avente il rapporto con la base della sommità uguale a quello che l’altezza del triangolo di base ha con la base)
• altezza della piramide (distanza tra il triangolo di base e quello di sommità)
• superficie della pianta (parametro calcolato, che ci fornisce immediatamente un valore utile in fase di progettazione preliminare).

 
 

Evidenzio come sia opportuno che i parametri che definiscono le dimensioni della piramide siano parametri istanza.

Questo ci consentirà di avere più modelli contemporaneamente all’interno del progetto, al fine di verificare agevolmente quale sia quello dimensionalmente più adatto (al sito, alle richieste dimensionali, etc).

 

 

 

 

 

Per procedere alla costruzione del solido abbiamo quindi predisposto i relativi piani di riferimento:
• piano del triangolo di base
• piano del triangolo di sommità
• centro (sx/dx)
• centro (fronte/retro)

...CONTINUA L'APPROFONDIMENTO SUL PDF

 

L’autore è un istruttore Revit certificato Autodesk e tiene corsi in tutta Italia, direttamente presso le strutture che lo richiedono.
(cfr.: revit-aci.jimdo.com)


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su