Curiosità e gatti ai tempi nostri

Sull’integrazione di smart devices nelle reti produttive e sui perigli cui conduce l’esperimentar sfrenato. E vi si apprende che spesso l’Ingegner trae dall’impaccio.
 
Curiosità e gatti ai tempi nostri.
 
CATS & Co. è il fiore all’occhiello della nostra città. Il nome è l’acronimo di “CAD-CAM e Technical Services” ed è stata una mia geniale intuizione che ha colmato un gap di decennale arretratezza tecnologica. Ogni anno vengono blablerie di visitatori per vedere le nostre filiere blahblah Industry 4.0 blablante fatturato di blablero milioni incrementati di blableroblah.
 
La curiosità uccise il gatto...
 
Ora, le scrivo perché vorrei che capisse in quale situazione mi sono trovato la settimana scorsa e perché c’è stato quel piccolo problema con le consegne.
Come anticipavo, il nostro impianto è ultramoderno, abbiamo puntato sull’integrazione spinta e posso affermare con orgoglio che tutti i nostri dispositivi sono interconnessi ad un poderoso punto di raccordo centralizzato, in modo da avere la minor distanza possibile. E pensi che i pacchetti dati viaggiano alla velocità della luce, non scherzo. Zac… ed il pacchetto è già arrivato, è fantascienza pura, e noi la stiamo vivendo! Vedesse come lampeggiano gli switch nel nostro armadio, chiaro segno di attività continua: come noi neanche i nostri sistemi sono mai fermi.
 
Mi scusi, mi sono accorto che stavo divagando, ma sono così affezionato al nostro impianto che a volte mi sento di esserne una parte. Anzi, se ben vogliamo vedere posso scrivere, parlare, cantare (lo sa che le nostre password vanno pronunciate con determinate caratteristiche tonali?), gesticolare ed il nostro sistema mi riconosce e si comporta di conseguenza, docile come un boh, non saprei darle un termine di paragone. Pensi che mi basta schioccare le dita in un determinato modo ed ecco che parte la filiera di produzione. Non vedrà cose del genere neppure all’estero: tutto è interfacciato ad un assistente vocale di cui avevo rilevato la password grazie ad un analizzatore di rete, e funziona che è una meraviglia. Niente più parole inutili sul lavoro, solo comandi mirati.
 
Un impianto così richiede un controllo completo su ogni singolo componente, e mi vanto di tenere sempre aggiornato l’elenco dei dispositivi connessi alla rete, a volte mi sento come un cartografo che redige la mappa di una complicatissima città, visto che al nostro armadio di rete arrivano fibre ottiche, rame, cavi seriali, bus-can, coassiali e non solo: anche gli ultimi arrivati cominciano ad occupare una buona parte dello spazio, sto parlando di apparati in grado di gestire le comunicazioni via Wi-Fi, Bluetooth, ZigBee ed i sistemi di trasmissione wireless più diffusi. La nostra regola aurea è questa: tutto deve essere interconnesso in un unico punto, per poter dialogare. La piazza globale.
 
Un unico punto, un grande firewall per proteggere dai cybercosi, anche se noi non temiamo che ci cryptocosino i dati perché buona parte delle nostre attrezzature sono così piccole da non avere neppure il sistema operativo, almeno penso. In ogni caso eventuali intrusi si perderebbero nella nostra rete, senza la mia mappa. Poi per rendere più sicura la rete abbiamo alcuni strumenti che cambiano in determinati istanti della giornata gli indirizzi degli apparati, secondo dei criteri che ho scritto con una formula sulla mia mappa. Non posso darle altri dettagli perché queste mie intuizioni sono così innovative da non poter essere definite: noi scriviamo il futuro!
 
Pardon, mi accorgo che stavo ancora divagando, ma volevo farle capire come è complesso il nostro ambiente. Ebbene, venendo al motivo di questa mia lettera, l’altro giorno avevo acquistato un nuovo tipo di sensore in grado di analizzare le espressioni facciali, può essere utile quando non ci sono per capire che aria tira, non so se mi spiego, e come sempre per collegarlo alla rete ho utilizzato un utilissimo analizzatore di rete che ho trovato su di un sito, perché la rete è così complessa che non posso più basarmi solo sulla mia mappa per trovare un indirizzo libero.
Attaccare un nuovo dispositivo per noi è quasi un momento di festa, per cui in genere ci troviamo di sera io, mio fratello e mio cugino e facciamo tutti i test necessari per non turbare la stabilità del nostro sistema. Abbiamo delle procedure che seguiamo scrupolosamente e che contemplano alla fine un test di sistema ed una piccola bevuta. Commando vocale: cancellare ultima frase. Anche in questo caso prima di impostare l’indirizzo abbiamo fatto un ping all’indirizzo proposto, non rispondeva nulla, quindi ho proceduto ad inserirlo, ed a quel punto sono iniziati i guai, anche se me ne sono accorto solo il giorno dopo.
 
La mattina sono arrivato in ditta e quando la mia automobile si è avvicinata al cancello e gli ha mandato l’handshake questo non si è aperto, così ho dovuto tirare fuori le chiavi per sbloccare il motore (roba da medioevo). Li per lì pensavo ad un blackout, ma il quadro elettrico era a posto. Nel corridoio le luci non si accendevano al mio passaggio, ed alla porta ho avuto serie difficoltà a sbloccare l’elettroserratura. All’interno c’erano le luci di emergenza delle varie macchine che erano accese ed avendo un brutto presentimento sono corso al nostro armadio di rete, che sembrava moribondo: lucine sporadiche ed un silenzio desolante dalle ventole che di solito andavano a tutto regime. La cosa peggiore è che non mi rispondeva! Per me è stato un vero shock, anche dal mio PC non potevo fare niente, neppure quando l’ho collegato con un cavo USB.
 
...ma la soddisfazione lo riportò in vita
 
Il risultato è stato che ho dovuto arrendermi all’evidenza dei fatti e chiamare “quella” società esterna di consulenti con la puzza sotto il naso che non capiscono la genialità delle nostre intuizioni ma nella loro metodologia quadrata mi fanno risparmiare tempo (non denaro!) nelle situazioni di emergenza.
Oramai non provo più neanche ad assisterli, ho cercato di far capire che le loro procedure sono una perdita di tempo e che se seguissero le mie intuizioni finirebbero molto prima, ma mi hanno fatto intendere che preferiscono lavorare da soli. E non me la raccontano giusta, altro che procedure, sono sicuro che utilizzano un sistema automatico avanzato per fare tutto il lavoro mentre loro giocano sulla rete, ma non sono mai riuscito a coglierli sul fatto.
Comunque hanno risolto il problema e guardi cos’hanno scritto nel loro rapporto:
 
Il dispositivo aggiunto allocava ulteriori 5 indirizzi IP nascosti a partire da quello assegnato, creando così un conflitto con lo switch cui erano attestati gli altri switch ed il controller principale di filiera e generando un loop che portava ad un blocco dell’intero sistema di rete e di quanto da esso dipendeva.
Si suggerisce di creare una struttura di rete distribuita secondo una concezione più moderna e rinnoviamo la nostra disponibilità a fornirle la consulenza di ingegneri specializzati esperti del settore in modo da ridefinire la configurazione del vostro sistema.
 
Ho visto nascere le reti io, ed erano reti oneste, nascondere gli IP ora… mai sentito cose del genere! Non dovrebbero permetterlo. Poi, propormi dei ragazzini per mettere mano alla mia rete… ach! finiamola qui. Eppure ho letto l’altro giorno di un sistema che… ma non voglio anticiparle nulla, vedrà i fatti: sono quelli che contano. Appena terminati i dovuti test la inviterò, e resterà a bocca aperta. 
 
Come vede la situazione è sotto controllo ora e non deve avere dubbi sul fatto che sapremo rispettare i termini di consegna concordati. Anche la fattura arriverà con la consueta puntualità.
 
Distinti saluti,
  S. M. Anettone
  CEO & CTO
  CATS & Co.
 
Sistema trascritto dall’assistente vocale di rete.
 
 
Per approfondimenti
 
Tempo di trasmissione pacchetti
https://en.wikipedia.org/wiki/Transmission_time
http://royal.pingdom.com/2007/06/01/theoretical-vs-real-world-speed-limit-of-ping/
Password vocali
https://www.nuance.com/omni-channel-customer-engagement/security/multi-modal-biometrics/vocalpassword.html
https://www.theguardian.com/technology/2016/feb/19/how-safe-is-voice-recognition-fingerprint-id-hsbc
https://www.theguardian.com/science/grrlscientist/2012/nov/13/animalbehaviour-zoology
Interazione uomo-macchina
https://www.generationrobots.com/en/content/59-speech-recognition-system-robot-parallax
http://www.instructables.com/id/Speech-Recognition-with-Arduino/
http://www.smart2zero.com/news/optical-human-machine-communication-sensors-promise-near-perfect-speech-recognition
https://www.xsens.com/tags/human-machine-interaction/
https://www.hcii.cmu.edu/news/2017/synthetic-sensors-project-presented-chi-2017
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1877050915021225
https://www.technologyreview.com/s/603494/10-breakthrough-technologies-2017-paying-with-your-face
http://theconversation.com/the-trouble-with-facial-recognition-technology-in-the-real-world-69685
http://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0119460
https://en.wikipedia.org/wiki/Speech_recognition
http://www.explainthatstuff.com/voicerecognition.html
https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_speech_recognition_software
Reti eterogenee
https://en.wikipedia.org/wiki/Heterogeneous_network
https://en.wikipedia.org/wiki/Routing
https://en.wikipedia.org/wiki/Collision_domain
https://superuser.com/questions/1031873/prevent-ip-address-conflicts-on-a-heterogeneous-network-consisting-of-pcs-and-em
https://superuser.com/questions/731448/detect-ip-conflicts-on-network
https://en.wikipedia.org/wiki/Blinkenlights
Oltre i firewall
https://www.forbes.com/sites/frontline/2015/07/13/play-with-firewalls-and-get-burned-a-future-without-firewalls
https://www.gajshield.com/index.php/resource-center/technical-articles/white-papers/266-why-the-future-of-security-will-be-context-based
https://haydenjames.io/patch-thing-securing-internet-things-iot-devices
https://en.wikipedia.org/wiki/Deep_packet_inspection
http://www.plantengineering.com/single-article/seven-steps-to-secure-your-industrial-control-network
https://www.automationworld.com/article/technologies/security/practical-steps-secure-industrial-networks
https://www.networkworld.com/article/3193712/internet-of-things/barracuda-protects-industrial-iot-with-network-based-firewall.html
https://www.firemon.com/future-firewall-now-hard-data
https://www.garlandtechnology.com/blog/2020-vision-whats-the-future-for-firewalls-sdn-and-the-cloud
https://cybersecurity.rohde-schwarz.com/en/security-industrial-internet-things
Analizzatori protocolli
https://en.wikipedia.org/wiki/Packet_analyzer
http://www.lineeye.com
Auto che aprono i cancelli da sole?
http://www.doityourself.com/stry/handsfree-exit-options-for-automatic-gate-systems
https://www.quikoitaly.com/en/ambrogio
https://www.liftmaster.com/for-homes/homelink
https://makezine.com/2015/08/11/anatomy-of-the-rolljam-wireless-car-hack
https://www.gogogate.com

Ing. Paolo Gibellini
Ordine degli Ingegneri della provincia di Brescia
Commissione ICT
Commissione Ingegneria Biomedica
Laureato in Ingegneria Elettronica
Software engineering e Risk Management, principalmente in ambito elettromedicale.