Lettera del Capo Dipartimento della Protezione Civile all'ICEF

25/07/2012 1834

A un anno dalla presentazione del rapporto finale della Commissione Internazionale sulla Previsione dei Terremoti per la Protezione Civile (ICEF- International Commission on Earthquake Forecasting for Civil Protection) al Dipartimento della Protezione Civile, pubblichiamo la lettera inviata dal Capo Dipartimento, Franco Gabrielli, al Presidente e ai membri della Commissione.

Nella lettera, il Capo Dipartimento ringrazia la Commissione per il lavoro svolto e fa un punto sulle iniziative e sulle attività avviate dal Dipartimento nell’ultimo anno insieme all’Ingv - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, centro di competenza del Dipartimento in materia di pericolosità sismica e vulcanica.
Tra le attività menzionate, l’accordo quadro 2012-2021 stipulato tra Dipartimento e Ingv, il co-finanziamento di un progetto dell’Ingv per realizzare un’infrastruttura che permetta di seguire l’evoluzione scientifica della previsione probabilistica dei terremoti e la cooperazione tra la Rete Accelerometrica Nazionale del Dipartimento e la rete accelerometrica locale gestita dall’Amra-Analysis and Monitoring of Environmental Risk, per studiare la possibilità di applicare al territorio nazionale le tecniche di allerta sismica precoce.
Inoltre, viene citato l’impegno del Dipartimento per ridurre la vulnerabilità del territorio nazionale attraverso il Piano nazionale per la prevenzione del rischio sismico, avviato dopo il terremoto in Abruzzo del 6 aprile 2009 per dare maggiore impulso alla prevenzione sismica. L’articolo 11 della legge n. 77 del 24 giugno 2009 di conversione del decreto legge n. 39 del 28 aprile 2009 per la ricostruzione in Abruzzo, prevede, infatti, che siano finanziati interventi per la prevenzione del rischio sismico su tutto il territorio nazionale. L’attuazione dell’art. 11 è affidata al Dipartimento della Protezione Civile e regolata attraverso ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Allegati:

Fonte: PROTEZIONE CIVILE