Sistema di tracciabilità dei rifiuti: in GU il regolamento con modifiche ed integrazioni

24/08/2012 2156

Dal 07/09/2012 sarà in vigore il Regolamento recante modifiche ed integrazioni al decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 18 febbraio 2011, n. 52, avente ad oggetto «Regolamento recante istituzione del sistema di controllo della tracciabilita' dei rifiuti, ai sensi dell'articolo 189, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modifiche e integrazioni, e dell'articolo 14-bis del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102».

Tra le novità in esso contenute, per ciò che concerne l’iscrizione al Sistema di tracciabilità, mediante l’inserimento del comma 4-bis all’art. 6 del DM n. 52/2011, gli Enti titolari dell’autorizzazione di impianti pubblici di trattamento di rifiuti possono, in attesa della voltura dell’autorizzazione, delegare l’iscrizione e le procedure SISTRI a terzi soggetti in possesso dei requisiti soggettivi richiesti dalla legge per la gestione impianti in conto terzi, ai quali è affidata la gestione dell’impianto, dandone comunicazione al SISTRI. In tali ipotesi, l’iscrizione al SISTRI è effettuata a nome del soggetto gestore.

Con riferimento al contributo annuale d’iscrizione al SISTRI, con il quale viene assicurata la copertura degli oneri derivanti dalla costituzione e dal funzionamento del Sistema, viene stabilito che, per il 2012, il pagamento debba essere effettuato entro il 30 novembre.
Attenzione: il Decreto, pur se emesso il 23 agosto, è datato 25 maggio 2012, quindi antecedente al decreto sviloppo e sua conversione in legge, con provvedimento 134/2012. Stante quanto sopra, è corretto dire che essendo un decreto ministeriale un provvedimento di ordinamento inferiore rispetto alla legge, non può contraddire quanto indicato nella legge 134, e quindi che il pagamento dei diritti annuali risulta comunque ad oggi sospeso? vedremo se ci saranno novità nei prossimi giorni.

 

SCARICA IL TESTO DEL DECRETO