Gianotti e De Bernardinis:due italiani nella top ten di "Nature"

20/12/2012 1758

Gianotti e De Bernardinis: due italiani nella top ten di "Nature"

FONTE: www.nature.com/news/366-days-nature-s-10-1.11997


Due Italiani nella top ten di "Nature" degli eventi e dei personaggi che hanno segnato il 2012 della scienza: Fabiola Gianotti, fra i protagonisti della scoperta del Cern sul Bosone di Higgs, e Bernardo De Bernardinis, ex vicecapo della protezione civile all'epoca del terremoto dell'Aquila.

La classifica dei protagonisti del 2012 è aperta dal direttore generale del Cern, Rolf-Dieter Heuer, presentato come il diplomatico della fisica che "si è assunto la responsabilità di parlare di scoperta del Bosone di Higgs, anche se al momento dell'annuncio i risultati degli esperimenti coordinati da Fabiola Gianotti e Joe Incandela ancora non erano definitivi".

Al caso di De Bernardinis è riservato uno spazio speciale. Membro della Commissione Grandi rischi e condannato con altri membri della commissione per "il ruolo svolto nella comunicazione del rischio relativo al terremoto che ha colpito L'Aquila nel 2009". Durante il processo, prosegue la rivista, De Bernardinis "non si è mai nascosto a chi lo criticava", mentre il processo e soprattutto il verdetto del tribunale dell'Aquila hanno attirato l'attenzione di tutta la comunità scientifica mondiale.  I sismologi dell'Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), prosegue Nature, lo hanno criticato. I pubblici ministeri del processo sono andati oltre, sostenendo che quei messaggi hanno rassicurato, sbagliando, la popolazione locale. De Bernardinis, sottolinea Nature, si è sempre difeso affermando che le sue affermazioni ripetevano concetti utilizzati dai sismologi e non avevano l'obiettivo di rassicurare la popolazione.

Segnaliamo che nella classifica c'è un ingengnere, e Adam Steltzner, l'ingegnere incaricato di far arrivare sano e salvo il rover della Nasa Curiosity sulla superficie di Marte.

 

 

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su