REFORME - 9° Meeting europeo

16/06/2012 939

Obiettivi: omologare competenze, favorire mobilità e promuovere sicurezza dei lavoratori nell’Ue
Focus su opportunità nel bacino del Mediterraneo e green economy


Creare figure professionali sempre più qualificate e competenti, in grado di lavorare in sicurezza seguendo parametri omogenei in tutta Europa, e promuovere la mobilità transnazionale di operai e tecnici grazie una definizione uniforme delle competenze professionali. Sono questi gli obiettivi del nono meeting di Reforme, l’organizzazione che riunisce i principali enti bilaterali di formazione in edilizia dei nove Paesi europei attualmente aderenti (Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Germania, Belgio, Finlandia, Svezia e Svizzera).
L’incontro, che si terrà in Italia, a Lecce, dal 14 al 16 giugno, farà il punto sulle attività messe in campo nel quadriennio 2008-2012 e fisserà gli obiettivi da portare avanti a livello comunitario dal 2012 al 2016 e nell’ambito della Strategia di formazione europea per il 2020. Periodicamente i vertici dell’organizzazione si incontrano infatti per stabilire le priorità e affidare la presidenza ad uno dei Paesi aderenti. L’appuntamento sarà dunque l’occasione per la cerimonia che vedrà passare la guida dalla Spagna alla Francia, che resterà in carica fino al 2016.

La rete Reforme
La Rete Reforme, nata nel 1991, ha come partner italiano il Formedil (Ente nazionale per la formazione e l’addestramento professionale il edilizia), che coordina l’attività delle 102 Scuole Edili sparse sul territorio. Gli altri partner europei sono: Ccca-Btp (Francia), Bzb (Germania), Flc (Madrid – Spagna), Flc (Principato Delle Asturie – Spagna), Institut Gaudi (Barcellona – Spagna), Cenfic (Portogallo), Formation Pme (Liegi – Belgio), Ecap (Svizzera), Keuda (Finlandia), Byn (Svezia).

 

Per maggiori informazioni