Progetto Europeo per la gestione delle emergenze in caso di attacchi NBCR

21/05/2013 1759

Progetto Europeo per la gestione delle emergenze in caso di attacchi NBCR
Approfondimenti
Galleria immagini

Il pomeriggio del 16 maggio, ha avuto ufficialmente il via un progetto europeo per definire forme e modalità per una pronta risposta, efficiente e integrata per fronteggiare un'emergenza nucleare, batteriologica, chimica e radiologica (NBCR), di origine accidentale o frutto di qualche atto criminale.
Capofila del progetto, che pone l'Italia all'avanguardia in ambito europeo in questo campo così strategico, è la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, in collaborazione con il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Pisa e dell'Università Tor Vergata di Roma; altri partner coinvolti nel progetto sono il Comando Carabinieri per la Tutela dell'Ambiente, la Scuola Interforze per la Difesa, il Dipartimento della Protezione Civile e il "Crati", Consorzio per la Ricerca e le Applicazioni di Tecnologie Innovative.
Il progetto CBRN, questo l'acronimo del progetto europeo per "risposta integrata alle emergenze Chimiche, Batteriologiche, Radiologiche e Nucleari", è finanziato dalla Commissione Europea, avrà una durata di due anni, e i risultati saranno condivisi e trasferiti agli altri paesi membri dell'Unione, che potranno utilizzarli per sviluppare un approccio comune e condiviso in area Ue per rispondere a incidenti di questa natura.
Il Kick-off Meeting si è svolto presso il comando di Pisa, anche in collegamento video conferenza con la Sala Operativa VV.F. di Roma.
Il 17 maggio, il meeting è proseguito presso la Scuola Superiore Sant'Anna per la definizione delle procedure interne e per fissare un calendario di attività e incontri.

FONTE: VIGILI del FUOCO