qualità architettonica aree produttive; 14 comuni rispondono al bando regione UMBRIA

27/05/2013 1356

qualità architettonica aree produttive; 14 comuni rispondono al bando regionale; rometti: "così si riqualificano paesaggio e centri urbani dell'umbria"

Perugia, 27 mag. 013 - Sono quattordici i Comuni umbri che hanno risposto al bando della Regione Umbria per la qualità architettonica della aree produttive, trasmettendo gli ambiti di interesse dei propri territori su cui intervenire. "Obiettivo del bando - ha spiegato l'assessore regionale all'ambiente Silvano Rometti - è di recuperare a nuova fruibilità e dare qualità architettonica a quelle aree produttive dell'Umbria che, spesso parzialmente in disuso, rappresentano un fattore di degrado del paesaggio e dei centri urbani a cui sono prossimi. Ciò attraverso la riqualificazione architettonica, urbanistica, ambientale e paesaggistica ed il recupero funzionale dei siti individuati. Ora una apposita Commissione regionale valuterà le proposte presentate dai Comuni da sottoporre all'approvazione della Giunta regionale. Gli ambiti selezionati saranno oggetto poi, come previsto dalla seconda fase del concorso, di proposte progettuali da parte dei professionisti interessati e abilitati all'esercizio della professione di ingegnere e architetto".

Una volta concluso il concorso, l'assessorato regionale promuoverà una iniziativa di discussione e confronto in materia rivolta a professionisti, amministratori, associazioni e cittadini ed una mostra per valorizzare i contributi progettuali. "Qualità architettonica e ambientale delle aree produttive sono tematiche importanti ed attuali - ha concluso Rometti. Infatti questi insediamenti, prossimi ai centri urbani di cui spesso costituiscono 'l'ingresso', spesso compromettono la percezione visiva dei centri storici e abitativi sin dal primo avvicinamento. Da qui la necessità di intervenire con una riqualificazione che tenga conto della qualità architettonica degli interventi".

FONTE:  REGION  UMBRIA

 

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su