L’ APPUNTAMENTO INTERNAZIONALE PRESENTA I TEMI SALIENTI E LE OCCASIONI DI DIALOGO

01/08/2013 1860

Per la sua conformazione territoriale, l’Italia è uno dei Paesi con il maggior numero di gallerie al mondo. Per questo, le aziende che operano in questo settore hanno investito in ricerca e progetti d’avanguardia portando la tecnologia italiana e quella europea a punte di eccellenza sul fronte del costruire nel sottosuolo. In questo contesto di evoluzione e fermento positivo vengono resi noti ufficialmente i temi salienti, le sinergie internazionali, le iniziative di dialogo e approfondimento della prima edizione di EXPOTUNNEL, Salone delle Tecnologie per il Sottosuolo, Bologna, 17 -19 ottobre 2013. Il Salone vuole diventare punto di incontro del mercato internazionale del settore valorizzando le eccellenze italiane, promuovendo ambiti di discussione su temi salienti e realizzando appuntamenti di formazione di rilevanza internazionale.

L’ampio programma di internazionalizzazione del Salone, iniziato da oltre due anni con la partecipazione a numerose fiere estere per la promozione dell’evento, culmina con la scelta di organizzare l’incoming di due delegazioni di buyers stranieri. Le eccellenze italiane e internazionali presenti in fiera avranno la possibilità di illustrare i propri prodotti e servizi alle delegazioni provenienti da Brasile e Russia.

Le possibilità di aggiornamento e confronto proposte dal Salone si completano con il Congresso internazionale della Società Italiana Gallerie e il programma di eventi, convegni e workshop proposti dai partner della fiera.

Le eccellenze
Un esempio del valore della proposta espositiva di ExpoTunnel è rappresentato dal fatto che uno dei più importanti lavori di scavo sul territorio italiano, portato a termine proprio nei giorni scorsi, coinvolga aziende leader del settore che esporranno in fiera e che fanno parte del Comitato Promotore di ExpoTunnel.
Si tratta del completamento, con l’abbattimento dell’ultimo diaframma avvenuto il 24 luglio scorso, della Galleria Sparvo in Emilia Romagna, che ha visto partecipare ognuno con i propri ambiti di interesse le aziende Herrenknecht, Rocksoil e Spea Ingegneria Europea.

All'interno del pdf allegato, le dichiarazioni di Herrenknecht, del Prof. Ing. Pietro Lunardi di Rocksoil e di Spea Ingegneria Europea.