Ci sarà una scossa di assestamento sismico ? studi per la previsione

09/08/2013 2953

Ci sarà una scossa di assestamento ?

Su "Homeland Security News Wire" è stato pubblicato il 9 agosto 2013 un articolo dal titolo: "Assessing the risks of global aftershock"

Nell'articolo si valuta la possibilità di prevedere scosse di assestamento a seguito di una scossa di magnitudo 7 o più grande terremoto:  i ricercatori stanno infatti lavorando per estendere le loro stime di rischio sismico su scala globale, man mano che diventano migliori le metodologie e gli strumenti per prevedere l'impatto di scosse di assestamento a livello locale e regionale.

Secondo Tom Parsons, sismologo della US Geological Survey, alcune indagini globali suggeriscono che vi è un significativo aumento del tasso di attività sismica globale durante e nei 45 minuti dopo un sisma di M ≥ 7 sisma. E ' difficile, tuttavia, provare con una forte evidenza che le onde di superficie provenienti da questi grandi eventi possano innescare immediatamente terremoti con M> 5 . Tuttavia, i sismologi vorrebbero essere in grado di prevedere la frequenza dei grandi terremoti innescati in questa zona scossa di assestamento globale e rischi associati.

Studi di centinaia di terremoti con M ≥ 7 e dei principali effetti del terremoto sono stati fatti in ventuno diverse regioni del mondo, fornendo alcuni spunti iniziali su quanto una scossa di assestamento globale potrebbe essere dannosa. Sulla base di questi studi secondo Parsons si potrebbe elaborare una rete di controllo in grado di monitorare e quindi segnalare una possibile grande scossa di assestamento.

Parsons ha presentato la sua ricerca in occasione della riunione annuale della Sismology Society of America, una società scientifica internazionale dedicata alla promozione della sismologia e la comprensione dei terremoti per il bene della società. 

Per leggere l'articolo: www.homelandsecuritynewswire.com/dr20130809-assessing-the-risks-of-global-aftershock