Il patrimonio mondiale delle costruzioni vale 193mila miliardi di dollari: dal 2014 la CIna prima

16/08/2013 4808

Un nuovo rapporto mette a confronto le più grandi nazioni per la loro ricchezza patrimoniale, disegnando un quadro interessante della economia globale in evoluzione.

Un nuovo rapporto, "Global Built Asset Wealth Index 2013," prende in esame i 30 paesi che rappresentano l'82 per cento del prodotto interno lordo (PIL), confrontandoli con le attività realizzate per sviluppare visioni alternative dell'economia mondiale e in particolare gli investimenti in costruzione e il patrimonio immobiliare esistente.

Il rapporto è stato preparato da EC Harris, una ditta di Londra specializzata nella consulenza agli investimenti in immobilizzazioni per lavori. EC Harris è una società ARCADIS.

Le prime dieci nazioni del Harris globale Built Asset Wealth Index CE sono:

(Country Built Asset Wealth - US$)

1. USA 39.7tn
2. China 35.4tn
3. Japan 18.3tn
4. India 11.8tn
5. Germany 10.4tn
6. France 7.8tn
7. Italy 7.4tn
8. South Korea 6tn
9. Russia 5.9tn
10. Spain 5.9tn

Selected others:
11. UK 5.5tn
13. Brazil 4.8tn
25. UAE 1tn
29. Chile 0.7tn
30. Qatar 0.3tn

In un contesto patrimoniale che vale 193,000 miliardi dollari in attività di costruzione (ricchezza edifici, infrastrutture, macchinari e attrezzature), nel 2012 gli Stati Uniti avevano una ricchezza stimata in 39.700 miliardi dollari, in cima all'elenco delle 30 nazioni più ricche del mondo. Questo valore dovrebbe aumentare a 47.200 miliardi dollari entro il 2022 - un aumento del 19 per cento.

La Cina - attualmente il secondo della lista, con 35.450 miliardi dollari - dovrebbe più che raddoppiare proprio patrimonio entro il 2022 arrivando a 75.700 miliardi di dollari, ma assumendo il primo posto già nel 2014.


"Mentre il PIL quantifica la produzione nazionale, la nostra analisi dello stock complessivo delle attività costruite fornisce un'indicazione della ricchezza accumulata e le risorse che si possono attingere per alimentare la crescita economica futura. L'analisi dipinge anche un quadro limpido della misura del catch-up richiesto in molte economie emergenti per costruire una consistente base patrimoniale ", ha detto Catherine Tobiasinsky, il direttore nazionale di costruzione di consulenza patrimoniale per ARCADIS statunitense.

 

"193,000 miliardi dollari, il valore complessivo dei beni costruiti valutato da noi, equivale a tre volte il PIL. Questo dato è importante, anche in considerazione del fatto che questo patrimonio deve essere mantenuto nel tempo, e anche sostituito: un costo potenzialmente enorme per queste attività ", ha detto Tobiasinsky. "L'enorme ricchezza patrimoniale degli Stati Uniti è stata una sorpresa, ma la velocità con cui gli Stati Uniti potrebbero essere superati dalla Cina è probabilmente il più significativo dei risultati della relazione."


Per le economie emergenti in Medio Oriente, Africa e Asia si prevede una crescita più rapida nei prossimi dieci anni, con un aumento del loro patrimonio costruito del 63 per cento. Ciò a fronte di una proiezione di crescita del 2,7 per cento per i paesi europei, molti dei quali restano condizionate dalle difficili condizioni economiche a seguito della crisi del debito.

"Questo avrà implicazioni oltre i prossimi 10 anni", scrivono gli autori. "Gli investimenti in immobilizzazioni per ora pone le basi per la futura espansione del PIL e incide quindi sulla possibilità di ulteriori investimenti negli anni a venire."

Gli autori hanno utilizzato una scala logaritmica per illustrare il rapporto tra le attività realizzate e il PIL, il disegno dei confronti interessanti. La Cina, per esempio, anche se nel bel mezzo di un programma di costruzione ambizioso, sta generando un più elevato livello di PIL dal proprio patrimonio rispetto alla media. Ciò suggerisce che il rapido ritmo di costruzione non ha ancora raggiunto un livello che indica investimenti eccessivi.


Singapore ha il più alto bene ricchezza pro capite: ha di gran lunga il più ricco rapporto, con una stima "bene ricchezza costruita"/persona di 156 mila dollari. India e Cina hanno meno di $ 40.000 beni costruiti a persona, mentre le economie sviluppate hanno livelli strutturalmente più elevati di ricchezza patrimoniale incorporato, in media 125 mila dollari a persona.

Regno Unito e in Europa in ritardo: Il Regno Unito sembra restare indietro rispetto ai suoi pari del continente in termini di investimenti di capitale costruito, con la ricchezza per persona di 88 mila dollari - circa 29,2 per cento al di sotto del livello medio delle economie sviluppate. Questo enorme divario suggerisce il Regno Unito ha significativamente investito poco nel patrimonio costruito in tanti anni.


"L'analisi del PIL e della ricchezza patrimoniale suggerisce che un certo numero di paesi, tra cui Australia, Canada, Francia, Italia non genera più PIL dalla loro base patrimoniale come fanno invece altri, tra cui il Brasile, la Russia, e sorprendentemente il Regno Unito," detto Tobiasinsky. "In un mondo in cui le risorse sono limitate, l'attenzione agli investimenti in infrastrutture per fornire risultati economici e sociali ottimali sarà la chiave-in particolare per le economie emergenti."

Nel rapporto emerge che l'Italia è in coda insieme al Giappone nell'evoluzione degli investimenti.

 


Simon Rawlinson ha dichiarato: "In un mondo in cui l'equilibrio del potere economico si sta spostando, vediamo paesi dell'Est con grandi riserve di liquidità che investono costruendo ad un ritmo senza precedenti, mentre i paesi occidentali hanno un patrimonio immobiliare che invecchia e poco denaro per aggiornarlo. Questo creerà una nuova serie di sfide in materia di concorrenza per le competenze, la finanza, e le risorse per soddisfare le esigenze delle attività realizzate.

"Il nostro Globale Built Asset Wealth Index fornisce un importante indicatore del potenziale produttivo delle economie di tutto il mondo. Quelle nazioni che fanno la maggior parte degli investimenti in costruzioni, che operano reinventando i loro patrimoni immobiliari sono nella posizione migliore per avere successo nell'economia mondiale che cambia.

Per leggere il rapporto: www.echarris.com/pdf/GlobalBuiltAssetWealthIndexReport2013.pdf

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su