Una soluzione combinata di dolos e legname per prevenire l'erosione dei fiumi

30/08/2013 1765

140 dolos prefabbricati in calcestruzzo, del peso complessivo di 16.000 pound e forma simile ai “jacks for giants” saranno utilizzati nello stato di Washington per mitigare l'erosione lungo le sponde del fiume Puyallup. Un sistema innovativo che si distingue però per la compresenza di rami e tronchi d’albero capaci, a opinione di alcuni biologi, di ripristinare l’habitat di flora e fauna.

Il “dolos” è un blocco in calcestruzzo che presenta in genere forme geometriche complesse e che può raggiungere anche pesi fino a 20 tonnellate. Utilizzati in gran numero per proteggere i porti e le dighe dalla forza erosiva delle onde dell’oceano, essi sono stati introdotti nel 1963 a East Londra, una città portuale del Sud Africa, e utilizzati per decenni in tutto il mondo.
In realtà negli Stati Uniti questo tipo di protezione non ha trovato grande sviluppo a favore invece di altri di sistemi, e che prevedono l’utilizzo di palificazioni profonde o di gruppi di ammassi rocciosi. 

Nel corso degli ultimi 20 anni, l'approccio della vecchia scuola a proteggere gli argini è cambiato. Il nuovo approccio si basa su "logjams ingegnerizzati", o ELJs, meno invasivi per l'ambiente e più duraturi rispetto ad altri sistemi.

La caratteristica fondamentale di un dolos è la parte sporgente contorta che lo fa apparire come un jack di un giocattolo. Questa caratteristica permette di incastrarsi meglio creando così una base stabile ovunque vengano posti.
Nella nuova “versione” questi dolos si mescolano con tonnellate di legname costituito da tronchi e rami di alberi, creando - secondo alcuni biologi americani - strutture parzialmente sommerse in cui i pesci e la fauna selvatica possono nascondersi e deviando il flusso in modo da proteggere gli argini e tutta la vegetazione connessa dalla erosione.
Secondo Tim Abbe, uno degli ideatori della progettazione del “dolo timber”" si tratta di un'idea piuttosto nuova, e nonostante il progetto sul Fiume Puyallup, che utilizzerà questo nuovo sistema di protezione, sia solo il terzo esempio realizzato, questo sistema è destinato a svilupparsi su vasta scala.
 

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su