ACUSTICA NELLA PROGETTAZIONE URBANISTICO-EDILIZIA: REGOLAMENTI LOCALI e PROSPETTIVE EUROPEE

05/10/2013 2296

CONVEGNO:

L'ACUSTICA NELLE DIVERSE FASI DELLA PROGETTAZIONE URBANISTICO-EDILIZIA:  DAI REGOLAMENTI LOCALI ALLE PROSPETTIVE EUROPEE
Sabato 19 ottobre 2013
SAIE 2013 - SALA NOTTURNO

Link per iscriversi: www.edilio.it/convegni-saie-2013-l-acustica-nelle-diverse-fasi-della-progettazione-urbanistico-edilizia/p_20796.html

Il tema dell’acustica è ormai parte di svariati momenti della progettazione urbanistica ed edilizia: dalle fasi della Pianificazione Urbanistica dove la zonizzazione acustica accompagna i nuovi PSC, alla progettazione delle aree di espansione, sia residenziali che produttivo/terziarie, dalla progettazione edilizia ai recuperi dell’esistente, fino all'installazione e/o modifica di singole unità impiantistiche presso attività economiche in genere.

Se da un lato i riferimenti legislativi hanno raggiunto un quadro pressoché definitivo per quanto concerne gli aspetti tecnici e procedurali, definiti dalla Legge Quadro 447/95, dall'altro manca ancora una reale diffusione della cultura progettuale, pur in presenza di metodi di calcolo normati, ormai consolidati da oltre un decennio di esperienze. A questo si contrappone una costante evoluzione dei riferimenti normativi per la valutazione e la verifica delle prestazioni acustiche degli edifici e una radicale mutazione del mercato edilizio che deve affidarsi alla ricerca di una sempre maggiore qualità, sia nel campo delle nuove costruzioni che della riqualificazione dell'esistente, per poter puntare ad un effettivo rilancio.

Il Seminario intende fornire una panoramica sullo “stato dell’arte” partendo dalle normative nazionali, ai vari Regolamenti edilizi in cui vengono richiesti adempimenti minimi nelle diverse fasi di elaborazione del progetto e/o di controllo finale delle opere realizzate. Verranno analizzati i principali disposti derivanti dalla normativa nazionale, per poi scendere a scala regionale e locale, verificando come i nuovi RUE hanno tradotto i riferimenti sopra ordinati, in termini di adempimenti minimi nelle diverse fasi di elaborazione del progetto e/o di controllo finale delle opere realizzate. Saranno anche approfondite le ricadute della recente sentenza della Corte Costituzionale che ha tolto ogni eventuale residuo dubbio sull'applicabilità del DPCM 5/12/97, in sede di contenzioso.

Infine verranno delineate le future linee europee sulla integrazione ed armonizzazione dei descrittori acustici. Da alcuni anni, a livello ISO e CEN, è in corso la revisione di alcune importanti normative sulle procedure di misurazione e sulla definizione degli indici di valutazione dei requisiti acustici passivi negli edifici che potrà determinare in un prossimo futuro un impatto sui regolamenti e sulle leggi dei singoli stati. Parallelamente, all'interno delle attività della COST Action TU0901 si è svolta una intensa collaborazione allo scopo di proporre l'armonizzazione delle procedure e dei requisiti da utilizzare per valutare la qualità acustica degli edifici. Nella lettura verranno presentati gli aspetti principali relativi ai lavori di revisione ed armonizzazione delle norme e le difficoltà di consenso tra i vari stati membri.

Link per iscriversi: www.edilio.it/convegni-saie-2013-l-acustica-nelle-diverse-fasi-della-progettazione-urbanistico-edilizia/p_20796.html

Programma

ore 10.00
Introduzione
Prof. Giovanni Semprini, Presidente Assiabo

Interventi
Quadro normativo nazionale sulla applicazione dei dispositivi normativi in materia di acustica
Prof. Antonino Di Bella, coordinatore GAE- Associazione Italiana di Acustica 

 

Il ruolo dell’acustica ambientale nei regolamenti locali in Emilia Romagna
Ing. Franca Conti-Tecnico acustico

Il ruolo dell’acustica edilizia nei regolamenti locali in Emilia Romagna e Marche
Prof. Luca Barbaresi-Università di Bologna
Ing. Enrico Manzi -Tecnico acustico

La revisione e l'armonizzazione delle norme europee sui requisiti acustici passivi degli edifici
Prof. Patrizio Fausti- Università di Ferrara

Interventi Tecnici 

Tavola rotonda con interventi dei rappresentanti degi ordini provinciali