PROPOSTA di DETRAZIONE FISCALE al 100% su INTERVENTI di ADEGUAMENTO SISMICO degli EDIFICI

31/10/2013 3447

PROPOSTA DI DETRAZIONE FISCALE AL 100% SU INTERVENTI
DI ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI.

Il Presidente Ordine Ingegneri 
della Provincia di Imperia
Ing. Domenico PINO

Ho appreso con grande soddisfazione la notizia che pochi giorni fa il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha istituito un Gruppo di Studio per la classificazione del rischio sismico delle costruzioni, finalizzata all’incentivazione fiscale in relazione alla riduzione del rischio sismico del patrimonio edilizio esistente, graduata sulla tipologia degli interventi. 

La detrazione fiscale ha già dimostrato di essere un notevole incentivo nel campo dell'edilizia, una importante leva quindi sull'occupazione e sullo sviluppo economico di cui il settore delle costruzioni è uno dei più trainanti. Infatti è noto che alla scadenza degli incentivi (che era prevista per fine giugno 2003) si erano verificate frenetiche iniziative da parte di privati e condomini per non perdere l'occasione data dal maggior risparmio fiscale.

Soddisfatto anche perché le proposte degli Ingegneri in questo campo sono state importanti ed hanno sicuramente contribuito a sensibilizzare il Ministero su tali problematiche. Mi riferisco in particolare allo screening degli edifici, alla demolizione e ricostruzione, alla certificazione sismica ed all'assicurazione dei fabbricati modulata in relazione alla resistenza al sisma; è appena il caso di ribadire che la stabilità degli edifici ha un carattere prioritario per la sicurezza dei cittadini e quindi deve ottenere una particolare attenzione da parte dello Stato.

Questi interventi mirati all’adeguamento delle strutture degli edifici devono essere però sostenute anche da particolari incentivi di carattere fiscale. Sono oggi necessarie iniziative "scioccanti" in quanto il momento di difficoltà è così grave che i cittadini non possono più aspettare.
Per questi motivi, in qualità di presidente dell’Ordine della Provincia di Imperia, nell’Assemblea Nazionale dei Presidenti degli Ingegneri tenutasi a Roma il 19 ottobre scorso, ho richiesto l'istituzione di un gruppo di lavoro del CNI, per l'approfondimento di questi temi e per formulare una proposta, ai Ministeri competenti ed allo stesso Gruppo di Studio del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, di detrazioni fiscali eccezionali, per un periodo di almeno 2 anni, che prevedano bonus ben più elevati di quanto previsto attualmente e dalla Legge di Stabilità 2014, ad esempio, il 100% per l'adeguamento sismico, riducendolo ev. al 90% per il miglioramento ed all'80% per i consolidamenti locali.

La proposta, che ha riscosso particolare interesse dell’Assemblea nazionale, è stata anche illustrata con i vantaggi che ne potrebbero derivare:

  • sicuro impulso all'edilizia, all'occupazione, allo sviluppo economico;
  • sicuro contrasto all'evasione fiscale;
  • vero incentivo al rinnovo /adeguamento sismico del patrimonio edilizio esistente, stimolando l'iniziativa del privato e perseguendo contestualmente l'interesse dello Stato sotto il profilo economico (costo zero iniziale, detrazione in 10 anni, aumento degli introiti derivante dalle maggiori fatturazioni previste) e della sicurezza dei cittadini;
  • piena applicazione della cultura e della strategia della prevenzione con risparmio di decine di miliardi di euro e salvaguardia di migliaia di vite umane.