IN CALIFORNIA un sistema di EARLY WARNING per TERREMOTI

03/11/2013 4068

Firmata una legge in California Inviti per realizzare un sistema di allarme sismico (early warning)

 
Interessante articolo firmato da Catherine A. Cardno per http://www.asce.org che riguarda la firma che il mese scorso il governatore della California Edmund G. Brown , Jr. , ha posto su una legge che prevede lo sviluppo di un sistema di preallarme sismico in tutto lo stato.

L'obiettivo è quello di dotare tutta la California di un sistema di allarme rapido in grado di fornire alle persone quei secondi preziosi per prepararsi in caso di un terremoto in arrivo. Questi sistemi potrebbero offrire a tutti la possibilità di cercare un riparo sicuro, agli operatori ferroviari il tempo di fermare i treni, ai supervisori di fabbrica la possibilità di fermare le macchine ... 
 
La legge prende atto che un certo numero di agenzie e organi di ricerca, tra cui l'ufficio del governatore della California dei servizi di emergenza, il California Institute of Technology di Pasadena, il Servizio Geologico della California, l'Università della California, Berkeley e la United States Geological Survey stanno conducendo delle rierche per lo sviluppo di un sistema di avvertimento come parte della California Integrated Seismic Network.

I Sistemi di allerta precoce funzionano individuando le onde sismiche mentre viaggiano verso l'esterno da epicentro di un terremoto. "Non è una previsione di terremoti, è un allarme di arrivo di un terremoto ", spiega Jennifer Strauss, Ph.D., collegamento scientifico e responsabile delle relazioni esterne per l'Università della California, Berkeley Laboratory sismologico.
 
Il lavoro della California Integrated Seismic Network ha comportato la creazione di algoritmi in grado di interpretare rapidamente e in tempo reale i dati sismici in California e trasmettere quindi gli avvertimenti di un terremoto in arrivo a luoghi distanti prima che siano le onde sismiche a raggiungerli. In un terremoto , "ci sono due fronti d'onda principali che vengono fuori con l'energia irradiata», dice Strauss "C'è l'onda primaria P e quella secondaria S. L'onda P viaggia al doppio della velocità delle onde S, ma è l'onda S quella che il danno."
 
Sebbene la ricerca e lo sviluppo degli algoritmi necessari per un sistema di preallarme in California sono in corso per l'ultimo decennio, secondo Strauss , ciò che è mancato fino d oggi è la capacità di analizzare queste informazioni in modo rapido. " Una ripetizione del terremoto di Loma Prieta [nel 1989] darebbe a San Francisco e a Oakland circa 24 secondi di preallarme, in base al sistema che abbiamo in questo momento" , dice. "Ma se i vostri algoritmi prendono 30 secondi per correre , perché non avete sviluppato il tipo di computer e di telemetria necessaria, allora questa tecnologia non può essere d'aiuto"
 
Dei Sistemi di allerta precoce già esistono in altre parti del mondo: in Messico è stato implementato dopo il sisma di magnitudo 8,0 di Città del Messico del 1985, in Giappone è stato sviluppato dopo i sisma di magnitudo 6,9 a di Kobe nel 1995.
 
Ora che gli algoritmi per la California sono stati sviluppati, i sistemi di rilevamento possono essere ampliati con il posizionamento di sismometri aggiuntivi in tutto lo stato .
Richard Allen, direttore della "University of California Berkeley Seismological Laboratory" e dei suoi colleghi stimano che saranno necessari 80 milioni dollari nei prossimi cinque anni per implementare ulteriori sensori sismici in tutto lo stato e perfezionare il sistema mentre il funzionamento del sistema costerà 12 milioni dollari all'anno.
 
Per approfondire l'articolo: www.asce.org/CEMagazine/Article.aspx