COME diventare INGEGNERE in 5 MESI

06/11/2013 4220

Ebbene si, è possibile diventare ingegneri con corsi di poche settimane, sia in Italia che all'estero.

Non sto parlando dei tanti discussi corsi di laurea ON-LINE, ma di quello che si legge in tanti manifesti pubblicitari nelle nostre città e in molti siti web: Corso di Ingegnere del Suono.


E' vero, con il termine INGEGNERE DEL SUONO si pensa quasi sempre a Tecnici del suono. Lo scrive anche wikipedia "Traduzione impropria del termine inglese "sound engineer" che significa "tecnico del suono" (e non ingegnere) si intende indicare i tecnici audio. In Italia non esiste la figura professionale dell'ingegnere del suono dove con il termine ingegnere si intende indicare una professione equivalente a quelle indicate dall'ordine degli ingegneri originate da un titolo di studio universitario quale è la laurea specialistica o appartenente al vecchio ordinamento (e il superamento dell'esame di stato)."

 

Navigando sui siti di chi offre questi corsi non ho trovato frasi che possano portare a fraintendimento, anzi sul sito di uno di questi corsi si precisa che il corso è volutamente non riconosciuto a livello scolastico perchè manca un sistema universalmente riconosciuto.


Ma è comunque scorretto che si banalizzi l'uso della qualifica di INGEGNERE in questo modo. Innanzitutto come si presenteranno questi tecnici ? dopo 5 mesi di corso chi ha superato il test finale potrà mettere sul suo biglietto da visita "ing." ? 

Anche perchè oltre a questi corsi, organizzati dal vivo o ON LINE, in Italiano o in Inglese, di 6 settimane o 350 ore ... si aggiungono anche i Master e corsi Universitari su questo tema: il Politecnico di Milano ha una serie di corisi (http://suono.como.polimi.it/), il Dipartimento di Ingegneria Elettronica dell'Università di Tor Vergata organizza da 10 anni un MASTER IN INGEGNERIA DEL SUONO E DELLO SPETTACOLO (http://www.mastersuono.uniroma2.it/).

Che differenza c'è tra un corso privato e un Master Universitario? c'è un diverso posizionamento lavorativo?

Due quindi le questioni che poniamo sul tavolo:
  • che il termine ingegnere possa essere utilizzato solo da chi ha conseguito una apposita laurea riconosciuta
  • che nell'ambito dell'Ingegneria del suono sia definito uno schema che tuteli i diversi livelli di formazione conseguibili

Per quanto riguarda il primo punto, ci piacerebbe che - dopo averci imposto una riforma che ha eliminato le tariffe minime, dato le commissioni deontologiche ai tribunali, istituito i crediti formativi obbligatori - il Ministero della Giustizia supporti il CNI in un'azione che impedisca a chiunque di organizzare corsi di INGEGNERIA o di vedersi riconosciuto il termine di Ingegnere senza averne i reali e concreti presupposti.

E forse, anche ai "TECNICI del SUONO" farebbe piacere avere un po' di chiarezza e un riconoscimento della propria professione, anche se poi non potranno chiamarsi ingegneri.


Ing. Andrea Dari

Editore INGENIO