Dal progetto a Expo Milano 2015: inaugurata al Quirinale la mostra del PADIGLIONE ITALIA

11/11/2013 4431

Il cammino di Padiglione Italia comincia dal Quirinale.

Si è inaugurata infatti lo scorso 7 novembre la Mostra “Padiglione Italia. Dal Progetto a Expo Milano 2015”, che resterà aperta al pubblico nella Sala della Guardia d’onore fino al 15 gennaio 2014.

Alla presentazione dell’esposizione alla stampa sono intervenuti: Louis Godart, Consigliere del Presidente della Repubblica per la Conservazione del Patrimonio artistico, Diana Bracco, Presidente di Expo 2015 S.p.A. e Commissario Generale di Sezione per il Padiglione Italia e Michele Molè, di Nemesi & Partners, progettista del Padiglione Italia.

“E’ un grande onore poter esporre al Quirinale il progetto esecutivo del Padiglione Italia, a pochi giorni dall’avvio della gara che abbiamo indetto per scegliere chi avrà il compito di costruirlo”, ha affermato Diana Bracco. “Si tratta di un’iniziativa di grande trasparenza e valore simbolico e, che sono certa contribuirà a coinvolgere sempre più gli italiani nell’Expo, rinsaldando il senso della nostra comunità nazionale. Durante il semestre dell’Esposizione Universale”, ha aggiunto la Presidente di Expo 2015 spa, “l’Italia sarà davvero al centro dell’attenzione del mondo e questo ci permetterà di rilanciare la nostra immagine, restituendo fiducia e orgoglio nell’Italia ai cittadini, a cominciare dai più giovani, come ci ha più volte esortato a fare il Capo dello Stato. Dobbiamo rendere l’Expo una missione-Paese che valorizzi, come è scritto nell’articolo 9 della nostra Carta Costituzionale, l’immenso patrimonio artistico, paesaggistico ed enogastronomico italiano. In particolare il Padiglione Italia”, ha concluso Diana Bracco, “sarà anche un vivaio di idee e talenti capace di coniugare passato e futuro, tradizione e innovazione”.


Al centro della Mostra, ricca di filmati, rendering e disegni architettonici, c’è il plastico in scala 1:50 del nostro Padiglione all’Esposizione Universale del 2015. In quanto “Casa” del Paese ospitante, Palazzo Italia sarà il cuore del sito espositivo e rimarrà come uno dei più importanti lasciti materiali di Expo al territorio. L’intero Padiglione sarà un luogo icona in grado di rappresentare il meglio delle eccellenze delle Regioni e delle “mille” città italiane e rappresenterà per 184 giorni la “porta d’ingresso” del Paese per gli oltre sette milioni di turisti stranieri attesi.

Il progetto architettonico del Padiglione è il risultato di un concorso internazionale di progettazione aggiudicato da Expo 2015 S.p.A. nell’aprile 2013.

Il raggruppamento vincitore, costituito da Nemesi & Partners S.r.l., Proger S.p.A., e BMS Progetti S.r.l. ha proposto un edificio che si presenta come una “foresta urbana”, in cui l’architettura assume, attraverso la propria pelle ed articolazione volumetrica, le sembianze di una grande albero in cui il visitatore potrà immergersi e scoprire una suggestiva architettura-paesaggio.

Il progetto interpreta il Tema di Expo Milano 2015 “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”, declinandolo secondo i caratteri peculiari dell’identità italiana, da sempre identificata con l’energia che scaturisce dallo stare insieme: l’energia della comunità è rappresentata dalla Piazza centrale coperta di Palazzo Italia, cuore simbolico e partenza del percorso espositivo.

Palazzo Italia rappresenta a suo modo una “Architettura Naturale”, in cui poetica progettuale e sperimentalità tecnologica si fondono, dando vita ad un organismo spettacolare ed energeticamente sostenibile.

In termini architettonici il Cardo è concepito in coerenza con il progetto del Palazzo Italia, definendo l’immagine dell’intero secondo asse del Sito Expo e accompagnando il visitatore alla scoperta del Sistema Italia. Gli spazi, disposti in quattro lotti, ospiteranno diverse tipologie di funzioni: il Cardo Nord è dedicato alla rappresentazione dei Territori e delle Regioni italiane mentre il Cardo Sud racconterà le filiere del Mady in Italy attraverso l’eccellenza delle imprese. In corrispondenza della testata nord-est del Cardo si trova l’area dedicata alla partecipazione dell’Unione Europea.

L’Esposizione Universale si terrà a Milano dal 1 maggio al 15 ottobre 2015, a quasi cento anni di distanza dalla precedente Expo italiana realizzata nel 1906. L’evento porterà in Italia milioni di visitatori e decine di Capi di Stato e di Governo. I Partecipanti Ufficiali ad oggi confermati sono 138 tra Paesi e Organizzazioni Internazionali, con l’aspettativa che il numero di conferme continui a crescere.


LA MOSTRA. La Mostra “Padiglione Italia. Dal Progetto a Expo Milano 2015”, resterà aperta al pubblico nella Sala della Guardia d’onore fino al 15 gennaio 2014.

I visitatori possono accedere alla mostra con ingresso gratuito e senza bisogno di prenotazione, dalla Piazza del Quirinale, nei giorni feriali da martedì a sabato dalle ore 10.00 alle ore 13.00, e dalle ore 15.30 alle ore 18.30, mentre l'orario domenicale resta fissato dalle ore 8.30 alle ore 12.00, in concomitanza e con le disposizioni dell'apertura al pubblico delle sale di rappresentanza.
 

IL PROGETTO.
La Partecipazione Italiana a Expo Milano 2015 è organizzata nell’area del Cardo, uno dei due assi perpendicolari che, insieme al Decumano, struttura la griglia del masterplan di Expo Milano 2015.
Così come il Decumano rappresenta e ospita i Paesi Partecipanti, il Cardo è il luogo dove il visitatore può vivere, all’interno e lungo una serie di spazi innovativi, compositi, accessibili e di alto intrattenimento tematico e culturale, un’esperienza altamente qualificante del tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”.
In particolare la Partecipazione Italiana, riassunta nella definizione di Padiglione Italia, si sviluppa secondo due diverse modalità alle quali corrispondono due organizzazioni spaziali differenti: gli spazi del Cardo e Palazzo Italia.
I manufatti e gli spazi aperti che si affacciano sull’asse del Cardo - un viale pavimentato largo 35 metri e lungo 325 metri e coperto da tende, che congiunge la Piazza d’Acqua a nord con la piazza della Via d’Acqua a sud - ospitano una molteplicità di attività espositive ed istituzionali che vogliono rappresentare la varietà e la ricchezza dell’Italia, delle diverse identità riconoscibili nei suoi territori, delle istituzioni locali, dei paesaggi, dei prodotti e delle culture.

PALAZZO ITALIA. A nord-ovest del Cardo è situato il Palazzo Italia, un elemento di straordinaria rilevanza nel Sito Espositivo, perché destinato a luogo istituzionale e di rappresentanza dello Stato e del Governo Italiano; il Palazzo si rivolge verso la Piazza d’Acqua, spettacolare scenario per eventi e area di accoglienza e sosta per i visitatori.
Sono stati inoltre riservati, nella parte settentrionale del Cardo che si rivolge alla Piazza d’Acqua, spazi istituzionali, espositivi e di rappresentanza per istituzioni europee; la posizione di questi spazi, di fronte a Palazzo Italia e strettamente connessi con il sistema del Cardo, evidenzia in modo simbolico la stretta relazione tra l’Italia e l’Europa.
Il punto d’incontro dei due assi e virtuale centro dell’intero Sito è Piazza Italia, che diventa anche simbolicamente il luogo dove il mondo incontra l’Italia, spazio che per la sua dimensione (74m x 74m) e posizione è luogo di transito e scambio adatto ad accogliere eventi temporanei organizzati da Expo 2015, dai Partecipanti e dalle realtà italiane.
Il progetto del Padiglione Italia è il risultato di un concorso internazionale di progettazione aggiudicato da Expo 2015 S.p.A. nell’Aprile 2013.
Il raggruppamento costituito da Nemesi & Partners S.r.l., Proger S.p.A., e BMS Progetti S.r.l. di Milano ha proposto un progetto che si presenta come una “foresta urbana”, in cui l’architettura assume, attraverso la propria pelle ed articolazione volumetrica, le sembianze di una foresta in cui il visitatore potrà immergersi e scoprire una suggestiva architettura-paesaggio.
Palazzo Italia è il cuore simbolico dell’intero progetto, destinato a rimanere anche nel periodo post-Expo come polo dell’innovazione tecnologica al servizio della città. I manufatti del Cardo invece sono concepiti come edifici temporanei realizzati con tecnologie prefabbricate.
Il concept generale del Palazzo Italia è quello di una architettura-paesaggio, in cui l’edificio assume, attraverso la propria pelle ed articolazione volumetrica, le sembianze di un albero-foresta in cui il visitatore potrà immergersi e vivere una esperienza emozionale.

Palazzo Italia: una architettura naturale
Il progetto interpreta il Tema di Expo Milano 2015 “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”, declinandolo secondo i caratteri peculiari dell’Identità Italiana, da sempre identificata con l’energia che scaturisce dallo stare insieme, che vuol dire amicizia, comunità, accoglienza: l’energia della comunità è rappresentata dalla Piazza centrale coperta di Palazzo Italia, cuore simbolico e partenza del percorso espositivo.
Inoltre l’identità della comunità in Italia è strettamente relazionata con le forme del Paesaggio, naturale e antropizzato. Il progetto di Palazzo Italia è un racconto esperienziale in cui il visitatore si perde a contatto con un’architettura-paesaggio ricca di percorsi densi di suggestioni visive e vibrazioni luminose.
Il progetto ricerca, attraverso il disegno della pelle esterna ramificata, una sintesi e un’astrazione che richiamano l’essenzialità e la naturalezza di alcune opere di artisti della Land Art, definite “Architetture Naturali”.
Palazzo Italia rappresenta a suo modo una “Architettura Naturale”, in cui poetica progettuale e sperimentalità tecnologica si fondono, dando vita ad un organismo spettacolare ed energeticamente sostenibile.

Palazzo Italia, un organismo osmotico con l'ambiente
Le volumetrie del progetto costruiscono un’architettura viva ed interattiva, in grado di scambiare energia con l’esterno.
Il concept dell’albero-foresta infatti prende forma anche e soprattutto grazie alla messa a punto di accorgimenti tecnologici, impiantistici ed energetici che rendono l’edificio un organismo osmotico con l’ambiente, con cui interagisce e scambia energia, attraverso forme molteplici, a partire dalle prestazioni offerte dall’involucro dell’edificio: in primis la PELLE ESTERNA RAMIFICATA IN CEMENTO PREMISCELATO FOTOCATALITICO e la copertura-chioma vetrata fotovoltaica che cattura l’energia solare e contribuisce alla definizione del microclima della piazza sottostante; altre strategie energetiche prevedono il recupero dell’acqua di falda dal terreno, l’impiego del concrete cooling system per il riscaldamento e raffrescamento degli ambienti di lavoro con scambio di calore per attivazione della massa e la movimentazione passiva dell’aria per conformazione geometrico-spaziale della piazza coperta.
In particolare per la FACCIATA IN CEMENTO PREMISCELATO si è sviluppato un sistema a layer sovrapposti tali da determinare, nelle diverse combinazioni, una produzione di pannelli tutti diversi, per la realizzazione di una texture geometrica unica ed originale.
Per quanto riguarda la copertura vetrata a chioma si è invece sviluppato uno schema geometrico innovativo che ne asseconda le linee morbide e curve.

Organizzazione funzionale di Palazzo Italia
Palazzo Italia è organizzato secondo quattro blocchi funzionali collegati tra loro, vere e proprie quinte urbane che definiscono il grande vuoto della piazza centrale, luogo di accoglienza e simbolo di comunità; i blocchi funzionali ospitano rispettivamente la zona Espositiva (Blocco Ovest), la zona Eventi (Blocco sud), la zona Uffici (Blocco Nord) e la zona Istituzionale (Blocco Est).
Nel blocco espositivo-eventi si sviluppa il percorso di visita che attraversa l’intero edificio, portando il pubblico a scoprirne gradualmente le diverse angolazioni e consistenze. Il percorso espositivo sarà un vero e proprio percorso esperienziale, di viaggio e scoperta all’interno dell’edificio-albero, che appoggia le proprie radici a terra e libera i rami e la chioma verso l’alto, più massivo nel basamento e più leggero mano a mano si sale. Il visitatore infatti attraverserà tutti i quattro livelli dell’area espositiva, fino a raggiungere la terrazza panoramica, e da qui ridiscendere attraverso un nuovo e diverso itinerario fino alla piazza centrale, dove prende vita la foresta pietrificata.

Manufatti del Cardo
In termini progettuali il Cardo è concepito in coerenza con il progetto del Palazzo Italia, definendo l’immagine dell’intero asse secondario del Sito Expo ed accompagnando il visitatore alla scoperta del Sistema Italia.
Gli spazi, disposti in quattro lotti, ospiteranno diverse tipologie di funzioni: il Cardo Nord è dedicato alla rappresentazione dei Territori e delle Regioni italiane mentre il Cardo Sud racconterà le filiere del Mady in Italy attraverso l’eccellenza delle aziende italiane.
In corrispondenza della testata nord-est del Cardo si trova l’area dedicata alla partecipazione dell’Unione Europea.
L’articolazione volumetrica del progetto richiama l’immagine del Borgo Italiano, formato da volumi edilizi giustapposti alternati a piccole piazze, terrazze con caffè e percorsi porticati.

Dati

Palazzo Italia:
Dimensioni: L 57,5 m x L 57,5 m x H 25 m
Superficie Lorda Pavimentata complessiva (include spazi di distribuzione, scale, etc): 13.275mq
Spazi espositivi: 2.500 mq
Spazi per eventi: 1.920 mq
Spazi di rappresentanza: 2.350 mq
Spazi per la ristorazione: 1.050 mq

Cardo:
Superficie Lorda Pavimentata complessiva (include spazi di distribuzione, scale, etc.): 10.700mq
Spazi espositivi: 4.350 mq
Spazi eventi: 820 mq
Spazi di rappresentanza: 920 mq
Spazi per la ristorazione: 1.100 mq

PER MAGGIORI INFO: www.padiglioneitaliaexpo2015.com