INVOLUCRO EDILIZIO:IEA pubblica la Technology Roadmap per l’efficienza energetica degli edifici

L'uso di tecnologie efficienti per l’involucro esterno degli edifici (il tetto, le pareti esterne, le finestre, ecc) in genere sono in grado di ridurre i costi di riscaldamento e raffreddamento fino al 75%.
Nella nuova pubblicazione IEA i dettagli su come capitalizzare le nuove tecnologie.
 
Gli edifici utilizzano più energia rispetto a qualsiasi altro settore e quindi rappresentano  un obiettivo primario degli sforzi per risparmiare energia. 
Nella nuova pubblicazione  dell’IEA (International Energy Agency) viene mostrato come i miglioramenti dell'involucro edilizio – ossia delle parti di un edificio che formano la principale barriera termica tra interno ed esterno - possono ridurre il consumo totale del settore di quasi il 20%.
 
La pubblicazione Technology Roadmap: Energy Efficient Building Envelopes analizza tutte le tecnologie emergenti che migliorano l’involucro, comprendente pareti, finestre, porte, tetto, pavimenti, ecc., - come l’isolamento "sottile" ad alte prestazioni, le finestre con tripli vetri, il controllo solare dinamico o i sistemi a miglior tenuta d'aria. 
 
Descrivendo l’analisi degli investimenti, le politiche, le normative e le azioni necessarie per promuovere e diffondere queste tecnologie nelle strutture nuove ed esistenti, la nuova pubblicazione delinea una strategia per trasformare e migliorare gli edifici costruiti o da ristrutturare.
 
Non solo nella Technology Roadmap vengono proposte soluzioni a lungo termine per limitare la crescita del consumo di energia del settore, attualmente oltre la metà dell'elettricità globale, nonostante la crescita della popolazione mondiale di 2,5 miliardi entro il 2050.
Per esempio, per i climi caldi, il documento mostra come soluzioni a basso costo come i tetti e i muri, riflettenti, i sistemi di ombreggiatura esterni, l’uso di finestre e rivestimenti moderni possono ridurre notevolmente il consumo di energia per il raffreddamento.
Allo stesso modo, nei climi freddi, attraverso una progettazione ottimizzata e avanzata degli edifici, delle finestre e dei sistemi di vetrate possono migliorare enormemente il riscaldamento passivo dell’edificio.
Complessivamente i carichi derivanti da riscaldamento e raffreddamento possono essere ridotti di almeno il 40% attraverso tecnologie efficienti dell’involucro.
 
Questo è solo un inizio. “Costruire bene” una nuova costruzione è particolarmente importante soprattutto nelle economie emergenti dove più della metà degli edifici previsti in costruzione entro il 2050 devono ancora essere costruiti. La Technology Roadmap  descrive inoltre  le politiche necessarie per ridurre il costo degli edifici a ZERO ENERGY e spostare tecnologie e prodotti di nicchia nelle normali pratiche di costruzione.
Per i paesi OCSE invece, dove la maggior parte degli attuali edifici saranno ancora in piedi nel 2050, la Technology Roadmap  prevede un piano per incentivare le ristrutturazioni profonde che possono ridurre i consumi fino al 75%. 
 

PER MAGGIORI INFO CLICCA QUI