Concorsi di progettazione | Architettura | Progettazione
Data Pubblicazione:

Concorso di progettazione per la ricostruzione di tre bivacchi delle Fiamme Gialle a Predazzo

CONCORSO SCADUTO - Concorso a due gradi per il rifacimento di tre bivacchi a Predazzo (TN) sullo stesso sedime attuale. Il bando si trova in fondo all'articolo nella sezione Allegati.

Ricostruzione di 3 bivacchi delle Fiamme Gialle: il bando

Il C.A.I. Sezione "Fiamme Gialle" di Predazzo bandisce un concorso di progettazione per la Ricostruzione dei bivacchi gestiti dal C.A.I. Sezione “Fiamme Gialle”, ossia verranno rimossi gli attuali tre bivacchi in gestione e verranno realizzati nuovi, con un unico progetto selezionato dal concorso di progettazione.

Quindi l'oggetto dell’intervento è mirare a rimuovere i bivacchi esistenti e realizzare un nuovo bivacco tipo da replicare su tutti e tre i sedimi attuali:

  • “Fiamme Gialle”, posizionato ai piedi del Cimon della Pala, Gruppo Pale di San Martino, Dolomiti;
  •  “Renato Reali”, posizionato alla Forcella di Marmor, Catena meridionale del Gruppo Pale di San Martino, Dolomiti;
  •  “Aldo Moro” sul versante nord del Coston dei Slavaci, Gruppo del Lagorai (m 2565), sul tracciato della Translagorai.

La procedura aperta, il cui oggetto è l'acquisizione, dopo l'espletamento del secondo grado, di un progetto con livello di approfondimento pari a quello di un progetto preliminare (pari al progetto di fattibilità tecnica ed economica) secondo quanto previsto dall’art. 15 della LP. 26/93 e dell’allegato A al regolamento approvato con D.P.P. 11/05/2012, n. 9-84/Leg, nonché secondo le prescrizioni e le indicazioni tecnico-funzionali riportate nel DPP e nel presente bando.

Bivacco di Aldo Moro_Predazzo_fonte: Concorrimi.
Bivacco Fiamme Gialle_Predazzo_fonte: Concorrimi.

Per garantire anonimato e condizioni uniformi di partecipazione le procedure del concorso e il rapporto fra Ente banditore e concorrente avverranno esclusivamente per via telematica attraverso il sito di Concorrimi (link in fondo all'articolo). 

Il costo massimo dell'intervento da realizzare (riportato nel quadro economico – D.I.P. 02) comprensivo di importo dei lavori, costi di progettazione, direzione lavori, collaudi, costi per la sicurezza, spese del concorso e somme a disposizione della Stazione Appaltante) è fissato nell'importo di € 260.000,00 IVA inclusa.

Le scadenze

Il termine ultimo per la ricezione delle proposte progettuali relative al primo grado era il giorno 19.01.2023.

Chi può partecipare

Sono ammessi alla partecipazione i soggetti indicati all'art. 20 comma 3 della LP. 26/1993, vale a dire:

  • liberi professionisti singoli;
  • liberi professionisti associati;
  • società di professionisti;
  • società di ingegneria;
  • raggruppamenti temporanei costituiti dai soggetti di cui sopra ai quali si applicano le disposizioni di cui all'articolo 37 della LP. 26/1993 e all'art. 48 del D.lgs. 50/2016, in quanto compatibili;
  • consorzi stabili di società di professionisti e di società di ingegneria;
  • persone fisiche e giuridiche appartenenti ad altri Stati dell'Unione europea abilitate nei loro
    paesi d'origine.

Gli elaborati per il primo grado

Gli elaborati per il primo grado sono:

La proposta progettuale richiesta per la partecipazione al primo grado del concorso, deve essere composta dai seguenti elaborati:

  • n.1 relazione illustrativa e tecnica contenuta in un numero di massimo 4.000 battute, spazi inclusi, in formato UNI A4 su file PDF, orientata in senso verticale, per un totale di 4 facciate che illustri i criteri guida, anche attraverso schemi e immagini, delle scelte progettuali con particolare riferimento ai criteri di valutazione indicati nel bando e alla coerenza con gli obiettivi del DIP, comprensiva di una tabella riepilogativa dei costi (spesa sommaria degli oneri dei lavori e della sicurezza compresi i costi di cantierizzazione, per ogni singolo bivacco);
  • n.2 tavole in formato UNI A2 su file PDF, orientate in senso orizzontale, contenenti la rappresentazione dell'idea progettuale tramite planimetria, sezioni, piante, prospetti, viste tridimensionali e una foto inserimento sulla base
    dell’immagine fornita (FOTO “RENDER_01.jpg”), il tutto nella forma e nella scala adeguata per il concorrente, con tecnica rappresentativa libera, che possano narrare e far comprendere in modo compiuto l’idea che si intenderà sviluppare nel 1° grado. Vi è la possibilità di fare ulteriori elaborazioni a scelta del concorrente (viste esterne, schemi e diagrammi, ecc.).

Gli elaborati per il secondo grado

Gli elaborati per il secondo grado sono:

  • relazione illustrativa e tecnica contenuta in un numero di massimo 8.000 battute, spazi inclusi, in formato UNI A4 su file PDF, orientata in senso verticale, per un totale di 8 facciate (copertina esclusa). La relazione metterà in evidenza i concetti espressi graficamente, anche attraverso schemi e immagini, con particolare riferimento ai criteri di valutazione indicati nel bando e alla coerenza con gli obiettivi del DIP;
  • n.3 tavole in formato UNI A1 su file PDF, orientate in senso orizzontale, tecnica rappresentativa a scelta del concorrente;
  • schema preliminare dei costi dell’opera divisa per i capitoli di spesa di allestimento cantiere e oneri per la sicurezza, realizzazione fabbricato, trasporto mediante elicottero, installazione, montaggio, eventuale arredo.

Il montepremi

L'ammontare dei premi da assegnare complessivamente al progetto vincitore ed ai progetti meritevoli è di € 12.600,00 pari circa al valore del Preliminare.

La somma verrà così distribuita:

  • 1° classificato: € 6.400,00 (al netto di IVA, cassa e ogni altro onere di legge);
  • 2° classificato: € 3.200,00 (al netto di IVA e ogni altro onere di legge);
  • 3°/4°/5° classificato: è riconosciuto un rimborso spese € 1.000,00 (al netto di IVA e ogni altro onere di legge).

Scopri di più

Allegati

Leggi anche