Controlli | ISTITUTO GIORDANO
Data Pubblicazione:

LABINSIGHT: uno sguardo dentro al laboratorio di acustica e vibrazioni

Istituto Giordano può contare su un laboratorio di alto livello, notificato per le prove iniziali ai fini della marcatura CE e che testa le prestazioni acustiche di prodotti legati al settore delle costruzioni e dell'edilizia. Dotato di 11 camere, ha 6 banchi prove ed è in continua evoluzione. Scopriamone i dettagli.

Il laboratorio di Istituto Giordano ha strumentazioni all'avanguardia e capacità operativa di alto livello

Nel 2011, con l'inaugurazione della nuova sede di Gatteo, gli ampi spazi a disposizione hanno permesso a Istituto Giordano di progettare e realizzare un laboratorio all'avanguardia in termini di strumentazioni e capacità operativa.
Lo staff è composto da tecnici in possesso della qualifica di Tecnico Competente in Acustica (TCA) e partecipa ai gruppi di lavoro della sottocommissione UNI/CT 002/SC 01 “Acustica in edilizia”.

A presentarlo è Andrea Cucchi, responsabile tecnico della sezione di acustica e vibrazioni di Istituto Giordano, operativa dal 1980

Secondo quali autorizzazioni/notifiche vengono eseguite le prove?

Siamo inseriti nell'elenco dei laboratori notificati per le prove iniziali di tipo ai fini della marcatura CE secondo il Regolamento (UE) 305/2011 (CPR) e siamo accreditati ACCREDIA per le prove di laboratorio riguardanti l’isolamento acustico, il fonoassorbimento e la potenza sonora.
Tutta l'attività sperimentale segue in maniera rigorosa i criteri suggeriti dai principali enti normativi internazionali quali UNI, EN, ISO, DIN, NF, BSI, ASTM.

Andiamo più nel dettaglio, quali sono le prove che effettuate e su quali prodotti?

Il laboratorio testa le prestazioni acustiche di prodotti legati principalmente al settore delle costruzioni e dell’edilizia (partizioni orizzontali e verticali, infissi, vetri, pannelli, materiali isolanti, tessuti, ecc.), ma effettua prove anche in ambito stradale, ferroviario, navale e militare. I principali riferimenti normativi adottati sono:

  • Serie UNI EN ISO 10140 per l’isolamento acustico aereo e di calpestio;
  • UNI EN ISO 354 per il fonoassorbimento;
  • UNI EN ISO 3741 per la potenza sonora;
  • UNI EN ISO 10848-1/2 per la trasmissione laterale di pavimenti sopraelevati e controsoffitti;
  • Serie UNI EN 1793 e Serie UNI EN 16272 per le verifiche sulle barriere stradali e ferroviarie.
Test dell'isolamento acustico di una parete vetrata, con dettaglio della sorgente acustica omnidirezionale traslante.

Ai test svolti in laboratorio si affiancano le prove in opera per la valutazione dei requisiti acustici passivi degli edifici (D.P.C.M. 05/12/1997) e del disturbo/danno provocato da vibrazioni generate da sorgenti di vario genere (traffico stradale/ferroviario, attività di cantiere, impianti/macchinari interni agli edifici).
Infine, possiamo determinare diversi parametri fisici particolarmente utili per la caratterizzazione preliminare dei materiali impiegati per migliorare le prestazioni acustiche dei manufatti, quali:

  • Rigidità dinamica (UNI EN 29052-1);
  • Resistenza al flusso d’aria (UNI EN ISO 9053);
  • Assorbimento acustico tramite tubo di impedenza (UNI EN ISO 10534).

Ci racconti qualcosa in più del laboratorio, come è strutturato e come vengono eseguite le prove?

Il laboratorio è dotato in totale di 11 camere; 10 delle quali vengono utilizzate in maniera accoppiata, a costituire 6 banchi prove per la misura dell'isolamento acustico.
Tra questi, il banco prove per partizioni orizzontali (Fig. 1), con la sua camera ricevente interrata, è unico in Italia per realizzare certi tipi di test e la sua progettazione rende la movimentazione del campione sicura e agevole grazie ad un opportuno binario per lo scorrimento orizzontale. Lo stesso è inoltre dotato di un’apertura sul soffitto della camera sorgente che permette di verificare il comportamento di tetti e lucernari alla pioggia battente, secondo quanto previsto dallo standard UNI EN ISO 10140.

L'undicesima camera è quella riverberante utilizzata per i test di assorbimento acustico (Fig. 2) e potenza sonora generata da macchine/attrezzature e accessori per impianti aeraulici.

Banco prove per partizioni orizzontali (a sx); camera riverberante utilizzata per i test di assorbimento acustico (a dx)

Grazie alla presenza dei muratori all’interno dello staff siamo in grado di realizzare allestimenti murari su misura, riuscendo a testare campioni di svariate forme e dimensioni.
Gli ambienti di prova sono dotati di un sistema di monitoraggio in continuo di temperatura e umidità che consente di standardizzare le condizioni microclimatiche alle quali vengono effettuati i test.
Per l’esecuzione delle misure vengono utilizzati analizzatori multicanale
che permettono di acquisire in tempo reale tutti i parametri che definiscono il campo sonoro, consentendo un post-processing completo e, specie nel caso di prove che hanno finalità di ricerca e/o di confronto fra differenti soluzioni progettuali, più esteso di quanto previsto dagli standard di riferimento.
Il laboratorio è in continua evoluzione e siamo attenti a tutte le novità che il nostro settore presenta a livello tecnologico e normativo.

Leggi anche