Problemi Fessurativi | Patologie Edili | Indagini Strutturali
Data Pubblicazione:

Patologie edilizie: le lesioni nei muri, gravità e lettura

La corretta lettura del quadro fessurativo anche da parte di un privato cittadino può essere uno strumento di salvaguardia e di manutenzione di un bene. Di seguito la guida su come riconoscere le patologie edilizie gravi, a quale professionista rivolgersi e alcuni esempi di tipologie di danno e ambiti di intervento.

Quadro fessurativo: come riconoscere la gravità delle patologie edilizie

La lettura del quadro fessurativo è un’attività spesso sottostimata e sottovalutata. Non necessariamente ad una lesione è associato un dissesto statico, ma ciò non significa sottovalutarne l’entità semplicemente attraverso aspetti identificativi quali apertura e colore della lesione. Il privato cittadino detiene, a sua insaputa, la manutenzione del bene e la sua salvaguardia. Quando è necessario rivolgersi ad un professionista e di quale tipo? La formazione ed informazione sono due aspetti fondamentali che spesso sono dimenticati se non in prossimità del verificarsi di un determinato fenomeno. Quando la patologia edilizia è preoccupante? Questo articolo è il primo di un percorso che gli autori vogliono intraprendere per manuntere in tempo di pace.

La lettura dei quadri fessurativi degli edifici è un metodo affidabile utilizzato per diagnosticare lo stato di sollecitazione delle strutture in ambito post emergenziale. Ancora non si configurano metodi, presenti nel mondo anglosassone, per garantire a diversi tecnici di fornire valutazioni il più possibile oggettive e quindi scevre di soggettività.

La diagnostica visiva rapida (Rapid Visual Assessment) è un metodo utilizzato da FEMA per stimare, su diversi livelli, la vulnerabilità dei fabbricati. La FEMA ha aggiornato il Rapid Visual Screening of Buildings for Potential Sismic Hazards: A Handbook (Third Edition) FEMA P-154 / gennaio 2015.

Nell’ottica di incrementare la cultura della prevenzione e di imprimere alla normativa un’impronta efficace di valutazione, questo primo articolo ha l’obiettivo di analizzare riflessioni sull’implementazione di metodi derivati da testi, pubblicazioni e metodi di Protezione Civile per future previsioni normative. Il metodo con cui si affrontano i temi è teso a fornire una serie di informazioni per un auspicabile audience.

L’esperienza degli autori in ambito di redazione delle schede Aedes per l’associazione IPE Milano – Net.Pro. Italia è stato motivo di riflessione e analisi.

Screening sanitario non solo per la persona ma anche per gli edifici

Da molti anni in sanità si procede allo screening per le malattie più diffuse e si sono definite campagne di indagine sulla popolazione per anticipare l’insorgere di patologie onerose dal punto di vista del sistema sanitario, drammatici per le conseguenze sulle persone e causa di emergenti criticità sociali e famigliari.

È stato un percorso lungo per convincere la popolazione italiana che tali attività preventive possono garantire a moltissimi una durata e qualità di vita maggiore, impattando meno sui costi dello Stato per la sanità. Dimostrazione ne sia che l’Italia nel 2020 era fra le 10 nazioni europee a maggior spesa pro capite in prevenzione sanitaria.

Ad oggi sono pochissimi i casi di un percorso preventivo similare per gli edifici che ospitano tutti noi per lunga parte della giornata e che possono, in alcune condizioni, divenire pericolosi per la nostra incolumità, coinvolgendo in modo immediato ed imprevedibile, tantissimi concittadini. La continuità a carattere di programmazione e manutenzione è necessaria e non più rinviabile, anche in considerazione del fatto che ogni nuova struttura o interventi su strutture esistenti prevedono la redazione di un manuale di manutenzione. Gli effetti dell’assenza di una politica di formazione alla prevenzione sono chiari e lampanti dopo eventi drammatici che coinvolgono un territorio vasto (i.e. terremoti, varianti infrastrutture).

Si premette che il presente articolo vuole interessare tutti i tecnici impegnati nell’edilizia: architetti, geometri, ingegneri, periti (in stretto ordine alfabetico). Ognuno ha capacità adeguate a soddisfare ogni singola fase del metodo e può garantire la redazione di una documentazione condivisa: ovviamente in base al quadro patologico, si imporranno approfondimenti di figure sempre più esperte e qualificate che possano individuare le principali criticità e quindi fornire raccomandazioni su analisi approfondite e/o limitazioni d’uso.

Valutazione della sicurezza: le NTC18 e la circolare n. 7/2019

Ai sensi delle attuali NTC18, la valutazione della sicurezza strutturale, argomentata con apposita relazione, deve permettere di stabilire se:

  • l’uso della costruzione possa continuare senza interventi;
  • l’uso debba essere modificato (declassamento, cambio di destinazione e/o imposizione di limitazioni e/o cautele nell’uso);
  • sia necessario aumentare la sicurezza strutturale, mediante interventi.

La valutazione della sicurezza strutturale deve effettuarsi quando ricorra anche una sola delle seguenti situazioni:

  • riduzione evidente della capacità resistente e/o deformativa della struttura o di alcune sue parti dovuta a: significativo degrado e decadimento delle caratteristiche meccaniche dei materiali, deformazioni significative conseguenti anche a problemi in fondazione; danneggiamenti prodotti da azioni ambientali (sisma, vento, neve e temperatura), da azioni eccezionali (urti, incendi, esplosioni) o da situazioni di funzionamento ed uso anomali;
  • provati gravi errori di progetto o di costruzione;
  • cambio della destinazione d’uso della costruzione o di parti di essa, con variazione significativa dei carichi variabili e/o passaggio ad una classe d’uso superiore;
  • esecuzione di interventi non dichiaratamente strutturali, qualora essi interagiscano, anche solo in parte, con elementi aventi funzione strutturale e, in modo consistente, ne riducano la capacità e/o ne modifichino la rigidezza;
  • ogni qualvolta si eseguano gli interventi strutturali di:
    - intervento locale;
    - miglioramento;
    - adeguamento;
  • opere realizzate in assenza o difformità dal titolo abitativo, ove necessario al momento della costruzione, o in difformità alle norme tecniche per le costruzioni vigenti al momento della costruzione.

Il responsabile deputato alla manutenzione del bene è ovviamente il proprietario ed i controlli strutturali previsti dalle NTC18 nascono quando il committente decide di avviare ad esempio una ristrutturazione o vi siano cause imminenti che pregiudichino l’utilizzo di vani componenti il fabbricato.


... CONTINUA LA LETTURA NEL PDF.

SCARICA* E LEGGI L'ARTICOLO INTEGRALE

Il pdf continua parlando di:

-Certificato di idoneità statica: l’esperienza milanese
-Step 1: analisi documentale e reperimento
-Le discriminanti nella ricerca della documentazione
-Step 2: entità della singola lesione
-Chi legge il quadro fessurativo?
-Esempio di lettura del quadro fessurativo
-Il personale tecnico coinvolto

Per scaricare l’articolo devi essere iscritto.

Iscriviti Accedi

Indagini Strutturali

Con il topic "Indagini Strutturali" vengono raccolti tutti gli articoli pubblicati sul Ingenio sul tema della diagnostica strutturale e riguardanti la progettazione, l'applicazione, l'innovazione tecnica, i casi studio, i controlli e i pareri degli esperti.

Scopri di più

Patologie Edili

Tutto quello che riguarda il tema delle patologie edili: le tecniche di controllo e analisi, l’evoluzione normativa, le soluzioni tecnologiche,...

Scopri di più

Problemi Fessurativi

Con questo Topic raccogliamo tutte le news e gli approfondimenti sui problemi di fessurazione nella varie strutture.

Scopri di più

Leggi anche