Serramenti | Sostenibilità | HORMANN SRL
Data Pubblicazione:

Sistemi Hörmann: estetica, tecnologia e funzionalità per la logistica

Perfetta integrazione architettonica ed elevata qualità dei componenti: i sistemi Hörmann per l’interfaccia edificio-automezzi fanno la differenza nella nuova sede di Kramp Italia.

Il nuovo centro dà grande spazio a efficienza energetica e uso di energie rinnovabili

Operativo dall’estate 2021, il nuovo centro direzionale e logistico di Kramp Italia è uno dei più evoluti edifici industriali realizzati recentemente nella penisola. Situata a Reggio Emilia, la struttura (superficie calpestabile 17.200 m2) ospita un magazzino all’avanguardia dal punto di vista delle tecnologie per la logistica e dei servizi tecnici, più un’area per uffici estremamente curata sotto il profilo della qualità ambientale.
Progettato da A2N Studio Associato Architetti e realizzato dal General Contractor GSE Italia, il nuovo edificio è frutto di un investimento di 20 milioni di euro che il gruppo olandese – specialista europeo nella distribuzione di ricambi tecnici e accessori per le macchine agricole – ha voluto dedicare ai propri clienti e collaboratori italiani, con l’obiettivo di garantire un servizio di elevata qualità, sempre più affidabile e competente.

All'interno del magazzino ogni zona è progettata per funzioni specifiche: la zona di stoccaggio per ricambi e accessori di misura standard si sviluppa su 4 livelli, attraversati da 760 metri di nastro trasportatore, e può contenere fino a 120.000 locazioni; lo spazio centrale per i prodotti speciali (ricambi fuori misura, al taglio, pericolosi, infiammabili, ecc.) può ospitare fino a 20.000 locazioni, stoccate in 19 corsie con bande magnetiche per l’impiego dei muletti trilaterali; la nuova officina meccanica offre servizi personalizzati (customizzazione dei sedili e dei cardani, assemblaggio dei tubi idraulici raccordati, ecc.); l'area di ricezione e imballaggio degli ordini presenta macchine automatiche che assemblano, pesano ed etichettano i colli, minimizzando gli errori di prelievo e l’ingombro delle confezioni, in modo da ottimizzare il carico in uscita.

Le tecnologie a supporto dei processi permettono di spedire tempestivamente gli ordini degli oltre 2.300 clienti. L’edificio è all’avanguardia anche dal punto di vista del comfort e dell’efficienza energetica, con ampio ricorso alle fonti rinnovabili e a infrastrutture per la mobilità sostenibile.

L’ing. Cristian Bruni è stato il Project Manager di riferimento per il General Contractor GSE Italia: “Kramp Groep è un partner consolidato per il gruppo GSE: il centro direzionale e logistico di Reggio Emilia è il quarto realizzato in Europa dopo quelli a Poitiers (Francia), Strullendorf (Germania) e Biggleswade (Gran Bretagna). Si è trattato di una commessa chiavi in mano, per la quale abbiamo gestito la due diligence per l’acquisizione del sito, la supervisione della progettazione e tutte le attività di costruzione e installazione, ricorrendo a consulenti, professionisti e imprese specializzati.
Il progetto si distingue per l’altissimo livello del design architettonico, le scelte estetiche raffinate, l’attenzione alla funzionalità degli spazi e al comfort dei dipendenti, oltre alla dotazione impiantistica e tecnologica allo stato dell’arte. Tutte le scelte sono state orientate alla massima qualità
.”

Anche per quanto riguarda la tecnologia dell’interfaccia edificio-automezzi?

“Questo aspetto è stato particolarmente curato. Abbiamo selezionato Hörmann perché si tratta del produttore di riferimento per il mercato internazionale in termini di chiusure e sistemi integrati di carico-scarico. In questo periodo stiamo realizzando numerosi interventi con i sistemi Hörmann per la logistica, le cui soluzioni sono spesso richieste proprio dai committenti.”

Avete incontrato difficoltà?

“Nulla di significativo. In cantiere le problematiche si verificano sempre e, in questo caso, i lavori sono stati estremamente rapidi. Anche Hörmann ha dovuto bruciare i tempi e, quando una fornitura si è rivelata incompleta, si sono dimostrati estremamente reattivi nella risoluzione del problema. In conclusione, siamo estremamente soddisfatti del risultato, specie per la perfetta integrazione dei portoni sezionali nella facciata principale dell’edificio.”

PRODOTTI AL VERTICE PER UN SISTEMA INTEGRATO
I sistemi per la logistica della nuova sede Kramp sono realizzati con prodotti Hörmann, caratterizzati da prestazioni di riferimento nel settore; in questo caso è stata prestata una particolare attenzione all'aspetto estetico e all’ottimale coibentazione dei punti di carico-scarico.
Gli automezzi da trasporto di grande dimensione hanno a disposizione 12 baie di carico, così composte:
- pedana di carico HLS con spondina ribaltabile (colore RAL 9017), servita da quadro di comando Kombi unificato con il portone sezionale;
- coppie di respingenti in gomma maggiorati DB 15;
- portoni sezionali SPU F42, con finitura superficiale Micrograin (colore RAL 7016), visiva con telaio in alluminio a taglio termico, motorizzazione WA 300 e kit Thermoframe per garantire un coefficiente di trasmittanza termica U = 1,5 kWh/m2K;
- portali isotermici a teli DSLR, con gronda di scolo dell’acqua piovana integrata nella copertura;
- coppie di cordoli guidaruota WBM per l’ausilio all'attracco.

Per delimitare gli ingressi carrabili all’area per lo stoccaggio a terra, retrostante le baie di carico-scarico, sono stati inoltre installati due portoni sezionali SPU F42 con le stesse caratteristiche di quelli delle baie.
I portoni sezionali Hörmann SPU F42 abbinano tecnologia, prestazioni e affidabilità a una vasta gamma di modalità d’installazione, finiture, accessori e possibilità di personalizzazione. Il loro sviluppo è in costante evoluzione: l’ultima versione raggiunge una velocità di apertura di 1 m/sec.

Le pedane idrauliche HLS compensano con precisione il dislivello tra il pianale dell’autocarro e le rampe di carico; realizzate in acciaio zincato per assicurare resistenza, durata e igiene, possono raggiungere dimensioni di 2.250 × 3.000 mm. (e anche maggiori con altri modelli). Equipaggiate con una spondina ribaltabile che facilita il transito dei carichi sulle superfici, le pedane sono state fornite di un cassero sagomato con tasca inferiore, per l'eventuale inserimento della sponda posteriore dell’automezzo.

Robusti, flessibili e disponibili in diverse configurazioni, i respingenti antiurto DB proteggono la banchina e l’edificio dall’impatto da parte degli automezzi, assorbendo le forze dinamiche durante l’attracco.

La perfetta sigillatura del contorno dell’automezzo attraccato è affidata ai portali isotermici DSLR, i cui teli laterali e superiori (spessore 3 mm) sono composti da 2 strati di tessuto di supporto in monofilo di poliestere, con entrambi i lati rivestiti di PVC.

I cordoli WBM, infine, assistono il conducente durante l’attracco e guidano l’autocarro con precisione verso il punto di carico-scarico e il sigillante perimetrale, evitando così danni al veicolo e ai dispositivi delle baie, anche a garanzia di un’efficiente chiusura a tenuta.

Leggi anche