4072 visualizzazioni
Data Pubblicazione:

Sostenibilità: negli USA 370 miliardi di dollari in programmi per il clima e l'energia

Il disegno di legge complessivamente potrebbe consentire agli Stati Uniti di ridurre le emissioni di gas serra di circa il 40% rispetto ai livelli del 2005 entro la fine del decennio.

 

Il Senato americano approva la legge su clima, salute e tasse, 370 miliardi di dollari in programmi per il clima e l'energia. La parola ora alla Camera

WASHINGTON - Il Senato ha approvato domenica una legge che porterebbe all'investimento federale più significativo nella storia per contrastare il cambiamento climatico, poiché i Democratici si sono uniti per portare avanti i principali pezzi dell'agenda interna del presidente Biden sull'opposizione repubblicana unificata.

Sostenibilità: negli USA 370 miliardi di dollari in programmi per il clima e l'energia

La misura è stata di gran lunga inferiore alla visione originale di Biden per il piano e alla misura da 2,2 trilioni di dollari che la Camera ha approvato a novembre, ma si tratta di un passaggio fondamentale per un cambiamento radicale di rotta da parte degli Stati Uniti d'America sul tema del clima dopo il governo Trump.

La misura - se approvata alla camera - inietterebbe oltre 370 miliardi di dollari in programmi per il clima e l'energia. Complessivamente, il disegno di legge potrebbe consentire agli Stati Uniti di ridurre le emissioni di gas serra di circa il 40% rispetto ai livelli del 2005 entro la fine del decennio.

 


Nei programmi per le elezioni politiche del 2022 nessuna agenda per il clima

Mentre ci arrivano queste importanti notizie da uno dei tre Paesi "meno sostenibili" del mondo, scelte che ovviamente ci danno una speranza per il futuro, ci colpisce l'assenza dei programmi sulla sostenibilità e sulla lotta al cambiamento climatico nelle promesse elettorali delle diverse coalizioni che si preparano per il 25 settembre. Poi ci lamentiamo che i giovani non votano e che la politica non affascina la società civile ...

Andrea Dari


 

Il disegno - che prevede anche importanti interventi sulal sanità pubblica - verrebbe finanziato con sostanziali aumenti delle tasse, per lo più sulle grandi società, compresa l'istituzione di un'imposta minima del 15 per cento per le società e l'imposizione di una nuova tassa sui riacquisti di azioni delle società.

Imporrebbe una nuova tassa dell'1% sui riacquisti di azioni societarie a partire dal 2023. La misura verserebbe anche $ 80 miliardi nell'IRS (L'Internal Revenue Service è il servizio fiscale per il governo federale degli Stati Uniti, che è responsabile della riscossione delle tasse e dell'amministrazione dell'Internal Revenue Code, il corpo principale della legge fiscale statutaria federale) per rinforzare il braccio di controllo dell'agenzia e reprimere le società ricche e gli evasori fiscali. Si stima che tale disposizione raccolga 124 miliardi di dollari in un decennio.

Uno scontro non solo sul clima e sull'approccio al sociale, che ha portato a una divisione netta nella votazione. Il conteggio finale è stato di 51 a 50, con il vicepresidente Kamala Harris che ha espresso il voto decisivo. L'approvazione è arrivata dopo una sessione del fine settimana caratterizzata da una maratona elettorale durata 16 ore, in cui i repubblicani hanno tentato ripetutamente di far deragliare la legislazione e i democratici si sono uniti per respingere quasi tutti i loro sforzi.

La Camera ha pianificato di interrompere la pausa estiva per riunirsi brevemente venerdì per approvare il provvedimento, inviandolo al signor Biden per la sua firma.

Si ricorda che oggi la Camera è composta da 441 membri, di cui 435 rappresentanti (con diritto di voto) e 6 delegati (senza diritto di voto), di cui 222 sono democratici e 213 repubblicani.

 

I provvedimenti sul clima

La legge sul clima se approvata diventerà la più significativa mai messa in atto negli Stati Uniti, investendo centinaia di miliardi di dollari in 10 anni in crediti d'imposta per impianti di produzione per cose come veicoli elettrici, turbine eoliche e pannelli solari e $ 30 miliardi per ulteriori crediti d'imposta sulla produzione per accelerare la produzione nazionale di pannelli solari, turbine eoliche, batterie e lavorazione di minerali critici.

Imporrebbe anche una tassa per penalizzare le emissioni eccessive di metano.

Il disegno di legge offre incentivi fiscali per indirizzare i consumatori verso i veicoli elettrici e attirare i servizi elettrici verso le fonti di energia rinnovabili come l'energia eolica o solare. Non solo, include anche milioni di dollari in finanziamenti per la resilienza climatica per i governi tribali e i nativi hawaiani, oltre a 60 miliardi di dollari per aiutare le aree svantaggiate che sono colpite in modo sproporzionato dai cambiamenti climatici.

Ecco alcune delle disposizioni chiave:

 

Industria automobilistica.

Prolungamento fino al 2032 dei $ 7.500 in crediti d'imposta per l'acquisto di un veicolo elettrico, senza alcun limite al numero di auto. Inoltre anche 4.000 per le auto usate.

 

Industria energetica.

Sconti per gli americani che acquistano elettrodomestici ad alta efficienza energetica, nonché crediti d'imposta per le aziende che costruiscono nuove fonti di elettricità senza emissioni, come turbine eoliche e pannelli solari.

60 miliardi di dollari per incoraggiare la produzione di energia pulita negli Stati Uniti e una sanzione finanziaria per tonnellata per le aziende che superano i limiti federali si emissioni di metano (a partire dal 2024.)



Il bla bla mondiale sul metano

Durante il COP 26 i leader mondiali hanno concordato un accordo per ridurre le emissioni del metano, secondo gas serra più inquinante del pianeta. Sono infatti 103 i paesi che hanno firmato un accordo per ridurre le emissioni di metano del 30% entro la fine del decennio. Finalmente un provvedimento su questo fronte. Negli altri Paesi solo bla bla ... (vedi mio articolo Cop26: i leader concordano un piano per riduzione emissioni metano del 30%, senza la Cina)

Andrea Dari


  

Comunità a basso reddito.

Oltre 60 miliardi di dollari per sostenere le comunità a basso reddito e le comunità di colore che sono sproporzionatamente gravate dagli effetti del cambiamento climatico. Ciò include sovvenzioni per tecnologie e veicoli a emissioni zero, nonché denaro per mitigare gli effetti negativi di autostrade, depositi di autobus e altre strutture di trasporto.

 

Industria dei combustibili fossili.

Impegno per il governo federale di mettere all'asta più terre e acque pubbliche per le trivellazioni petrolifere ed espandere i crediti d'imposta per gli impianti a carbone e gas che si basano sulla tecnologia di cattura del carbonio.

E per la Virginia dell'ovest, il secondo produttore di carbone della nazione, un fondo fiduciario federale permanente per sostenere i minatori con malattie del polmone nero e nuovi incentivi alle aziende per costruire parchi eolici e solari in aree in cui le miniere di carbone o le centrali a carbone hanno recentemente chiuso. 

 


I commenti

Marco Mari: "quello che è buono per il pianeta è buono per il tuo portafoglio"

“Contrastare l’inquinamento atmosferico, il riscaldamento globale e, al contempo, fornire sicurezza energetica al proprio paese, non è un affare da ambientalisti, è un affare da imprenditori e amministratori che hanno a cuore il proprio business e il futuro dei propri territori - dichiara Marco Mari, presidente di Green Building Council Italia - negli Stati Uniti da anni si è consolidato il motto “quello che è buono per il pianeta è buono per il tuo portafoglio” e le opportunità legate alla “green finance” non sono prerogativa di fazioni politiche o di ambientalisti talebani, ma semplicemente legate ad una visione pragmatica del mondo degli affari. Anche la Trump Tower è certificata LEED. 

Detto ciò, non abbiamo più tempo e il rischio è che si adottino strategie parziali e generiche, mi spiego meglio. Per quanto attiene le “strategie parziali”, serve considerare non solo il vettore energetico ma anche l’insieme di aspetti ambientali che ne sono strettamente collegati e parimenti agiscono negativamente sull’impatto generato, come ad esempio i materiali a basso impatto, i rifiuti e l’economia circolare, senza dimenticare l’acqua. Non possiamo permetterci di fare una sola azione alla volta, altrimenti corriamo il rischio di non raggiungere nei tempi necessari gli obiettivi climatici che garantiranno un futuro accettabile alla nostra e alle future generazioni. Invece, per quanto attiene le “strategie generiche”, serve ricordarsi che differenti filiere hanno differenti necessità e potenzialità. In tal senso, la filiera edilizia-immobiliare, non solo è quella che produce più lavoro sui territori, ma ha anche il maggior impatto su consumi energetici e su impatto ambientale. Servono dunque strategie dedicate e sopratutto un approccio energetico-ambientale integrato, perché un edificio non è una somma di pezzi, è un sistema complesso. 

Dunque, oltre rallegrarci delle recenti scelte energetiche e climatiche della amministrazione Biden, bene sarebbe evidenziare anche che gli USA sono il primo paese al mondo per edilizia sostenibile certificata con i protocolli energetico-ambientali della famiglia LEED e, magari, ricordarsi che l’Italia è il secondo in Europa con 1220 edifici certificati o formalmente registrati per oltre 18 milioni di metri quadrati di superficie. In Europa, siamo secondi solo alla Spagna, ma cresciamo di più e a breve diventeremo il primo, grazie all’ impulso proveniente da città come Milano, seconda in Europa, e Roma che è in forte accelerazione, o anche grazie a progetti di rigenerazione sostenibile come quello del gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, che anche grazie ad uno specifico accordo recentemente siglato, prevede la certificazione energetico-ambientale della sostenibilità di edifici ed infrastrutture di oltre 600 stazioni in Italia. Anche questo dovrebbe fare notizia e, magari, essere incardinato in tutte le agende politiche."