Edilizia | Materiali e Tecniche Costruttive | XELLA ITALIA SRL
Data Pubblicazione:

Xella Italia al Salone del Mobile: edilizia sostenibile per i designer del futuro

Pensato per essere un’esposizione temporanea, l'allestimento si basa su un unico materiale, il blocco Ytong in calcestruzzo aerato autoclavato.

La mostra sarà visitabile dal 5 all'11 settembre 2021 a Fiera Rho – Pad. 2-4.

 

La mostra The Lost Graduation Show: al Supersalone le ultime novità in tema di design

Nel corso degli ultimi due anni migliaia di studenti di design hanno completato i loro studi, ma al contrario di coloro che li hanno preceduti si sono laureati senza avere avuto la possibilità di presentare i loro lavori in pubblico.

The Lost Graduation Show dà alle classi del 2020/2021 questa opportunità, portando giovani designer provenienti da tutto il mondo insieme su un unico grande palcoscenico. TLGS è stato concepito per quei giovani designer che sono pronti a fare il loro debutto nel mondo del mercato. Allo stesso tempo la mostra fornisce una possibilità a imprenditori, produttori, designer, giornalisti e altri professionisti del settore, così come al pubblico in genere, di osservare le ultime novità in tema di design.

 

La mostra The Lost Graduation Show: al Supersalone le ultime novità in tema di design

 

Sono stati selezionati circa 170 progetti di laurea, provenienti da 48 scuole di design e creati da 200 giovani designer dall’Asia, dal Sud e Nord America, dal Medio Oriente e dall’Europa.

I progetti selezionati esplorano territori come la ricerca sui materiali e il design sostenibile, la mobilità, il design inclusivo e di servizio, il design medico, sportivo e quello d’esterni. Il tema che ha accomunato tutte le proposte è la consapevolezza collettiva che i materiali vadano trattati con attenzione e rispetto, evitando gli eccessi e gli sprechi.

 

Il blocco Ytong in calcestruzzo aerato autoclavato per l'allestimento della mostra

Seguendo le linee guida e il main concept del Salone, l’allestimento della mostra stessa è stato pensato per essere un’esposizione temporanea dove nessun materiale deve essere sprecato.

Si basa su un unico materiale, il blocco Ytong in calcestruzzo aerato autoclavato prodotto da Xella Italia: modulare, di provenienza locale, parte di un sistema circolare e riutilizzabile. Una volta smantellata, l’istallazione sarà interamente restituita al ciclo produttivo del materiale.

 

Il blocco Ytong di Xella per l'allestimento della mostra al Salone del Mobile 2021

 

Presente sul mercato fin dalla metà degli anni Venti del Novecento il calcestruzzo aerato autoclavato è un prodotto che – per basso impatto ambientale, elevati valori di resistenza termica del materiale anche indipendentemente dall’interposizione di ulteriori strati isolanti – presenta incredibili vantaggi nella costruzione di edifici nel rispetto dei più attuali criteri di sostenibilitàalta efficienza energetica.

 

Xella Italia al Salone del Mobile: edilizia sostenibile per i designer del futuro

 

I componenti del calcestruzzo aerato autoclavato sono sabbia, calce, cemento e acqua, materie prime completamente naturali che formano gran parte della crosta terrestre e che sono praticamente inesauribili. Questi elementi si ricavano mediante processi semplici che – a differenza di molti altri materiali ad alte prestazioni di isolamento termico – richiedono un modesto apporto di energia e non comportano alcun rilascio di sostanze tossiche in fase di lavorazione.

Oltre a Ytong, Xella produce Multipor, il pannello isolante minerale e traspirante, e un’ampia gamma di rasanti, malte e intonaci, che vanno a costituire un sistema costruttivo completo, funzionale a tutte le tipologie costruttive sia nuove sia in ristrutturazione.

 

 I sistemi Xella per un’edilizia attenta al costruire sostenibile

 

I sistemi Xella per un’edilizia attenta al costruire sostenibile

La certificazione EPD, basata sull’intero ciclo di vita del prodotto, attesta con parametri oggettivi l’eccellenza del profilo ambientale dei sistemi Xella, comprovandone la sostenibilità, la eco-compatibilità e l’impatto ambientale minimo per la sua produzione in relazione all’intero ciclo di vita del prodotto a fronte di prestazioni tecniche ottimali in termini di resistenza, leggerezza, salubrità, traspirabilità, capacità isolante e sicurezza antincendio e antisismica, per un’edilizia sempre più vicina e attenta al benessere dell’uomo e del costruire sostenibile.

L'origine naturale delle materie prime impiegate, unita all'elevato standard qualitativo degli impianti di produzione, hanno permesso ai prodotti Xella di ottenere le più importanti certificazioni relative a standard di ecologia e sostenibilità, consentendone l’utilizzo nella bioedilizia.

I sistemi Ytong e Multipor rispettano i criteri ambientali minimi CAM, necessari per accedere agli incentivi fiscali del Superbonus 110%.

 


Scopri di più sui sistemi costruttivi Ytong e Multipor di Xella


 

THE LOST GRADUATION SHOW

5-11 settembre 2021

Fiera Rho – Pad. 2-4

  • Curatrice: Anniina Koivu
  • Exhibition design: Camille Blin e Anthony Guex
  • Curatorial Team: Margherita Banchi, Bérengère Bussioz, Luisa Kahlfeldt, Silvio Rebholz Graphic design: Studio Folder
  • Main sponsor: Xella Italia

 


xella-group.jpg

Chi è Xella

Xella Group, presente in 25 Paesi con 7.000 dipendenti e 95 stabilimenti produttivi, è uno dei principali fornitori di soluzioni a livello internazionale per l'industria dei materiali edili e isolanti.

Nel 2011 è stata la prima azienda produttrice di materiali da costruzione a ricevere la certificazione Cradle to Cradle®.

Nel 2020 ha ottenuto il migliore rating di sostenibilità tra tutte le 115 aziende del settore delle costruzioni valutate da Sustainalytic, e ha recentemente pubblicato il proprio Rapporto di Sostenibilità, confermando la sua mission orientata al raggiungimento dei più elevati obiettivi su questo tema.

In Italia Xella è presente con i Marchi Ytong, Multipor e Siporex, una sede commerciale e amministrativa in provincia di Bergamo e due poli produttivi: uno a Pontenure (PC), annoverato fra i siti produttivi più all’avanguardia nel panorama europeo, e uno ad Atella (PZ).