Iori Tullia


Professore Ordinario nel settore disciplinare Architettura Tecnica, Università Roma Tor Vergata

Curriculum / Profilo

Tullia Iori (1969) è Professore Ordinario nel settore disciplinare Architettura Tecnica presso l'Ateneo di Roma Tor Vergata.

Si laurea nel 1993 in Ingegneria Civile Edile. Nel 1999 consegue il titolo di dottore di ricerca in “Ingegneria Edile: Architettura e Costruzione” con una tesi sulla storia del cemento armato in Italia dalle origini alla seconda guerra mondiale (premio Edoardo Benvenuto edizione 2003). Assegnista di ricerca (1999-2001), poi ricercatore per il settore H08A (2001-2005) presso la Facoltà di Ingegneria dell'Università di Roma Tor Vergata, diviene professore associato nel ssd ICAR/08 - Architettura tecnica nel 2005. Vincitrice di valutazione comparativa bandita nel giugno 2008 presso il Politecnico di Milano, nel settembre 2010 è chiamata della Facoltà di Ingegneria di Roma Tor Vergata; prende servizio come professore straordinario nel febbraio 2013.

Dal 2013 è Coordinatore del corso di laurea magistrale a ciclo unico in Ingegneria edile - Architettura dell'Università di Roma Tor Vergata. Dal 2014 è coordinatore del Dottorato di Ricerca in "Ingegneria Civile" presso la stessa università.

Dal 1994 conduce le sue ricerche con Sergio Poretti, indagando la storia della costruzione e delle tecniche costruttive, con particolare riferimento alle applicazioni sulla conservazione dell'architettura e dell'ingegneria moderna.

Dal 2012 è Co-Investigator nel progetto SIXXI (ERC Advanced grant 2011 | P.I. Sergio Poretti) dedicato alla Storia dell'ingegneria strutturale italiana nel XX secolo e coordina il lavoro del gruppo di giovani dottorandi e assegnisti di ricerca coinvolti. Per maggiori informazioni sul progetto vedi il sito www.sixxi.eu.

Le sue ricerche sono pubblicate in monografie, articoli su riviste, saggi su libri. Tra le monografie principali: Il cemento armato in Italia dalle origini alla seconda Guerra mondiale (2001; premio Edoardo Benvenuto edizione 2003); Ingegneria italiana (cura, 2007); Pier Luigi Nervi. L'Ambasciata d'Italia a Brasilia (con Sergio Poretti, 2008); Pier Luigi Nervi (2009); 150 anni di storia del cemento in Italia. Le opere, gli uomini, le imprese (2011); Pier Luigi Nervi. Architettura come Sfida. Roma. Ingegno e costruzione. Guida alla mostra (con Sergio Poretti, 2010); Ingegneria oggi (cura, 2012); SIXXI 1.Storia dell'ingegneria strutturale in Italia (cura, 2014).

Nel 2010 è curatore, con Carlo Olmo e Sergio Poretti, della tappa romana della mostra "Pier Luigi Nervi. Architettura come Sfida", tenutasi al MAXXI - Museo delle arti del XXI secolo, di Roma tra il 15 dicembre 2010 e il 20 marzo 2011. Nel 2014 cura con Margherita Guccione la mostra "Strutture romane", MAXXI, 17 aprile 2014 - 05 ottobre 2014.

Partecipa a successivi programmi di ricerca scientifica di rilevante interesse nazionale, cofinanziati dal MIUR:

  • La costruzione moderna in Italia: modi e tecniche per la conservazione ed il recupero (COFIN, bando 1998);
  • La costruzione moderna in Italia: il patrimonio edilizio dell'INA Casa (1949-1963). Modi e tecniche per la conservazione ed il recupero (PRIN, bando 2000); L'architettura moderna in Italia negli anni trenta e quaranta. Un manuale per la conservazione ed il recupero (PRIN, bando 2003);
  • La costruzione dell'architettura in Italia nel dopoguerra (1945-65). Modi e tecniche di conservazione e recupero (PRIN, bando 2006);
  • La costruzione industrializzata in Italia tra gli anni '60 e gli anni '80. Modi e tecniche di conservazione e recupero (PRIN, bando 2008).

L’attività di ricerca applicata è incentrata prevalentemente sul tema della conservazione dell’architettura moderna.

Tra le attività principali:

  • -nel 1997 collabora alla consulenza scientifica relativa alla progettazione ed esecuzione dei lavori di restauro dell’edificio postale Ostiense di Roma (A. Libera, 1933-35);
  • -nel 1998 partecipa alla formulazione di una ipotesi di restauro della Casa del fascio di Como di G. Terragni;
  • -nel 2000 partecipa alla ricerca sulle caratteristiche architettoniche e costruttive del Palazzo della Civiltà Italiana e fa parte del gruppo di lavoro incaricato, nel 2001, di individuare le parti architettoniche da sottoporre a restauro conservativo e di formulare gli orientamenti progettuali finalizzati al riuso del Palazzo come Museo dell’Audiovisivo;
  • -nel 2004 fa parte del gruppo di lavoro che, su incarico della Soprintendenza per i Beni architettonici di Sassari e Nuoro, elabora uno studio finalizzato al recupero e valorizzazione del Padiglione dell'Artigianato di Sassari (U. Badas, 1952-58) e nel 2007 predispone le linee guida per l'intervento di recupero;
  • -nel 2006 fa parte del gruppo di lavoro che, su incarico della Regione del Veneto e del Comitato paritetico Stato-Regione per la valorizzazione dell'opera di Carlo Scarpa, svolge uno studio pilota su cui basare gli interventi di restauro della Tomba monumentale Brion a S. Vito di Altivole (C. Scarpa, 1968-76);
  • -nel 2007 coordina il gruppo di lavoro che elabora le linee guida per l'intervento di recupero della Sede della Confindustria in viale dell'Astronomia all'Eur a Roma, su incarico di Aedificatio Spa;
  • -nel 2008 coordina il gruppo di lavoro che elabora il progetto di restauro delle parti architettoniche più significative del Palazzo delle Poste di piazza Bologna a Roma (M. Ridolfi, 1933-35).

Articoli

  • 1