Attrezzature waterfront di Portici: il Comune riapre i termini dei due concorsi di idee. Scadenza: 15 marzo

portici_waterfront.jpg

Il Comune di Portici ha riaperto fino alla metà del prossimo mese di marzo i termini di scadenza dei due concorsi di idee lanciati lo scorso settembre per dotare la cittadina vesuviana di un progetto strategico unitario che le permetta di inserirsi nel circuito turistico internazionale.
I concorsi sono mirati alla formulazione di proposte ideative per la realizzazione di attrezzature a completamento del progetto di riqualificazione del waterfront.
Le proposte dovranno inquadrarsi in un progetto strategico unitario che punti a connettere e a valorizzare le numerose e notevoli risorse culturali e paesaggistiche di cui è dotata l’area.
Per entrambi i concorsi è previsto, previa verifica dei requisiti, l’affidamento al vincitore dei successivi livelli di progettazione.
Destinatari dei concorsi sono Architetti e Ingegneri iscritti nei rispettivi Albi o registri professionali dei paesi appartenenti all’Unione Europea.
Il primo concorso, con un montepremi complessivo di 18.000 euro, richiede lo sviluppo di un’idea di progetto per una zona di interscambio nelle aree ferroviarie dismesse nei pressi del porticciolo del Granatello e del polo scientifico dell’ENEA, per una darsena a ridosso del Museo Ferroviario di Pietrarsa e per dei percorsi di collegamento tra i vari punti di attrazione della città.
Il secondo concorso, con un montepremi complessivo di 11.000 euro, richiede invece un’idea di progetto per attrezzature smontabili stagionali a supporto della passeggiata litoranea.
Il termine di scadenza per l’iscrizione e la consegna degli elaborati è fissato alle ore 12.00 di venerdì 15 marzo 2019.
Vediamo ora i dettagli dei due concorsi e la ripartizione dei relativi premi.

CONCORSO 1
Il concorso mira a creare lungo l’area costiera di Portici un intervento che crei un sistema unitario di nuove attrezzature la cui fruizione avvenga attraverso percorsi di varia natura collegati tra loro come parti di un unico sistema. L’ambito di intervento comprende:
–   l’area del parco binari dismesso della linea ferroviaria oltre  l’area dello stadio comunale confinante fino al Granatello
–   l’area della Stazione Ferroviaria esistente comprensiva della piazza antistante;
–   l’area  adiacente il Museo Ferroviario di Pietrarsa
–   l’area compresa tra il Museo Ferroviario di  Pietrarsa e villa D’Elboeuf .
Si tratta di progettare un sistema che metta in relazione le risorse storico-archeologiche (gli scavi e le antiche ville Vesuviane ), il Parco del Vesuvio, il polo museale di Pietrarsa ed il mare sfruttando principalmente la linea ferroviaria dismessa e gli approdi marini (darsena di Pietrarsa e il Granatello). In particolare bisognerà prevedere una nuova stazione della linea ferroviaria, un parco urbano attrezzato con attività commerciali, un nuovo approdo in località Pietrarsa e una sistema di connessioni trasversali pedonali e ciclabili.
Tale progetto dovrà dialogare con il territorio sovrapponendosi ad esso senza tuttavia perdere la sua identità e dovrà consentirne l’accesso attraverso zone di interscambio che permettano, una volta raggiunta con auto, ferrovia o natante l’area prescelta, di proseguire a piedi agevolmente attraverso percorsi pedonali e ciclabili su cui saranno localizzate strutture ricettive di diverso genere.

PREMI
1° CLASSIFICATO
14.000 €
2° CLASSIFICATO
2.000 €
3° CLASSIFICATO
2.000 €

CONCORSO 2
Il Concorso di idee mira ad acquisire proposte ideative relative alla progettazione di attrezzature smontabili, stagionali, a servizio delle spiagge e della “passeggiata” litoranea tra Pietrarsa e la spiaggia delle Mortelle.
Tali attrezzature dovranno essere in numero non superiore a 5 (cinque) unità da localizzare lungo la passeggiata pedonale con dimensioni massime di 150 mq di SUL e di ulteriori 150 mq di spazi aperti ombreggiati da pensiline, pergolati ed elementi similari e raggiungere un’altezza massima di 3,5 m nella parte coperta. Le attrezzature, avranno carattere stagionale e dovranno pertanto essere progettate con criteri di modularità, e comunque essere agevolmente montabili, smontabili e trasportabili su mezzi di trasporto di ragionevoli dimensioni, predisposti per essere adeguatamente stoccati in deposito. Il progetto dovrà prevedere anche l’individuazione del luogo di installazione Ulteriori caratteristiche:
– Per ciascun modulo gli impianti di servizio dovranno essere realizzati in maniera da essere facilmente collegati ai punti di erogazione
– La base fondale su cui assicurare ciascuna unità dovrà avere invece carattere permanente, ma non dovrà risultare visibile quando le unità saranno periodicamente smontate.
– Relativamente al disegno architettonico, dovrà essere assicurato il carattere unitario dell’intervento e garantita una qualità e un elevato grado di definizione formale in grado di dialogare/valorizzare le emergenze architettoniche e paesaggistiche con un lessico schiettamente contemporaneo, che escluda ogni forma di mimetismo.
– Ancora sul piano architettonico i concorrenti dovranno tenere in debito conto la visione dei manufatti progettati nella percezione visiva del territorio dal mare.

PREMI
1° CLASSIFICATO
8.000 €
2° CLASSIFICATO
1.500 €
3° CLASSIFICATO
1.500 €

PER CONSULTARE E SCARICARE IL BANDO COMPLETO E I RELATIVI ALLEGATI CLICCA QUI