Osservatorio innovazione (OGIT): prima riunione all'Ordine. Organizzazione, creati due sottogruppi di lavoro

prima_riunione_ogit_aprile_2019.jpg

Entra in fase operativa l’OGIT, Osservatorio sulla Geografia della Innovazione Territoriale, la nuova struttura istituita per misurare e monitorare gli effetti sul territorio delle strutture innovative che si sono insediate nell'ambito partenopeo, la cui proposta di istituzione è stata formalizzata dalla Commissione innovazione tecnologica – coordinata da Stefano de Falco – ed approvata dal Consiglio dell’Ordine degli Ingegneri di Napoli.

La prima riunione si è tenuta nel pomeriggio di lunedì 1° aprile 2019, nella sede dell’Ordine in piazza De Martiri.
A presiederla Edoardo Cosenza, nella sua duplice funzione di Presidente dell’Ordine e di Presidente dell’OGIT stesso.
La riunione è stata moderata dal coordinatore del gruppo di lavoro, Bruno Esposito, che ha illustrato una pianificazione delle attività dell’Osservatorio.

Si è deciso di ripartire le funzioni operative in due sottogruppi, uno che si occuperà della mappatura delle istituzioni che sono attive sul territorio in ambito innovazione, ed un altro che si occuperà delle start up e degli spin off accademici.

Numerosi i rappresentanti del board di indirizzo presenti, gli ingegneri Gennaro Annunziata (Consigliere dell’Ordine), Stefano de Falco, Antimo Angelino, Giovanni Esposito (Consigliere Tesoriere dell’Ordine), Flavio Farroni e Claudio Laterza, e numerosi anche i componenti dei gruppi di lavoro, tra cui gli ingegneri Luisa Migliore, Luigi Moio, Oscar Tamburis e Valerio Teta.
Il prossimo appuntamento previsto nelle attività di presentazione dell’Osservatorio, è in agenda giovedì 4 aprile 2019, dalle ore 14,30, nell’ambito della rassegna Innovation Village che si terrà nel Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa.