X Edizione Settimana della Sicurezza. Ordine Ingegneri in prima linea.

07/06/2019 2232

d1.JPG

L’Ordine degli Ingegneri di Messina parteciperà alla “X edizione settimana della Sicurezza - Messina Risk Sis.Ma. 2019” organizzata dalla Protezione Civile del Comune di Messina che si terrà dal 13 al 19 Maggio.

La squadra dell’Ordine degli Ingegneri di Messina sarà Coordinata dal Responsabile della Commissione Protezione Civile Ing. Barbara Milio e dall’Ing. Francesco Magazzù.

L’esercitazione di Protezione Civile “Messina Risk Sis.Ma. 2019”, giunta alla X edizione prevede gli interventi di emergenza a seguito di un terremoto e successiva onda di maremoto.

L’iniziativa si inquadra perfettamente nella campagna delle Nazioni Unite UNISDR “Making Cities Resilient” e nei relativi 10 punti essenziali del Protocollo di Sendai.

Le priorità d’azione del processo complessivo di pianificazione del rischio di disastri devono contribuire ad un continuo accrescimento della consapevolezza dei rischi territoriali e della resilienza territoriale.

Nello specifico l’esercitazione prevede un terremoto simulato nell’area sismica dello Stretto di Messina classificata come una emergenza di tipo C (D.Lgs. N. 1 del 2 gennaio 2018 “Codice della Protezione Civile”) che, per intensità ed estensione, deve essere fronteggiata con mezzi e poteri straordinari.

Nel tempo più breve possibile, dopo il sisma, l’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) comunica al DPC (Dipartimento della Protezione Civile Nazionale) i parametri dell’evento (comunicazione virtuale per l’esercitazione) in termini di localizzazione, magnitudo e profondità dell’ipocentro.

Nelle prime ore dell’emergenza la risposta è organizzata dalle Autorità locali di Protezione Civile (Sindaco) e dal Prefetto con il concorso della Città Metropolitana di Messina e della Regione Siciliana - Dipartimento Regionale di Protezione Civile con l’utilizzo delle strutture operative presenti sul territorio.

A livello nazionale, presso il DPC, si riunisce il Comitato Operativo (attivazione virtuale per l’esercitazione) che assicura la direzione unitaria ed il coordinamento delle attività di emergenza, tramite l’attivazione della Sala Situazioni Italia.

Il Comitato, sulla base delle caratteristiche dell’evento, delle esigenze, delle risorse disponibili a livello nazionale e di quelle già impiegate, definisce la strategia di intervento.

Lo scopo dell’esercitazione è quello di determinare e di verificare, attraverso l’omogeneizzazione di procedure e linguaggi, l’impiego coordinato delle singole componenti e strutture operative.

Nelle attivazioni previste dall’esercitazione si terrà conto della vulnerabilità degli edifici, delle infrastrutture e delle reti di erogazione dei servizi essenziali.

L’esercitazione, nella sua componente statale, potrà verificare l’efficacia del sistema di risposta delle Componenti e delle Strutture operative di Protezione Civile.

In particolare si perseguiranno i seguenti obiettivi:

-          Definizione dei linguaggi e procedure comuni che definiscano le modalità di risposta, mediante attivazione coordinata dei modelli di intervento dei vari Enti/strutture partecipanti;

-          Attivazione del Centro Operativo Comunale, per la gestione dell’emergenza C.O.C. Messina, organizzato con 10 “Funzioni di Supporto” secondo il metodo “Augustus”;

-          Attivazione del Centro di Coordinamento Soccorsi (C.C.S.) in Prefettura per la gestione di una maxiemergenza;

-          Verifica del sistema delle comunicazioni alternative d’emergenza;

-          Attivazione, a cura del Dipartimento Regionale Protezione Civile (DRPC), del Sistema GECOS per il controllo e gestione delle risorse in campo in emergenza;

-          Attivazione del referente Sanitario regionale per le Maxiemergenze e del Modulo Sanitario;

-          Verifica delle risposte operative del sistema sanitario sia pubblico che privato;

-          Verifica dei collegamenti radio alternativi tra le strutture sanitarie del Policlinico, degli Ospedali Piemonte-IRCSS, Papardo, Dipartimento Militare di Medicina Legale e del 118;

-          Verifica delle risposte operative del volontariato;

-          Verifica delle risposte operative di tecnici specializzati per la valutazione dei danni;

-          Verifica delle aree di emergenza (attesa, ricovero, ammassamento soccorritori e risorse) che verranno selezionate per verificarne la funzionalità.

UN PLAUSO SIA PER L’INIZIATIVA CHE PER LA COSTANTE PRESENZA NEL TERRITORIO VA AL COLLEGA ING. ANTONIO RIZZO CHE DA ANNI SI OCCUPA COME ESPERTO DELLE TEMATICHE DELLA PROTEZIONE CIVILE CITTADINA, UNITAMENTE ALL’ASSESSORE MASSIMILIANO MINUTOLI SEMPRE VICINO ALLE PROBLEMATICHE RIGUARDANTI LA SICUREZZA DELLA CITTA’ DI MESSINA.

In allegato il programma completo delle giornate di esercitazione.