Una vittoria per l'intera categoria. La "Casa dell'Ingegnere" è pronta. Inaugurazione il 15 dicembre.

nuova-sede.jpg

Ci siamo … la "CASA DELL’INGEGNERE" sarà inaugurata alle ore 18:00 del 15/12/19.

Finalmente l’Ordine di Messina avrà una sede degna del suo nome.

Per decenni, prima in via XXVII Luglio e poi nell’attuale di via N. Fabrizi, i tantissimi ingegneri venivano accolti in luoghi non consoni ad una categoria professionale di primario livello.

Gli “anziani” ricordano e raccontano che spesse volte si era cercata e anche trovata una soluzione, sempre vanificata da un nascente problema che di fatto non aveva reso mai efficace un grande progetto.

Lo stesso dopo anni, si concretizzerà domenica 15 dicembre.

Situato nel pieno centro cittadino, con accesso dal viale San Martino al n.62 (scala B) rappresenta uno degli isolati più importanti di Messina.

Le 10 finestre che si affacciano dal secondo piano sul viale, illuminano la presidenza e il salotto degli ingegneri.

Un successo “ingegneristico”, non solo organizzativo, ma anche commerciale che va diviso tra l’intero Consiglio dell’Ordine e i tanti colleghi che stanno collaborando alla riuscita dell’iniziativa.

La precedente sede di via N.Fabrizi (nascosta, “brutta”, poco illuminata e datata) di circa 160mq costava di affitto mensile circa € 1.400,00.

Quella di viale S.Martino (centrale, “bella”, illuminatissima e nuova) di circa 240mq (dopo tante trattative) costa € 1.500,00 mensili.

Le spese sostenute (complete di ristrutturazione, arredamento e accessori) per la realizzazione totale ammontano a circa € 180.000,00.

Di esse, € 90.000,00 recuperate grazie all’avanzo di bilancio operato nel 2018 a seguito di una politica ordinistica basata su una rigida spending review.

Si rammenta, che sono state tagliate tutte le spese con notevoli sacrifici per Presidente e Consiglieri che hanno rinunziato a qualsiasi rimborso, sostenendole personalmente.

Si sono annullate tutte le trasferte per incontri e partecipazioni con altri Ordini con pranzi e cene di rappresentanza.

Il Centro Studi si è fatto carico di tutte le spese per la gestione della formazione professionale utilizzando le risorse economiche degli affiliati "sponsor".

Altre € 40.000,00 sono stati recuperati da un accordo tra Collereale e Ordine in relazione alle opere da eseguirsi.

Le stesse verranno “detratte” dai canoni di affitto.

Un onere per l’Ordine di circa € 50.000,00 a fronte di “un’operazione commerciale", che in pochissimo tempo ha visto concretizzarsi a costi irrisori un progetto tanto ambito e mai portato a termine.

Ancor più bello il coinvolgimento dei tanti iscritti.

I Consiglieri Vadalà Bertini, Gambadoro e il Segretario Crinò, hanno curato in maniera egregia la direzione lavori a titolo volontario, rinunziando a qualsiasi emolumento o rimborso spese in considerazione di una prestazione professionale in favore dell’intera categoria degli Ingegneri.

Tanti colleghi tutt'ora si stanno “prodigando” a rendere confortevole a accogliente la CASA DELL’INGEGNERE.

Si è costituito il gruppo “mogli degli Ingegneri” che sta allestendo l’immobile con addobbi natalizi secondo il principio ormai consolidato di una “spesa limitata” con un “contenuto e essenziale” rinfresco in occasione dell’inaugurazione.

Lodevole l’iniziativa dell’Ing. Giovanna Baratta che ha voluto omaggiare la nuova sede con un dipinto realizzato dal compianto padre e amico di tutti gli Ingegneri … Achille Baratta.

Analogamente il Segretario Domenico Crinò e l’Ing. Carlo Simone noti “Ingegneri Artisti” doneranno dei loro quadri.

Tantissimi altri colleghi stanno aiutando e contribuendo al “trasloco” delle attrezzature.

Tutto con dignità e amore verso il proprio Ordine.

Grazie a tutti

CI VEDIAMO IL 15/12/19 ALLE ORE 18:00 PER IL TAGLIO DEL NASTRO