L’Ordinanza del Sindaco riguardante i cantieri edili e i permessi edilizi in corso

Il Sindaco Cateno De Luca, con Ordinanza n.69 del 19-03-2020 (Ordinanza contingibile e urgente ex art. 50 D. Lgs. 267/2000. Misure urgenti per l’attuazione dei D.P.C.M. 8/3/2020, D.P.C.M. 9/3/2020 e D.P.C.M. 11/3/2020 ex art. 50 D. Lgs. 267/2000. Disciplina delle attività edilizie), ha disposto delle importanti misure riguardanti i cantieri edili Messinesi e i permessi edilizi in corso.

dsc_0336.JPG

In sintesi: “… ORDINA

Per tutta la durata di efficacia del DPCM 11 marzo 2020, e dunque fino al 25 marzo 2020, salvo eventuali proroghe e/o revoche che venissero disposte con provvedimenti statali,

1)      La sospensione, di tutti termini di decorrenza di validità dei provvedimenti autorizzatori e/o licenze e/o permessi rilasciati dal Comune di Messina (Permessi di costruire e tutti i titoli abilitativi, occupazione suolo, ecc.) con esclusione degli interventi destinatari di messa in sicurezza a tutela della pubblica e privata incolumità; le imprese ed il personale tecnico impiegati nell’esecuzione di tali interventi sono autorizzati a prestare l’opera prevista fino alla loro messa in sicurezza.

2)      Le imprese impegnate in esecuzioni di lavori, che faranno esplicita richiesta di sospensione, devono essere autorizzate dalla Direzione Lavori a sospendere le attività. Per tutta la durata della sospensione tutti i termini restano interrotti.

3)      I cantieri che rimarranno attivi, dovranno limitare le ore lavorative effettuando orario continuativo dalle ore 7.00 alle 14.00;”

Inoltre

“… Che le violazioni della presente ordinanza, fatte salve le sanzioni, anche penali, previste dalla normativa statale e/o regionale, saranno punite con l’applicazione della Sanzione Amministrativa Pecuniaria compresa tra il minimo edittale di € 25,00 ed il massimo di € 500,00 stabilendo il pagamento in misura ridotta di € 450,00 ai sensi dell’art. 7 bis del D. Lgs. 267/2000, oltre la sospensione dell’attività per il periodo di durata della presente ordinanza nel rispetto della vigente normativa di settore.”