I Giovani Ingegneri Messinesi al servizio del Territorio

L’Ordine degli Ingegneri di Messina nella seduta di Consiglio del 11/01/21 all’unanimità ha deliberato la proposta di un protocollo d’intesa con i Comuni della Provincia di Messina (che ne faranno richiesta) finalizzata alla formazione professionale di giovani ingegneri per tirocini gratuiti.

logo_ordine_201.JPG

La finalità è quella di offrire ai giovani Ingegneri la possibilità di acquisire esperienza e competenza utile per affacciarsi al mondo del lavoro e al contempo di dare alle amministrazioni (o Enti) l’opportunità di avvalersi di persone qualificate.

Ciò si concretizzerà per i neo ingegneri con l'espletamento di periodi di praticantato presso gli Uffici Tecnici e sarà finalizzato esclusivamente alla formazione dei giovani laureati.

Lo stesso, non costituirà rapporto di lavoro né titolo alcuno in favore dei partecipanti nei confronti dei Comune o Enti ospitanti.

L’attività avrà natura formativa e di crescita professionale dovendo perseguire soltanto obiettivi di acquisizione di conoscenza del mondo del lavoro e della Pubblica Amministrazione da parte del giovane Ingegnere, nonché di supporto all’espletamento delle attività tecniche e amministrative proprie del Soggetto Ospitante.

Pertanto la fase pratica della formazione non comporterà l’assunzione di alcuna responsabilità da parte del neo Ingegnere in merito alle attività svolte.

L'Ordine di Messina una volta individuati, designerà i nominativi degli Ingegneri partecipanti all'attività di praticantato, mediante l'invio di un elenco completo delle generalità e di tutti i dati identificativi, delle indicazioni del periodo di riferimento e delle attività da svolgere, concordate precedentemente con i Settori interessati, tramite i Dirigenti degli stessi Comuni che sottoscriveranno il protocollo d’intesa.

Per gli Ingegneri designati saranno previsti, al termine del periodo formativo, 5 c.f.p. ai sensi delle Linee di indirizzo per l'aggiornamento della competenza professionale testo unico 2018.

Gli Ingegneri praticanti collaboreranno con il personale dipendente nell'espletamento delle attività istituzionalmente attribuite dall’organigramma del Comune richiedente, sotto la guida dei rispettivi responsabili e del Dirigente del Settore di assegnazione.

Le attività da svolgere saranno discrezionalmente decise ed indicate dai responsabili e dal Dirigente del Settore, tenuto conto delle esigenze dell'Ufficio, oltreché dal carattere formativo delle attività stesse.

L'attività di praticantato si svolgerà in un periodo di sei mesi consecutivi (prorogabili di ulteriori 6 mesi), dalla data di inizio del praticantato medesimo per un totale di 20 (venti) ore settimanali.

Il Servizio/Ufficio di assegnazione sarà stabilito, per ciascun praticante, dal Dirigente del Settore tecnico competente, in funzione delle esigenze di servizio e dell'attitudine di ciascun praticante.

Il Dirigente potrà far ruotare periodicamente i praticanti tra i Servizi per il perfezionamento dell'attività in argomento.

I praticanti, prima di iniziare le attività di praticantato, dovranno munirsi di copertura assicurativa inerente qualsiasi responsabilità civile, penale, amministrativa o connessa ad eventuali infortuni nell'ambiente di lavoro e in eventuali accertamenti esterni, che possa conseguire dallo svolgimento delle attività previste nel Protocollo di Intesa, sollevando il Comune e l'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Messina da qualsiasi responsabilità sopra indicata.

L'onere per questo adempimento sarà a totale carico del Comune cui andranno a svolgere l’attività.

Iniziativa peraltro già adottata da altri Ordini.

L’obiettivo pertanto è quello di formare i giovani ingegneri e al contempo offrire alle Amministrazioni un valido aiuto tecnico per rendere efficiente la macchina burocratica dell’edilizia e soprattutto per farla ripartire dopo l’emergenza COVID.