FRCM - Fabric-Reinforced Cementitious Matrix | Rinforzi Strutturali | LATERLITE RUREGOLD
Data Pubblicazione:

Rinforzi strutturali: i sistemi FRCM Ruregold per la Thurgood Marshall Federal Courthouse di New York

Un’applicazione inusuale e di notevole complessità eseguita a New York trova nei sistemi di rinforzo Ruregold una risposta funzionale, efficace e in grado di coniugare obiettivi tecnico-prestazionali, facilità di posa in opera e durabilità.

Il sistema FRCM consente un incremento della capacità resistente degli elementi strutturali

Oltre che al degrado dei loro elementi strutturali principali, gli edifici sono nel tempo soggetti a fenomeni di deterioramento che possono interessare anche le loro dotazioni impiantistiche, e in particolare gli involucri murari in cui queste sono contenute. Tra i più evidenti fra questi è il caso dei vani ascensore, le cui caratteristiche costruttive possono variare fortemente sia per materiali che per tecniche esecutive utilizzate in funzione dell’età dell’edificio, e la cui manutenzione richiede perciò un approccio specifico, diverso da quello utilizzato per il ripristino delle superfici murarie ordinarie, come diversi sono i fenomeni di degrado che li interessano.

È questa la situazione affrontata nell’ambito dei lavori di riqualificazione della Thurgood Marshall Federal Courthouse di New York, un edificio storico situato nel centro di Manhattan nel cui contesto hanno trovato applicazione le soluzioni per il rinforzo strutturale Ruregold a base di materiali compositi FRCM.

Completata nel 1936, la Thurgood Marshall Federal Courthouse è una torre di 33 piani che, all’epoca della sua costruzione, era l’edificio pubblico più alto degli Stati Uniti. Nel 2021 l’immobile è stato oggetto di un esteso piano di riqualificazione che ne ha interessato non solo i prospetti di facciata in granito e la scenografica copertura piramidale dorata ma anche tutte le dotazioni antincendio e di sicurezza, aggiornate ai più recenti standard, gli ingressi, i corpi scala e i vani ascensore. Questi ultimi presentavano infatti fenomeni di degrado dovuti a infiltrazioni d’acqua e indotti dalle vibrazioni di esercizio.

Le particolari condizioni operative dettate dal contesto, parallelamente alla necessità di limitare al minimo i tempi di fermo degli impianti e garantire tempi di esecuzione certi e contenuti, hanno indotto la direzione lavori a scegliere la soluzione di rinforzo delle murature dei vani ascensore basata sui sistemi Ruregold con materiali compositi FRCM.

In questo specifico caso la scelta è caduta sul sistema composto dalla rete bidirezionale in carbonio C-Mesh 84/84 (da 84+84 g/m2) in combinazione con la matrice inorganica MX-C 25 Muratura, integrato dal connettore in fibra di carbonio C-JOINT.

C-JOINT è un sistema di connessione per il collegamento delle strutture esistenti in muratura e calcestruzzo armato. Il connettore a fiocco viene realizzato in opera mediante l’impiego di un fascio di filati/trefoli paralleli e continui, raccolti all’interno di una rete elastica tubolare realizzata con fili di poliestere, poliammide e lattice, estensibile sia longitudinalmente
che trasversalmente e rimovibile. Questo fascio diventa rigido solo a seguito dell’impregnazione con l’apposita matrice inorganica MX-JOINT, e inserito all’interno del foro opportunamente realizzato nell’elemento strutturale.

SCOPRI DI PIU' SULLE SOLUZIONI RUREGOLD

Idoneo per applicazioni su muratura tipo fasciature o rinforzi a taglio e flessione grazie all’elevata grammatura della rete in carbonio e alla matrice inorganica ad alte prestazioni, il sistema consente di ottenere un incremento della capacità resistente di elementi strutturali per azioni nel piano e fuori piano e un incremento della duttilità di edifici in muratura, garantendo un’elevata affidabilità grazie al comportamento post-fessurativo
in condizioni di distacco.

Resistente anche alle elevate temperature e ai cicli di gelo e disgelo e applicabile anche su supporti umidi e senza l’uso di protezioni speciali, questa soluzione offre inoltre una spiccata semplicità e affidabilità di messa in opera della matrice inorganica, che si posa come una malta cementizia tradizionale premiscelata in sacco.

Leggi anche