INAIL: approvate le “Linee di Indirizzo per sistemi di gestione SGSL nelle imprese a rete AR"

09/10/2015 7551

 
Con determinazione del Presidente dell’INAIL n. 357 del 29 settembre scorso, è stata approvata l’edizione 2015 delle “Linee d’Indirizzo per l’implementazione dei sistemi di gestione per la salute e sicurezza nelle imprese a rete SGSL – AR” (SGSL).

Il 1° settembre 2008 CONSEL – Consorzio ELIS ed INAIL siglarono un accordo finalizzato ad elaborare un Modello di Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro per le imprese a rete, conforme alle Linee Guida SGSL Uni-Inail del 2001 ed alla BS OSHAS 18001:2007.
Uno dei principali frutti di tale accordo è stata la pubblicazione delle “Linee di Indirizzo SGSL-AR” redatte nell’ambito di uno specifico tavolo di lavoro partecipato dalle aziende consorziate che hanno fornito un contributo diretto di competenze e di esperienze, mettendo a fattor comune, confrontandosi reciprocamente sulle esperienze maturate nelle loro attività, i punti di forza dei singoli sistemi aziendali.
La stesura delle predette Linee d’indirizzo SGSL-AR, ha consentito all’Istituto di instaurare un rapporto diretto con le aziende a rete del Consorzio Elis, e di produrre un modello di supporto alle imprese per lo sviluppo dei propri SGSL.
Sulla base degli ottimi risultati raggiunti, e in prosecuzione delle finalità perseguite nel primo accordo, INAIL e Consel hanno stipulato un secondo accordo il 29 aprile 2013 per il triennio 2013-2016.
Obiettivo della nuova collaborazione è il proseguimento della diffusione della cultura della salute e sicurezza sul lavoro mediante il coinvolgimento delle aziende consorziate e dei loro indotti, le quali sono state chiamate a collaborare per identificare le migliori pratiche gestionali per contrastare il tasso di incidenti ed infortuni in Italia, che seppur decrescente, resta comunque incisivo.
Nell’ambito del nuovo accordo, INAIL e Consel, mediante il coinvolgimento delle aziende consorziate, hanno inteso aggiornare le Linee di Indirizzo SGSL-AR in termini di riferimenti normativi, inserendo come allegati ulteriori esempi di rischi e buone pratiche attraverso il confronto con le aziende consorziate che hanno partecipato agli specifici tavoli di lavoro.

Le “Linee di indirizzo SGSL AR” non sono indirizzate ad un comparto produttivo specifico, poiché le aziende aderenti a CONSEL appartengono ad ambiti dell’industria e dei servizi piuttosto diversificati.
Pertanto, la peculiarità delle linee d’indirizzo Consel è di supportare l’organizzazione lavorativa delle imprese consorziate e non, che utilizzano le reti per erogare servizi infrastrutturali strategici particolarmente rilevanti per la collettività, quali trasporti, elettricità, telecomunicazioni, gas.
L’elemento comune è dato dalle caratteristiche organizzative di aziende che hanno una struttura articolata sul territorio suddivisa in unità di governo centrale ed unità produttive di tipo operativo.
Questo elemento di trasversalità si mantiene in questa nuova versione che tratta, negli “Allegati”, rischi diversi, che hanno in comune la rilevanza per la molteplicità delle imprese, prescindendo dal settore di provenienza di queste ultime.

Le presenti Linee di Indirizzo sono conformi alle Linee guida UNI-INAIL del 2001, nonché alla BS OHSAS 18001:2007 - che costituisce il più diffuso standard certificabile da Ente terzo - e contengono indicazioni in merito alla costituzione di un modello di organizzazione gestionale secondo le previsioni dell’art. 30 del D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. che prevede al c. 1 che “il modello di organizzazione e di gestione idoneo ad avere efficacia esimente della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica di cui al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, deve essere adottato ed efficacemente attuato, assicurando un sistema aziendale per l’adempimento di tutti gli obblighi giuridici”.
Inoltre, il c. 3 dell’art. 30 del D. Lgs. 81/08 e s.m.i. stabilisce che “Il modello organizzativo deve in ogni caso prevedere, per quanto richiesto dalla natura e dimensioni dell’organizzazione e dal tipo di attività svolta, …………….., un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello”.
Altresì, il c. 5 dell’art. 30 del D. Lgs. 81/08 e s.m.i., prevede che “ …….. i modelli di organizzazione aziendale della salute e sicurezza definiti conformemente alle Linee Guida UNI-INAIL per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) del 28 settembre 2001 si presumono conformi ai requisiti di cui al presente articolo per le parti corrispondenti”.
Con riferimento al richiamato art. 30 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i., il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha rilasciato in data 11/7/2011, prot. n. 15/VI/0015816/MA001.A001, il documento approvato in data 20 aprile 2011 dalla Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro con il quale vengono forniti, tra l’altro, chiarimenti in merito all’adozione del sistema disciplinare (c. 3 art. 30 D.Lgs 81/08) per le aziende che hanno adottato un modello organizzativo e di gestione definito conformemente alle Linee Guida Uni-Inail 2001 o alle BS OHSAS 180001:2007 con Tabella di correlazione art 30 D.Lgs 81/08- Linee guida UNI INAIL- BS OHSAS 18001:2007 per l’identificazione delle “parti corrispondenti” di cui al c. 5 dell’art. 30 del D.Lgs. 81/08.
L’applicazione delle presenti Linee di Indirizzo può quindi indicare la corretta strada per la costruzione di un modello organizzativo e gestionale in linea con l’art. 30 suddetto.
Per le aziende che vorranno seguire il modello gestionale proposto è auspicabile, in attuazione del principio di coinvolgimento e partecipazione che permea gli standard di gestione della salute e sicurezza sul lavoro suddetti, condividerne l’adesione con le specifiche rappresentanze aziendali dei lavoratori.
Le imprese che implementeranno il loro SGSL conformemente a questo documento, potranno inoltre accedere alle agevolazioni connesse con la riduzione del premio assicurativo INAIL, ai sensi del D.M. 12/12/2000 e delle norme regolamentari connesse.
Il risultato raggiunto conferma l’impegno di CONSEL e delle aziende coinvolte nella ricerca e dello sviluppo di un approccio etico alla attività di impresa, rappresentando altresì una concreta attuazione delle direttive emanate dagli Organi dell’INAIL per lo sviluppo di modalità di diffusione di modelli utili ad accrescere la cultura della salute e sicurezza sul lavoro ed agevolare e sostenere il mondo produttivo.

Scarica qui gli Allegati
All. 1 Det. Pres. 357/2015 - Gestione della catena di fonitura
All. 2 Det. Pres. 357/2015 - Gestione del rischio di infortuni legati alla circolazione stradale
All. 3 Det. Pres. 357/2015 - Gestione del rischio di infortuni legati agli ambienti confinati