Startup innovative: dal 20 luglio 2016 è possibile registrarsi on line senza atto notarile

E' attiva dal 20 luglio 2016 la nuova piattaforma del Registro Imprese per costituire online startup innovative, gratis e senza dover ricorrere ad un atto notarile. 

Le startup innovative sono codificate dalla legge n.221/2012 di conversione del Dl 179/2012, noto come "Decreto Crescita 2.0"; le startup innovative sono citate nella sezione IX.

Per definizione, le startup innovative sono società di capitali, costituite anche in forma cooperativa, residenti in Italia o in altro Paese UE purchè abbiano una sede produttiva o una filiale in Italia, che rispondono a determinati requisiti (sotto riportati) e hanno come oggetto sociale esclusivo o prevalente lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico

I requisiti per la costituzione di una start up innovativa sono i seguenti:

- è costituita da non più di 60 mesi dalla data di presentazione della domanda e svolge attività d'impresa;

- ha la sede principale dei propri affari e dei propri interessi in Italia;

- a partire dal secondo anno di attività della startup innovativa, il totale della produzione annua non è superiore a 5 milioni di euro;

- non distribuisce e non ha distribuito utili;

- ha come oggetto sociale (prevalente o unico) lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico;

- non è stata costituita da una fusione o da una scissione societaria, oppure ad una cessione di un ramo di azienda;

- almeno uno tra i seguenti tre requisiti:

a) spese in ricerca e sviluppo uguali o superiori al 15% del maggiore valore tra costo e valore totale della produzione della startup innovativa;

b) personale costituito per almeno 1/3 da dottori di ricerca o dottorandi di ricerca presso università straniere, oppure da chi è in possesso di laurea e ha svolto almeno tre anni di attività di ricerca certificata presso istituti di ricerca pubblici o privati, oppure da almeno 2/3 del personale in possesso di laurea magistrale ai sensi dell'art. 3 del decreto 22 ottobre 2004, n. 270.

c) è titolare o depositaria o licenziataria di almeno una privativa industriale relativa a un'invenzione industriale, biotecnologica, a una topografia di prodotto a semiconduttori o a una nuova varietà vegetale, o sia titolare di diritti relativi a un programma per elaboratore originario registrato presso il Registro pubblico speciale per i programmi per elaboratore, purchè tali privative diano afferenti all'oggetto sociale ed all'attività di impresa. 

Sul sito http://startup.registroimprese.it/ si trovano le istruzioni per la creazione della startup.

Per aiutare chi vuole costituire la sua startup, è stata redatta una guida, scaricabile qui


Segui il blog dell'autrice o la pagina Facebook