Esempio di progettazione BIM attraverso gli strumenti Logical Soft

Il decreto BIM: verso la piena progettazione integrata

Lo scorso 12 gennaio 2018 è stato pubblicato sul sito del M.I.T. il cosiddetto Decreto BIM (DM n.560/2017), che indica alle stazioni appaltanti, alle amministrazioni concedenti e agli operatori economici come introdurre progressivamente i metodi e gli strumenti elettronici specifici del BIM; nell'edilizia sono le fasi di progettazione, costruzione e gestione delle opere, con relative verifiche, a esserne coinvolte. 
La progettazione integrata entra quindi ufficialmente a far parte del "sapere" dei professionisti dell'edilizia con uno scopo ambizioso: partendo da un modello informativo virtuale fa collaborare tutte le figure professionali coinvolte: progettisti architettonici e strutturali, impiantisti, costruttori, collaudatori, … Si tratta del "Building Information Modeling" (Modello di Informazioni di un Edificio), definito dal National Institutes of Building Sciences come la "rappresentazione digitale di caratteristiche fisiche e funzionali di un oggetto". 
L'entrata in vigore del Decreto BIM è prevista il 27 gennaio 2018. A partire da questa data le stazioni appaltanti, anche su base volontaria, potranno utilizzare metodi e strumenti elettronici specifici per le nuove opere e per interventi di recupero, riqualificazione o variante. 

Su questo argomento Logical Soft ha realizzato un focus dove si sono approfonditi i contenuti tecnici e gli aspetti più operativi del Decreto BIM attraverso un esempio pratico di progettazione integrata di un edificio di nuova costruzione dove si usa TERMOLOG EpiX 8 per la verifica delle prestazioni energetiche e TRAVILOG TITANIUM 5 per il dimensionamento strutturale. 

Grazie alla tecnologia OPEN BIM TERMOLOG e TRAVILOG sono collegati direttamente e i progetti energetici e strutturali sono tra loro integrati. 
Chi già utilizza un software CAD BIM può importare in TERMOLOG e in TRAVILOG il progetto in formato IFC, generare il modello di calcolo per valutare la classe di rischio sismico o la prestazione energetica di un edificio. TERMOLOG interpreta tutti gli elementi del disegno come stratigrafie, ombreggiature e ambienti riconoscendo materiali e geometrie complesse. TRAVILOG gestisce tutti gli elementi strutturali del disegno, riconoscendo le geometrie definite e associando le proprietà meccaniche ai materiali. 

Esempio di progettazione BIM attraverso TERMOLOG e TRAVILOG

TERMOLOG e TRAVILOG sono software di calcolo OPEN BIM: grazie a modelli tridimensionali in formato IFC si interfacciano tra loro garantendo efficienza e rapidità nelle fasi di progetto energetico e verifiche strutturali. Una volta costruito l'edificio mediante un software CAD BIM è possibile importare in TERMOLOG e in TRAVILOG il file in formato IFC e generare il modello di calcolo per valutare rispettivamente la prestazione energetica dell'edificio e la capacità strutturale. 
Nel filmato trattiamo l'esempio di progettazione di un edificio che si sviluppa su 2 piani fuori terra ed è dotato di copertura in legno e sottotetto abitabile. 
L'involucro esterno è costituito da pareti in muratura con isolamento a cappotto esterno e serramenti in legno con doppio vetro. La produzione di energia per il riscaldamento e l'acqua calda sanitaria è affidata a due pompe di calore aria – acqua distinte e gli ambienti sono riscaldati mediante pannelli radianti a pavimento. L'edificio è dotato infine di pannelli solari fotovoltaici per coprirne il fabbisogno elettrico.

Tutte le informazioni relative alla struttura sono raccolte ed organizzate direttamente nel file IFC per poter essere interscambiato. In questo caso il modello BIM è già fornito delle stratigrafie e dei materiali specifici di ogni componente dell'involucro: 

esempio-bim-logical-soft.JPG

Definizione del modello BIM

Il modello IFC viene importato in TERMOLOG in un nuovo PROGETTO, nel quale l'involucro disperdente risulta completamente costruito e comprensivo di stratigrafie e materiali. 

Viceversa se la progettazione delle strutture disperdenti non fosse inclusa nel file IFC importato, sarebbe possibile completare il modello in TERMOLOG con i materiali e le stratigrafie reali. Il progettista avrebbe quindi la possibilità di esportare nuovamente il file in formato IFC, arricchito delle nuove informazioni. 

esempio-bim-logical-soft-1.JPG

Importazione del file IFC in TERMOLOG

esempio-bim-logical-soft-2.JPG

Riconoscimento delle strutture disperdenti e dei materiali

La modellazione dell'intero impianto avviene molto rapidamente grazie ad un pratico WIZARD che implementa automaticamente tutti i sottosistemi del sistema impiantistico. 
L'ampio archivio di generatori permette di scegliere tra numerose caldaie, pompe di calore, generatori a biomassa ed altre tipologie
La progettazione energetica è completa una volta soddisfatte tutte le verifiche di legge e stampato l'elaborato tecnico.

esempio-bim-logical-soft-3.JPG

Esito delle verifiche di legge

Lo stesso modello IFC può essere importato in TRAVILOG TITANIUM 5
TRAVILOG è in grado di riconoscere gli elementi strutturali che costituiscono la costruzione e di associare automaticamente le proprietà meccaniche ai materiali.

esempio-bim-logical-soft-4.JPG

Importazione del file IFC in TRAVILOG e associazione dei materiali

In pochi minuti si ottengono le sollecitazioni sugli elementi strutturali e le verifiche richieste dalle Norme Tecniche per le Costruzioni 2008.

esempio-bim-logical-soft-5.JPG

Diagrammi delle sollecitazioni e risultati dell'analisi modale

Anche TRAVILOG permette a sua volta di esportare il modello BIM per essere condiviso nuovamente tra i soggetti interessati al progetto. 

Scopri di più su TERMOLOG e TRAVILOG OPENBIM >>>