Envision V 3: Online la nuova piattaforma italiana del protocollo dedicato alle infrastrutture sostenibili

envision-icmq-statec

Da gennaio un nuovo portale per ENVISION

È online, dallo scorso 16 gennaio, il nuovo portale dedicato al Protocollo Envision, il sistema di rating internazionale che valuta la sostenibilità delle infrastruttureCon Envision è possibile progettare e realizzare strade, ferrovie, porti, aeroporti, elettrodotti, centrali per energia, reti di telecomunicazioni, basandosi sulla misurazione oggettiva dei vantaggi che il progetto ha nei confronti della comunità, delle capacità gestionali e manutentive e dell’opportunità di compartecipazione tra capitali pubblici e capitali privati. È un percorso di self-assessment che dalla misurazione dei parametri di sostenibilità di un progetto prosegue con la sua registrazione, valutazione e verifica ad opera di un Organismo di Terza Parte indipendente per giungere, infine, alla certificazione. 

Cosa trovare nel portale 

La nuova piattaforma web dedicata ad Envision www.envisionitalia.it è stata pensata per garantire all’utente finale una semplicità di navigazione e la massima fruibilità delle informazioni. Il sito ha una struttura responsive in grado di adattarsi ai diversi dispositivi mobili e si interfaccia attraverso due livelli di comunicazione: uno più divulgativo e uno di approfondimento.

Nelle diverse sezioni è possibile comprendere meglio cos’è Envision, come funziona, a chi è dedicato e da chi è promosso. È prevista anche una sezione dedicata interamente alla formazione degli esperti Envision, nuove figure professionali con competenze specifiche riguardanti la progettazione e la realizzazione di infrastrutture sostenibili. Sul sito è possibile verificare quali sono i corsi e gli esami aperti per chi desidera specializzarsi oppure trovare un esperto Envision (Envision SP) con cui collaborare.

A tutto questo si aggiungono anche notizie, eventi, articoli e best practice riguardanti il mondo Envision, per rimanere sempre informati e aggiornati in tempo reale.

Envision Italia offre anche la possibilità, a chi interessato, di entrare a far parte di una community che crede nel protocollo come sistema per dare credibilità alla progettazione infrastrutturale sostenibile. Possono diventare Supporter di Envision Italia sia aziende che organizzazioni che singoli professionisti.

Supportando Envision Italia si ha la possibilità di scaricare gratuitamente il Protocollo Envision e di avere sconti e agevolazioni sia sulla formazione che sulla certificazione. I Supporter saranno messi in evidenza sul sito all’interno di una sezione ad essi dedicata. 

In Italia da gennaio si parte con Envision V3 

Il lancio del nuovo sito avviene in concomitanza con l’avvio dell’implementazione da parte di ICMQ e Stantec della nuova versione (la V3) del protocollo già a partire dal mese di gennaio 2019, sia per quanto riguarda il mantenimento delle credenziali, che per la certificazione dei progetti.

Nella versione 3 alcuni cambiamenti riguardano aspetti più operativi come la riscrittura, l’eliminazione o lo spostamento di alcuni crediti in una diversa categoria, l’aumento del punteggio totale (si passa da 809 a 1000 punti) e una più dettagliata suddivisione delle performance di sostenibilità nel layout dei levels of achievement. Altre modifiche sono invece più sostanziali tra cui, in primis, l’inserimento della fase di construction all’interno del processo di certificazione.

Envision nasce dalla collaborazione tra ISI, Institute for Sustainable Infrastructure (ISI), una organizzazione non profit con sede a Washington nata appositamente per sviluppare sistemi di rating di sostenibilità per le infrastrutture civili, e lo Zofnass Program for Sustainable Infrastructure della Graduate School of Design dell’Harvard University. Promosso negli USA proprio da ISI, Envision è arrivato in Italia su iniziativa congiunta di ICMQ – Organismo di Certificazione specializzato nel settore delle costruzioni – e di Stantec, leader nella consulenza e progettazione ingegneristica e architetturale.