In diretta video alcune prove sperimentali su tavola vibrante su un sistema edificio di nuova generazione

In diretta dal LNEC (Laboratório Nacional de Engenharia Civil) di Lisbona alcune prove sperimentali su tavola vibrante su un sistema edificio di nuova generazione a basso danneggiamento sismico  in scala 1:2 completo di chiusure e partizioni interne.

La campagna di prove sperimentali fa parte del progetto Europeo H2020 Progetto SERA (Seismology and Earthquake Engineering Research Infrastructure Alliance for Europe) dal titolo: 

“(Towards) the Ultimate Earthquake proof Building System: development and testing of integrated low-damage technologies  for structural and non-structural elements”

di cui è coordinatore il Prof. Stefano Pampanin e nel quale collaborano in team con istituzioni nazionali e non: EUCENTRE/IUSS Pavia, ARUP Amsterdam e Londra, Swiss Federal Institute of Technology (ETH), University of Canterbury (New Zealand). 

L’edificio-test, ha un sistema strutturale misto legno (travi)- calcestruzzo armato (colonne) con elementi trave-colonna connessi tramite cavi di post-tensione non aderenti e dissipatori esterni (a fusibile) sostituibili in grado di dissipare l’energia indotta dal terremoto senza danneggiarsi (tecnologie PRESSS e Pres-Lam combinate).

Anche le componenti non strutturali, costituite da partizioni interne in gesso fibrorinforzato e muratura non armata con soluzioni a basso danneggiamento , nonché’ facciate in spider glazing lungo una direzione e facciate prefabbricate in calcestruzzo armato GFRC (fibro-rinforzate in vetro) nella direzione ortogonale, saranno connesse alla struttura in modo tale da formare un edificio di prova intero a basso danneggiamento (low-damage building system).

Si tratta della prima prova sperimentale a livello internazionale su questo sistema integrato a basso danneggiamento struttura-cappotto con struttura mista legno-calcestruzzo e su tavola vibrante 3-dimensionale (azioni sismiche nelle due direzioni orizzontali e verticale, sia indipendenti che combinate). 

Già in NZ era stato testato nel 2014 per la prima volta una struttura a integrata scheletro-cappotto a basso danneggiamento, ma con tavola vibrante in una sola direzione e soluzione solo in c.a. prefabbricato (PRESSS).

LINK 01 

LINK 02 

Disponibile una presentazione su questi temi sul portale di Ingenio.

Ci sarà la video in live-streaming durante la giornata di prove di oggi a questo LINK:

Il programma di prove a partire dalle 12.30 (circa) orario italiano (ed andra’ avanti per tutta la giornata) prevede una serie di test ad intensità dell’input sismico crescente (corrispondente a SLO, SLD, SLV) sulla struttura con partizioni in gesso fibro-rinforzato seguita da prove sulla sola struttura-scheletro a vari livelli di intensita’ e combinazione di direzioni.

Nelle prossime settimane (con aggiunta di facciate in GFRC e in vetro (spider glazing). L’input sismico sarà dato da 3-5 terremoti registrati alcuni dei quali far field altri near-field (inclusi Landers 1992, Imperial Valley 1992, terremoto di Darfield (NZ) 2010 e Christchurch (NZ) Feb 2011 ed input verticale di L’Aquila 2009).

Buona visione, sarà tutto in diretta sia con video che con audio, quindi tutte le inconvenienze!.