PCR - Product Category Rules: che cosa sono?

Grazie alla crescente attenzione ai problemi del cambiameto climatico, della salvaguardia dell'Ambiente e alle soluzioni connesse all'Economia Circolare si parla sempre più spesso di EPD, ovvero di Dichiarazione Ambientale di Prodotto. Per ottenere la certificazione EPD di un prodotto o servizio, quali sono le regole e i requisiti richiesti? Una breve nota per saperne di più.

sostenibilita_700.jpeg

Certificazione di prodotto EPD: cosa si intende con il termine PCR?

Le Regole di Categoria di Prodotto (PCR) sono documenti che definiscono i principi e i requisiti per la stesura delle EPD di una specifica categoria di prodotti/servizi.

Al fine di consentire al mercato un confronto omogeneo degli impatti ambientali di un medesimo prodotto/servizio, è necessario stabilire delle regole di categoria di prodotto condivise (PCR), a cui i diversi produttori devono attenersi nel condurre l’analisi del ciclo di vita (LCA) secondo la ISO 14040.

Tali regole dovranno essere redatte rispettando dei requisiti metodologici specifici e rigorosi, in quanto costituiscono la base per la verifica di parte terza dello studio LCA ai fini della Dichiarazione ambientale di Prodotto (EPD).

Avendo una valenza internazionale, le PCR devono essere realizzate mediante il coinvolgimento dei principali stakeholder, attraverso la mediazione del Program Operator, in base a un procedimento di consultazione pubblica che ne garantisca l’armonizzazione.

In sintesi:

  1. Richiesta al Program Operator Epditaly
  2. Identificazione della categoria di prodotto
  3. Coinvolgimento degli stakeholders e creazione del PCR Committee
  4. Redazione della PCR
  5. Pubblicazione ai fini della consultazione pubblica e recepimento dei risultati
  6. Riesame della PCR e relativa pubblicazione.