Problematiche legate alla modellazione della zona nodale nella progettazione dei telai composti acciaio-calcestruzzo in zona sismica - F6

Nella progettazione dei telai composti acciaio-calcestruzzo, seguendo le indicazioni normative basate su criteri di Capacity Design, riveste un ruolo molto importante la questione legata alla dissipazione energetica e alla gerarchia delle resistenze. Secondo tali indicazioni, una delle strategie più efficaci in ambito sismico è quella di sviluppare la plasticizzazione alle estremità delle travi, evitando la formazione della stessa nelle colonne (colonna forte/trave debole). Di conseguenza, diventa molto importante la corretta modellazione della zona plastica e garantire che il nodo trave-colonna sia sufficientemente rigido e resistente. Nel presente lavoro si analizzano le problematiche relative alla modellazione delle zone plastiche utilizzando un modello a plasticità concentrata basato sull’uso di cerniere rigido-plastiche o di elementi link non lineari. In entrambi i casi sono fornite indicazioni utili alla modellazione. Effettuando delle analisi di pushover mediante il codice di calcolo SAP2000, viene analizzato un telaio composto acciaio-calcestruzzo di quattro piani. La risposta viene confrontata al variare del tipo di modellazione e della lunghezza della cerniera plastica.

Per scaricare il contenuto integrale è necessario essere Socio Anidis, scopri come associarti