La certificazione energetica secondo Sistema Edificio® di ICMQ

26/04/2014 4441

La certificazione energetica, obbligatoria per legge, consente ai potenziali acquirenti di confrontare tra loro le prestazioni degli immobili, stabilite convenzionalmente.
Questa prestazione è però un elemento altrettanto rilevante per il committente dell’intervento immobiliare, costituendone un importante fattore di marketing, in particolare per il mercato delle nuove costruzioni, dove la certificazione, non può che avvenire solo al termine delle opere, in quanto si riferisce all’edificio così come costruito. In questo ambito, le varianti in corso d’opera, anche se di entità modesta, se non opportunamente sorvegliate possono far divergere la prestazione energetica finale da quella prevista in progetto, con il rischio, fatale, della “perdita di classe” obiettivo del committente.
Per offrire una soluzione a questo problema ICMQ ha sviluppato ed affinato negli anni lo schema Sistema Edificio® per la certificazione energetica cogente. E’ questa una procedura volontaria che attesta come il processo che ha condotto alla certificazione energetica dell’intervento sia stato eseguito secondo un percorso di qualità, garantendo la confrontabilità dei risultati e la tracciabilità delle informazioni impiegate nella valutazione. Tutto ciò è reso evidente all’utente finale mediante l’Attestato di qualità rilasciato da ICMQ e la relativa Targa, entrambi emessi solo qualora siano soddisfatti specifici requisiti. Avvalendosi dei servizi integrativi alla certificazione cogente, previsti dal processo Sistema Edificio®, è possibile effettuare una valutazione previsionale della certificazione energetica sulla base delle progetto esecutivo e monitorare l’esecuzione delle opere, attraverso una serie di visite ispettive in cantiere finalizzate a individuare la presenza di varianti realizzative che potenzialmente possono compromettere la certificazione della prestazione prevista in fase di progetto.
Il servizio di ICMQ, rendicontato in dettagliati report tecnici in tutte le sue fasi, non si sovrappone in alcun modo al ruolo degli altri soggetti coinvolti - progettisti, direzione lavori, impresa -, ma anzi fornisce loro uno strumento di supporto, allo sviluppo della progettazione e al monitoraggio dell’esecuzione delle opere.
Sempre nel campo della certificazione energetica, ICMQ si è spesa negli anni anche per mettere a disposizione dei suoi certificatori il software Building Designer, uno strumento di valutazione rigoroso, sviluppato in collaborazione con il dipartimento Energia del Politecnico di Milano, in conformità alle normative tecniche vigenti e certificato dal CTI (Comitato termotecnico italiano).


Un caso applicativo: il Residence Prometeo a Oderzo
La Marson Costruzioni di Motta di Livenza (Tv) ha utilizzato la procedura Sistema Edificio® per la certificazione energetica di un edificio di nuova costruzione, il Residence Prometeo a Oderzo.
Si tratta di un edificio residenziale con 11 unità immobiliari complessive. La struttura portante è in calcestruzzo armato, con pareti perimetrali a cassa vuota e isolamento nell’intercapedine o a cappotto esterno; la copertura ha struttura lignea con coibentazione ed intercapedine debolmente ventilata; i serramenti sono in legno con doppio vetro basso emissivo, mentre i sistemi di oscuramento sono prevalentemente costituiti da scuri in legno.
Per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria l’edificio è servito da un generatore combinato, centralizzato, costituito da una caldaia a condensazione a metano, dotata di una pompa che si aziona solo all’attivazione del generatore di calore. La distribuzione dell’impianto di riscaldamento è di tipo verticale con colonna montante nelle pareti del vano scala, dove ai vari piani sono collocati i contabilizzatori, dai quali si diparte la rete di distribuzione interna agli alloggi. Il fluido termovettore è spinto da una pompa che si arresta in mancanza di richiesta; il sistema di emissione è costituito da pannelli radianti annegati a pavimento e radiatori scalda-salviette nei servizi igienici; una sonda climatica esterna governa la temperatura di mandata dell’acqua da parte della caldaia e nei vari locali vi sono cronotermostati o termostati ambiente.
Il generatore di calore alimenta inoltre due bollitori da 1000 litri ciascuno destinati a contenere l’acqua calda sanitaria ed è integrato con un impianto solare termico; la circolazione tra i bollitori e i 10 collettori di tipo vetrato piano, installati sulla falda del tetto esposta a Sud, è garantita da una pompa governata da una centralina solare.
Infine, ciascuna unità immobiliare è dotata di un impianto di ventilazione meccanica a doppio flusso con recuperatore di calore del tipo entalpico.

La verifica in fase di progetto
La procedura per conseguire l’Attestato di qualità della certificazione energetica Sistema Edificio® è iniziata fin dalla fase di progettazione mediante una valutazione preliminare finalizzata a prevedere la prestazione energetica dell’immobile basandosi sul progetto esecutivo. La valutazione ha consentito al committente e al suo team di progettazione di valutare la convenienza economica e la possibilità tecnica di migliorare energeticamente l’intervento, anche avvalendosi dei suggerimenti che l’ispettore-certificatore ICMQ ha fornito nel rapporto tecnico di verifica. Le conseguenti modifiche progettuali, sottoposte nuovamente a valutazione preliminare, hanno elevato la classe prestazionale di ben 8 delle 11 unità immobiliari: 7 da classe B a classe A e 1 da classe C a classe B.

La verifica in fase di esecuzione
In fase di realizzazione l’ispettore ICMQ ha condotto l’attività di auditing presso il cantiere di Oderzo, con una serie di visite ispettive finalizzate a verificare l’esecuzione delle opere e la loro corrispondenza con quanto previsto dal progetto. Per ciascuna visita è stato emesso un rapporto tecnico con le evidenze delle verifiche documentali effettuate in sito e le non conformità che potevano avere un impatto negativo sulla prestazione energetica. Questo ha consentito di monitorarle e gestirle tempestivamente, addirittura migliorando la prestazione finale: al termine dei lavori la classe certificata di 3 delle unità immobiliari si è incrementata rispetto alla valutazione preliminare (2 dalla classe B alla classe A e 1 dalla classe A a quella A+), mentre per le rimanenti unità immobiliari non si è registrato alcun peggioramento rispetto a quanto previsto.
Come rendicontato nel conclusivo Rapporto tecnico finale in fase di costruzione, che accompagna l’emissione degli attestati di certificazione energetica cogenti, il completo controllo da parte della committenza delle non conformità segnalate da ICMQ sul cantiere, così come la raccolta di tutta la documentazione tecnica (inerente materiali, componenti tecnici e meccanici), sono valsi all’intervento di Oderzo il rilascio dell’Attestato di qualità della certificazione energetica Sistema Edificio®. ICMQ ha così concesso alle opere certificate l’uso del marchio ed il rilascio della targa ICMQ-Sistema Edificio® che, apposta esternamente al fabbricato, ne valorizza la qualità.

 


 

ICMQ Istituto Certificazione e Marchio di Qualità per prodotti e servizi per le costruzioni
Via G. De Castillia, 10 - 20124 MILANO
tel 02 7015081 - fax 02 70150854
www.icmq.org