Ingegneri del nordest a scuola di PNRR studiano criticità e strategie per attuare il Piano

Sono già più di 200 i professionisti che hanno accettao di partecipare ad una serie di incontri, organizzati dall'Ordine degli Ingegneri di Venezia, che punta ad una consistente operazione tecnico culturale per l'alta formazione delle abilità necessarie per attuare il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza nei territori che dalle Alpi si affacciano sul mare Adriatico.


5 appuntamenti in totale. Focus a 360° su tutte le opere del PNRR del nordest

Sono oltre 100.000 gli iscritti agli albi professionali del Veneto nei settori tecnico ed economico giuridico, di questi oltre 15.000 ingegneri che a Mestre con i loro presidenti, presso la sede dell'Ordine Ingegneri Venezia, hanno presentato un importante progetto, per ora l'unico nel panorama del nordest. 

L'obiettivo è chiaro e si punta ad una consistente operazione tecnico culturale per l'alta formazione delle abilità necessarie per attuare il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza nei territori che dalle Alpi si affacciano sul mare Adriatico. Come fosse un Bauhaus contemporaneo, la sede formativa sarà la torre Eva in acciaio e vetro che svetta sulla pianura veneta, all'uscita Castellana della Tangenziale di Mestre.  

L'interesse per il tema si vede dal boom adesioni. In pochi giorni di apertura delle iscrizioni si registrano già 202 adesioni

Alla presentazione sono intervenuti i vertici degli ordini professionali a dimostrazione che il PNRR coinvolge in modo multidisciplinare una vasta platea di esperti.  Mariano Carraro, Presidente dell'Ordine Ingegneri Venezia, Patrizia Gobat, Presidente del CUP Comitato Unitario Professioni del Veneto, Michele Pelloso della Regione del Veneto in qualità di Direttore Direzione Sistema dei Controlli attività ispettive e SISTAR, Pasqualino Boschetto Presidente della FOIV Federazione Ordine Ingegneri Veneto, Gustavo Rui Presidente della Fondazione Ingegneri Veneziani, Sandro Boato, Presidente del Collegio Ingegneri Venezia.

 

Ingegneri del nordest a scuola di PNRR studiano criticità e strategie per attuare il Piano

 

La prima sessione gratuita inizia il 28 gennaio. Poi sono previsti altri quattro eventi con un programma che si articola ogni venerdì fino al 25 febbraio. Le figure coinvolte sono molteplici poiché viene affrontata la complessità delle opere a 360°, anche quelle complementari, che si andranno a realizzare nei territori. Liberi professionisti impegnati nella programmazione, progettazione, consulenti, direzione lavori e collaudo, responsabili del procedimento e soggetti dediti alle attività di supporto ai medesimi.

Nel corpo dei docenti sono presenti specifiche professionalità di provenienza regionale che assicurano una piena conoscenza anche dell’evolversi delle procedure di realizzazione del PNRR. I temi trattati riguardano gli ambiti di maggiore criticità nelle diverse fasi realizzative delle opere a partire dalle fasi propedeutiche quali la valutazione di impatto ambientale e quella strategica, le procedure delle bonifiche e quelle per gli appalti, nonché i contenziosi che ne derivano, l’esecuzione dei lavori, i monitoraggi.