Le soluzioni Gras Calce protagoniste del restauro della Basilica di Santa Maria Maggiore a Nicosia

Per il restauro della facciata e della copertura del principale edifico liturgico della località in provincia di Enna è stata utilizzata la malta naturale per muratura e intonaco a base di calce idraulica naturale NHL, Malta Antica di Gras Calce.


Per il restauro necessari materiali di qualità e compatibili con gli originali, come le soluzioni Gras Calce

Oltre agli aspetti legati all’utilizzo di tecniche costruttive antiche e alla presenza di possibili problematiche di carattere strutturale, gli interventi di restauro su edifici storici presuppongono di necessità anche l’utilizzo di materiali compatibili con quelli originali ma che siano allo stesso tempo in grado di offrire le massime garanzie anche sotto il profilo prestazionale. È proprio questo il contesto operativo affrontato nei lavori che hanno interessato la copertura e il prospetto di facciata principale della Basilica di Santa Maria Maggiore di Nicosia, in provincia di Enna, che ha visto tra i protagonisti le soluzioni Gras Calce per il restauro di edifici storici e di particolare valore architettonico.

La basilica di Santa Maria Maggiore sorge su una rupe che domina l'abitato di Nicosia ed è stata ricostruita nel 1767 dopo che la precedente chiesa di Santa Maria La Scala, edificata nel XII secolo, andò distrutta nella grande frana del 1757. Un decennio dopo, su progetto dell’architetto catanese Giuseppe Serafini, iniziarono i lavori di ricostruzione del nuovo edificio sacro, che si conclusero nel 1904. Il prospetto della chiesa in stile barocco è incompiuto, e insiste su un limitato sagrato accessibile mediante una scalinata in pietra.

 

Le soluzioni Gras Calce protagoniste del restauro della Basilica di Santa Maria Maggiore a Nicosia

 

La facciata, ripartita su due ordini, è animata da tre aperture in corrispondenza delle navate, tra cui spicca un portale tardo barocco finemente scolpito, sormontato da una grande finestra rettangolare e affiancato da due ingressi minori. All’interno, la basilica evidenzia un impianto a tre navate inframezzate da arcate a tutto sesto su pilastri cruciformi e transetto aggettante; una grande cupola su pennacchi di raccordo a un tamburo ottagonale si erge sulla crociera del transetto, mentre la copertura è a volta a botte nella navata centrale e a cupolette ribassate nelle navate laterali.

Sia la sezione incompiuta del prospetto di facciata, realizzata in pietra e calce, che la copertura principale evidenziavano diffusi fenomeni di degrado, il cui contenimento e recupero era reso ulteriormente complesso dalla natura dei materiali originali e dalle particolarità della costruzione, che richiedevano di conseguenza l’utilizzo di tecniche di intervento e soluzioni compatibili con le preesistenze sia dal punto di vista funzionale che estetico.

Il progetto è stato elaborato degli Arch. Antonino Renda e Arch. Saverio Renda del Laboratorio per l’Archi¬tettura Storica S.T.P. srl di Palermo.

I lavori, affidati all’impresa Italcostruzioni del Gruppo Fiscella di Nicosia, sono stati preceduti da una campagna di indagine volta a definire con precisione lo stato di conservazione della basilica per poi individuare le tecniche di intervento e i materiali più appropriati per la loro esecuzione. La scelta dell’impresa è in particolare caduta su una delle soluzioni messe a punto da Gras Calce per questi specifici ambiti di applicazione, la malta naturale per muratura e intonaco a base di calce idraulica naturale NHL Malta Antica.

 

Basilica di Santa Maria Maggiore a Nicosia

 

Malta Antica è specificamente formulato per la realizzazione di intonaci esterni e interni, anche con valenza architettonica e cromatica, interventi di riparazione tipo scuci - cuci, interventi di ripristino localizzati, intonaci per il restauro, intonaci fortemente traspiranti e come malta da muratura per mattoni in argilla, laterizi, tufo e pietre naturali, specifico per contesti di Bio-edilizia.

Impastabile sia a mano che in betoniera, il prodotto presenta una elevata lavorabilità e modalità di applicazione particolarmente semplici. Dopo avere opportunamente preparato la superficie di posa, l’applicazione può essere effettuata indifferentemente a mano o a macchina in spessori fino a 3 cm in caso di intonaco o 2 cm in caso di posa di mattoni o pietre come nel cantiere di Nicosia.

 


SCOPRI DI PIU' SULLE SOLUZIONI GRAS CALCE


 

Chi è l’impresa

La storia del Gruppo Fiscella inizia nel 1902. L’azienda ad oggi opera prevalentemente in Sicilia, Piemonte e Lombardia, nel settore della costruzione e ristrutturazione di fabbricati ad uso civile e industriale, strade, parcheggi, piste ciclabili, ecc., sviluppando sempre maggiore esperienza nella realizzazione di lavori per conto di Enti e Pubbliche Amministrazioni.

Oggi Italcostruzioni applica le più innovative soluzioni nel settore dell’edilizia, e le sue realizzazioni sono la testimonianza più importante per mostrare ciò che è in grado di fare.

Quando possibile, anziché utilizzare i comuni prodotti realizzati chimicamente, vengono selezionati materiali da costruzione naturali, non nocivi ed ecologici, sin linea con i dettami della “Bioedilizia”.

La continua attenzione alle migliori tecniche costruttive e all’uso di materiali di qualità, la possibilità di partecipare ad appalti pubblici di elevato valore architettonico e urbanistico, l’abilitazione alla ristrutturazione di edifici tutelati dalla Soprintendenza ai Beni Culturali, certificano il modo di operare e di relazionarsi con la clientela.

Alla base delle attività dell’impresa vi è un costante orientamento alla qualità garantita dalla certificazione ISO 9001, e dalle SOA ottenute per diverse categorie (OG1 IV – OG2 II – OG3 II – OG6 I – OG11 III – OS18 II – OS21 III).


Logo Laterlite